Google+

È morta Yueyue, la bambina cinese investita da due camion e ignorata dai passanti

ottobre 21, 2011 Redazione

La piccola di due anni, investita da due furgoni e lasciata soffrire in strada, è morta. Il video, circolando sulla rete ha sollevato migliaia di proteste e alcune amare riflessioni sullo stato di degrado morale della Cina capitalista-comunista

Pubblichiamo un articolo apparso oggi sul sito asianews.it. Il video cui fa riferimento l’articolo lo trovate qui (le immagini sono molto crude)

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Una bambina di due anni investita da due camioncini e ignorata da almeno 18 passanti, è morta stamane in un ospedale di Foshan (Guangdong). Le immagini della sua tragedia, diffuse su internet, hanno infiammato gli animi di milioni di blogger che criticano il materialismo e l’immoralità della società cinese.

I video di sorveglianza del 13 ottobre mostrano la piccola Wang Yue (familiarmente chiamata Yueyue) che viene investita da un camioncino che si allontana senza prendersi cura di lei e lasciandola sanguinante sulla strada.

Nei sette minuti seguenti vi sono decine di persone che le passano vicino a piedi o in bicicletta e nessuno si ferma a soccorrerla. Un altro camioncino la investe e le rompe le gambe. Solo una donna spazzina la trascina ai bordi della strada fino a che non accorre la madre, una migrante che gestisce un piccolo negozio.

Portata all’ospedale, i dottori hanno subito detto che la piccola Yueyue, in coma, non sarebbe sopravvissuta. Quest’oggi la dichiarazione di morte per “fallimento sistemico degli organi”.

L’incidente e ora la sua morte hanno suscitato milioni di commenti sui blog che mettono in questione la moralità della Cina. “Spero – dice un commento – che questo piccolo angelo, gettato via dalla società, agisca come una sveglia per la nazione sull’importanza dell’educazione morale”.

I due autisti che hanno colpito Yueyue sono in prigione. Il Partito comunista del Guangdong sta pensando di varare una legge che obblighi le persone a dare aiuto a coloro che si trovano in evidente difficoltà. Ma i blogger affermano che l’educazione viene prima delle leggi.

Va detto che molti in Cina esitano ad aiutare persone in difficoltà perché talvolta è accaduto che alcuni “buoni samaritani” sono stati accusati di colpevolezza e obbligati a pagare coloro che avevano aiutato.

In ogni caso, per molti blogger, la morte della piccola Yueyue è la conferma che i valori tradizionali della Cina sono ormai consumati e il materialismo ha inaridito ogni slancio di compassione e di morale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download