Google+

«Non siamo assistenti sociali. Serviamo Gesù nei poveri». Perché il mondo odia Madre Teresa

settembre 5, 2016 Leone Grotti

Madre Teresa, canonizzata ieri in piazza San Pietro, ha scandalizzato il mondo mettendo paradossalmente al centro Dio e non l’uomo. E il mondo non gliel’ha perdonato, costruendo castelli di accuse assurde

madre-teresa-calcutta

Madre Teresa, canonizzata ieri in una gremita piazza San Pietro, non è mai stata una donna da santino. La sua fede profonda, le sue azioni clamorose, il suo esempio luminoso hanno sempre diviso, fin dal principio, attirando e cambiando la vita a decine di migliaia di persone da una parte, scatenando odi e gelosie dall’altra. Il mondo, che pur l’ha sempre lodata per la sua attività caritatevole, non le ha mai perdonato il motivo per cui si chinava a ripulire corpi immondi dai vermi: lei non serviva l’uomo, ma Gesù. Per dirla con Giovanni Paolo II: «Era a Gesù stesso, nascosto sotto le vesti angoscianti dei più poveri tra i poveri, che era diretto il suo servizio».

«NON ERA SANTA». Così, in questi giorni, tra le centinaia di articoli che glorificano Madre Teresa, ne sono usciti altrettanti che la demonizzano. Le critiche sono sempre le stesse e sono state ben riassunte da MicroMega, che pochi giorni fa ha titolato così un articolo: “Madre Teresa NON era una santa”. L’ingerenza del giornale laicista negli affari della Chiesa mira a criticare la «beatificazione a tempo di record [arrivata] dal Vaticano» e la canonizzazione.

LE SEI ACCUSE. Viene riassunta la ricerca di Serge Larivie e Genevieve Chenard, che «hanno studiato più di 300 documenti», arrivando alle seguenti conclusioni: 1) I moribondi raccolti per le strade da Madre Teresa, e lì abbandonati dai loro stessi familiari, non venivano curati nel modo che la scienza moderna ritiene più adeguato. 2) Con tutti i soldi che riceveva, la santa avrebbe potuto aprire una clinica d’eccellenza, dove prestare le migliori cure, e invece non l’ha fatto. 3) Invece che aiutare economicamente le vittime dei disastri naturali che hanno colpito l’India, ha solo fornito «sostegno religioso», preferendo trasferire i fondi su conti segreti (quest’ultima accusa è preceduta dal verbo «pare che»). 4) Era amica dei dittatori di tutto il mondo. 5) Condannava l’aborto in modo «particolarmente dogmatico». 6) Approfittava degli ultimi momenti di vita dei poveri per battezzarli senza il loro consenso.

«NON SIAMO ASSISTENTI SOCIALI». Perché, dal New York Times al Washington Post, dalla Cnn al Daily Mail, fino a MicroMega, tutti ci tengono a ripetere le stesse identiche accuse, la stessa identica solfa? Per un motivo semplicissimo, che Madre Teresa una volta spiegò così: «Noi non siamo assistenti sociali, non siamo insegnanti, né infermiere, né dottori: noi siamo suore religiose. Noi serviamo Gesù nei poveri. La nostra vita non ha ragioni o motivazioni diverse da questa. E questo è proprio il punto che tante persone non capiscono».

LO SCANDALO. Il paradosso per cui servire Dio è il modo migliore per beneficiare l’uomo o che per esaltare l’uomo bisogna mettere al centro Dio, è per questi giornali insopportabile. Aiutare «i più poveri fra i poveri», e occuparsi di quelle persone che nessuno vuole neanche guardare, è considerato un bellissimo gesto umanitario, ma se lo si fa per servire Dio diventa uno scandalo. Madre Teresa ha scandalizzato il mondo e il mondo non gliel’ha perdonato, ricoprendola di accuse assurde. La carità va lodata finché nasce da uno sforzo volontaristico che esalti l’uomo, va condannata invece quando nasce dalla fede che esalta Dio.

L’INTERVISTA DI TERZANI. Madre Teresa ha sempre cercato di nascondersi, di mettersi in secondo piano, di non farsi vedere. Ma era impossibile. Addirittura scrisse: «Se mai diventerò una santa, sarò sempre assente dal Paradiso per accendere la luce di chi è nell’oscurità sulla Terra». Parole insopportabili per chi identifica la salvezza con il benessere materiale. Per quanto riguarda le accuse, così ben formulate e ragionate, si può rispondere con un racconto fatto da Madre Teresa a Tiziano Terzani: «Una volta mi capitò di prendere un uomo coperto di vermi — mi racconta —. Mi ci vollero delle ore per lavarlo e togliergli uno ad uno tutti i vermi dalla carne. Alla fine disse: “Son vissuto come un animale per le strade, ma ora muoio come un angelo” e morendo mi fece un bellissimo sorriso. Tutto qui. Questo è il nostro lavoro: amore in azione. Semplice».

P.S.: Uno dei più grandi accusatori di Madre Tersa, Christopher Hitchens, è stato chiamato a testimoniare durante il processo per la causa di beatificazione. Lì, come affermato a tempi.it dal postulatore della causa, Brian Kolodiejchuk, disse che «la sua antipatia per madre Teresa è nata quando, nella seconda parte della sua visita alle opere delle missionarie della Carità a Calcutta, caduto il discorso sulla questione dell’aborto lei gli disse che la soluzione per le donne che volevano abortire era che partorissero e dessero il figlio in adozione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Luca scrive:

    Sempre dall’intervista di Terzani, sollecitata se scegliere tra Chiesa e Galileo, rispose giustificando la sua scelta che sembrava contraria alla scienza (“Oggi la grande fede dell’Occidente”): “Allora perché l’Occidente lascia morire la gente per le strade? Perché? Perché tocca a noi a Washington, a New York, in tutte queste grandi città aprire dei posti per dar da mangiare ai poveri. Diamo cibo, vestiti, rifugio, ma soprattutto diamo amore perché sentirsi rifiutati da tutti, sentirsi non amati è ancor peggio che avere fame e freddo. Questa è oggi la grande malattia del mondo. Anche di quello occidentale.”

    E’ il solito gioco: per screditare quel che una persona afferma con la sua vita e talvolta con le sue parole, perché ricorda cose che non piacciono, verità che si vogliono negare, si cerca di distruggere la persona. Lo faceva il KGB in Unione Sovietica, lo fa la Mafia in Italia, ma è davvero triste che lo facciano anche i sedicenti “illuminati”.

    • Carlo scrive:

      Quali sono le risposte alle numerose accuse, documentate da diverse riviste mediche, rivolte a MTeresa di abbandono e maltrattamenti ai malati?

      Che fine hanno fatto i tanti soldi accumulati nel corso degli anni?

      • paolo scrive:

        Conoscendo l’anima della “scienza medica” ufficiale, un tantino calvinista, utilitarista, e “humeaniana” non mi meraviglierei delle accuse verso gli altri del proprio peccato, quanto ai soldi, lei, conosciuta da me personalmente, e indegnamente, rifiutava persino i sussidi della Santa Sede…alleluia!

      • Marco scrive:

        Hai mai visto un premio Nobel pulire e consolare uno sporco e orripilante senzatetto???
        E quanto si faceva pagare x farlo???
        Madre Terrsa non lavorava per qualcosa (denaro), ma per qualcuno ( Dio).
        Per questo la calunniano…

        • Carlo scrive:

          Eh però i soldi c’erano perchè sono documentati, una quntità enorme giunta peraltro da personaggi ccriminali come BabyDoc e Douvalier..

          I malati raccolti da MTeresa venivano poi ammassati in condizioni igieniche terribili ed esposti a gravi infenzioni e morivano cosi, perche secondo la dottrina cristiana dovevano espiare le colpe del mondo…

          questa sarebbe una santa? la risposta sarebbe che la scienza … è “calvinista”?

          • Luca scrive:

            “Perché secondo la dottrina cristiana dovevano espiare le colpe del mondo”… Ma questa perla di saggezza da quale documento della Chiesa arriva? Immagino ci siano studi profondi sulla Chiesa per arrivare ad una conclusione così profonda.

            Secondo me si sono invertite le cose (come da maetstri della mistificazione citati sopra): non sono le suore che ammassano i malati, ma li raccolgono da dove il mondo “civile” li abbandona! Poi li puliscono, li nutrono e si, soprattutto li amano. Quanto ai soldi mica li estorcono.

            Sono sicuro che molti illuminati e teorici delle cure perfette diranno che questo no non va bene, non è sufficiente. Perfetto! Si facciano avanti con le loro azioni piuttosto che con le loro parole e saranno più credibili. Fino ad allora magari avessero l’intelligenza e l’umiltà di saper osservare senza il prosciutto davanti agli occhi.

            • patrizio scrive:

              Eh, Luca, la trollona malefica sai quanti moribondi ha ripulito dai vermi in vita sua…e non ha nemmeno trovato una madre Teresa che li togliesse a lei, magari la incontrasse.

              • oriettasantamaria scrive:

                i poveri erano pieni di vermi, erano sudici? Per quello li sottoponevano alla cura dei bagni freddi, ottima cura per chi e’ moribondo.

            • andrea udt scrive:

              Se vuoi fare l’ateo fallo bene.

              Come Dio comanda mi verrebbe da scrivere.

        • Aragorn scrive:

          Marco ma anche perchè quando ha ritirato il Nobel, i presenti alla assegnazione, venivano invitati al
          pranzo celebrativo. Santa Teresa di Calcutta, quel giorno, “sequestrò” la somma per il pranzo per i
          suoi poveri. Immagina lo scandalo-come San Francesco- per tutti gli “invitati” per il digiuno.

  2. Paolo scrive:

    Madre Teresa voleva portate Gesu’ ai poveri ma la carita’ la forza per la carita’ la traeva dalla preghiera. Pregava molto. Al prete Angelo Comastri, poi divebmnuto cardinale disse SENZA DIO SIAMO TROPPO POVERI PER AIUTARE I POVERI.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana