Google+

«Nei nostri studenti ci sono le stesse domande che muovevano Ungaretti, Calvino, Dante»

febbraio 3, 2012 Daniele Ciacci

Intervista a Pietro Baroni, professore e direttore del convegno “Colloqui fiorentini”, che dal 23 al 25 febbraio riunirà a Firenze 2.000 ragazzi da tutta Italia per lezioni e seminari. «La nostra idea è quella di stare “dentro” la scuola in un modo diverso».

Tra il 23 e il 25 febbraio si terranno i Colloqui fiorentini, organizzati dall’associazione Diesse Firenze. Il tema dell’undicesima edizione sarà Ugo Foscolo. Nel capoluogo toscano sono attesi 2.000 ragazzi da tutta Italia per lezioni e seminari. L’obbiettivo è «far vedere a studenti e docenti un modo nuovo di studiare». Tempi.it ne parla con Pietro Baroni, professore e direttore del convegno.

Come è nata questa iniziativa?
In modo molto semplice, quasi spontaneo: proporre al mondo della scuola il modo in cui alcuni docenti insegnano l’italiano. Il nostro metodo ci sembrava vero, appassionante e fortemente educativo. E, dall’altra parte, facevamo fronte al crescente cinismo e alla crescente disillusione di chi insegnava.

In cosa consiste questo metodo?
Riportare l’uomo al centro dello studio della letteratura. Non temi, non poetiche, non argomenti: ma l’uomo in quanto tale. Quando si studiano le lettere, il primo passo è sempre storicizzare e contestualizzare. Il testo è un pretesto per parlare di altro. Invece, bisogna permettere agli studenti di incontrare Foscolo come se fossero al bar, davanti a un caffè. E funziona. Il primo convegno, nel 2002, era su Eugenio Montale. Era un esperimento: volevamo vedere se la nostra proposta poteva interessare. Aspettavamo solo un centinaio di adesioni, ma si presentarono in più di 400.

E i numeri continuano ad aumentare…
Sì. Quest’anno ne attendiamo circa 2.000. Ci siamo proposti di non fare un convegno d’élite su autori poco conosciuti. La nostra idea è quella di stare “dentro” la scuola in un modo diverso. Per questo i numeri crescono. Lavoriamo sempre su scrittori del programma scolastico: Montale, Ungaretti, Calvino, Svevo ma anche Dante, Leopardi, Manzoni. Inoltre, il convegno è interattivo: gli studenti devono partecipare con un elaborato. Non si viene esclusivamente ad assistere.

Quali sono le ragioni del vostro successo?
Il passaparola. Noi mettiamo i nostri manifesti e inviamo circolari. Ma quello che fa la differenza è l’entusiasmo dei partecipanti. Gli invitati vengono per assistere a un convegno e trovano qualcosa che cambia la loro vita. Letteralmente. Un’insegnante venuta ai Colloqui fiorentini per vincere il concorso letterario, sentendo le relazioni e i seminari degli studenti, aveva capito che non c’era alcuna possibilità. Voleva tornare a casa con i suoi studenti. Il giorno seguente, ascoltando nuovamente gli interventi appassionati dei ragazzi, ha telefonato al marito e ha detto: «Non torno più, qui sta succedendo qualcosa che sta cambiando la mia vita».

Non rischia di essere un'”isola felice” che allontana i ragazzi dai problemi di tutti i giorni?
Assolutamente no. L’incontro “personale” con un testo fa scoprire l’assoluta attualità del cuore dell’uomo. Che è sempre lo stesso. Nei nostri ragazzi – e in noi docenti – ci sono le stesse domande che muovevano Ungaretti, Calvino, Dante. Non c’è attualità più attuale di questo dramma. Si pensi a Foscolo, in tema questa edizione. In uno degli ultimi brani delle sue Lettere di Jacopo Ortis, lancia alla società l’accusa di «non mantenere la promessa di felicità che fa a tutti gli uomini». Di conseguenza, Jacopo si isola: «Io sono un mondo in me stesso». Nei miei studenti, vedo la stessa cosa. Si isolano. Non perché non avranno un posto fisso, o non andranno in pensione. Ma perché la società delude le loro promesse di felicità.

Chi sostiene i Colloqui fiorentini?
Abbiamo il patrocinio della Regione, del Comune e della Provincia. Siamo nell’elenco delle eccellenze, quindi tutte le scuole sono a conoscenza dei nostri convegni. I premi in denaro offerti alle tesine migliori sono finanziate dal Ministero. Solo l’Università di Firenze non ci ha mai dato il patrocinio, nonostante la collaborazione con diversi docenti e le nostre reiterate richieste.
Twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.