Google+

Il martirio di Zakhar. «Pentiti, infedele. Convertiti all’islam e avrai salva la vita»

aprile 6, 2017 Leone Grotti

Prima di uccidere in Egitto il cristiano copto Bahgat Zakhar, i jihadisti dell’Isis gli hanno dato la possibilità di salvarsi. Ma lui ha rifiutato

Era sulla “lista delle persone da uccidere” dello Stato islamico, ma convertendosi all’islam avrebbe potuto salvarsi lo stesso. Invece Bahgat Zakhar, cristiano copto di 58 anni e padre di due figli, ha preferito restare cristiano. Ed è stato brutalmente assassinato con un colpo di pistola alla testa.

CACCIA AL COPTO. Zakhar è uno degli otto cristiani uccisi in pochi giorni dai jihadisti nella città di el-Arish, Sinai del Nord, Egitto. La serie di omicidi a febbraio aveva causato la fuga di oltre mille cristiani (su 1.700 residenti nella zona). Ora molti stanno tornando alle loro case, anche se l’Isis ha tutto l’interesse di tornare a colpirli per mettere in difficoltà il governo egiziano. In tanti invece restano nella città di Ismaliya, dove hanno trovato rifugio.

«CONVERTITI E SEI SALVO». Tra questi ultimi c’è la moglie di Zakhar, che ha raccontato al Times come è avvenuto l’omicidio del marito in base al racconto di alcuni testimoni. I jihadisti lo hanno raggiunto armati di pistole. Lui, che sapeva di essere sulla lista nera, è andato loro incontro per stringergli la mano. Loro lo hanno preso, lo hanno fatto inginocchiare e, puntandogli la pistola alla tempia, gli hanno intimato: «Pentiti, infedele. Convertiti all’islam e avrai salva la vita». Lui si è rifiutato scuotendo la testa e i terroristi l’hanno freddato.

«NON CI SENTIAMO SICURI». Fawzia si chiede come sia possibile che suo marito sia stato ucciso in pieno giorno. «Dopo averlo assassinato non sono neanche scappati. Hanno continuato a camminare per strada. Non temevano di essere arrestati dalle forze di sicurezza, nonostante fosse pieno di agenti in giro», continua. Ora ha paura per il figlio 17enne, Maros: «Potrebbero venire a prenderlo in ogni momento».
George e sua moglie Sabreen, rispettivamente 62 e 53 anni, sono tornati a el-Arish, anche se hanno paura: «Siamo sulla lista, non ci sentiamo al sicuro. L’Isis sa benissimo dove trovarci». Il cristiano non critica polizia o esercito però: «Le forze di sicurezza soffrono forse più dio noi: anche loro vengono massacrati».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download