Google+

Maometto l’europeo

febbraio 22, 2017 Leone Grotti

Qual è il nome più diffuso tra i nuovi nati nelle città del Vecchio Continente? Ricognizione anagrafica da Oslo a Milano, passando per Molenbeek

europa-nomi-nuovi-nati

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

All’inizio gli inglesi l’hanno quasi nascosto, come se il multiculturalismo esaltato in teoria non fosse poi così apprezzato nelle sue conseguenze pratiche. O forse era solo un problema di orgoglio ferito, forse non andava giù che il nome portato da un famoso condottiero, da anni preferito dalle famiglie per chiamare i figli maschi, Oliver, venisse soppiantato da quello di un altro grande uomo in armi, che però non ha niente a che fare con la storia e la tradizione della Gran Bretagna: Mohammed. Oliver si chiamava Cromwell, un po’ Lord protettore e un po’ dittatore, un po’ regicida e un po’ genocida (verso i cattolici scozzesi e irlandesi), ma in ogni caso osannato dal popolo in un sondaggio del 2002 come uno dei dieci uomini più grandi della storia britannica. Maometto, invece, è il profeta dell’islam, una parola che entrò nel vocabolario inglese solo nel XVII secolo.

Oppure è stato davvero solo un banale errore dell’Ufficio nazionale di statistica: sta di fatto che nel 2008 per la prima volta Londra si è accorta che il nome più diffuso tra i nuovi nati della capitale era quello del messaggero di Allah. Solo allora qualcuno si è preso la briga di riunire insieme tutte le varianti con cui è chiamato a seconda della provenienza geografica: Muhammad (Pakistan), Muhammed (Africa), Mohammed (Arabia), Mohammad (Iran e Afghanistan) e ancora Mohamed e Muhammadu. E così si è scoperto che Maometto superava di gran lunga gli Oliver, i Jack, i Daniel e ancora tutti gli altri nomi presenti nell’attuale famiglia reale come George, Harry o William.
Anche in base ai dati 2016 è stato il più scelto dai londinesi. Non solo, è il più utilizzato in tutta l’Inghilterra: nel 2015 sono nati 6.941 Oliver e 7.361 Maometto. Allargando la visuale al Regno Unito, si scopre che primeggia anche a Cardiff e nell’intero Galles. In futuro il divario tra Maometto e gli altri potrebbe ulteriormente allargarsi se è vero, come scritto dal Sun l’anno scorso riprendendo Google Trends, che la ricerca di “nomi arabi” online è aumentata del 350 per cento.

Londra non è certo l’unica capitale europea “maomettana”. Da anni la maggior parte dei nuovi nati si chiama come il profeta ad Amsterdam, dove secondo gli ultimi dati statistici sono stati scalzati i più tradizionali Adam e Max. Anche in altre città dei Paesi Bassi, come Rotterdam e Utrecht, è il nome più popolare. Lo stesso vale per L’Aia, dove ha sede quella Corte penale internazionale non riconosciuta dai paesi della penisola arabica come l’Arabia Saudita, dove Maometto, ironia della sorte, nacque.
Al fondatore dell’islam si richiamano ormai anche la maggior parte dei bambini nati a Oslo. Maometto ha raggiunto la vetta della classifica norvegese per la prima volta nel 2014, quando surclassò Jan e Per, una circostanza definita «davvero eccitante» da Jørgen Ouren, membro dell’ufficiale Statistisk Sentralbyrå. Da allora non è più sceso dal primo posto e anche nel 2015 ha superato William e Oskar.

Dalla rigida Norvegia al più mite Belgio cambia poco. A Bruxelles nessuno si stupisce più, visto che Maometto (riunendo le diverse varianti) domina le statistiche fin dal 2008 e gli Adam, i Gabriel, i Noah hanno perso ogni speranza di riprendersi il posto che tradizionalmente occupavano. Il dato dei nomi ovviamente ha un valore più che altro simbolico: in nessuna capitale europea le persone di religione islamica sono diventate la maggioranza. Semplicemente ogni famiglia musulmana dà tradizionalmente al primo figlio maschio il nome del profeta.

Il segnale è però ugualmente importante, soprattutto nella capitale belga: qui la percentuale dei musulmani ha raggiunto il 25 per cento (contro una media nazionale del 6 per cento) e ha toccato addirittura il 40 in quartieri tristemente noti come Molenbeek. Da qui provenivano molti degli attentatori di Parigi e Bruxelles, definiti «eroi» dal 90 per cento dei giovani musulmani che studiano nelle scuole del quartiere. Nella capitale il 47 per cento dei bambini a scuola sceglie le lezioni di religione islamica, mentre quella cattolica è seguita solo dal 23,3 per cento degli alunni. Dallo Stato che ospita le istituzioni europee, infine, sono partite per combattere il jihad in Siria 600 persone. Queste, rapportate al numero esiguo della popolazione, fanno del Belgio il paese occidentale che ha fornito più combattenti al Califfato.

Anche nell’insospettabile Israele
Maometto è un nome molto diffuso anche a Parigi. Nella capitale francese nel 2015 è salito al quarto posto, subito dietro a Gabriel, Adam e Raphael. A Berlino invece è ventiduesimo, a Stoccolma trentacinquesimo. Nelle altre capitali europee come Lisbona, Berna, Vienna e Madrid ha scarsa rilevanza statistica.

E in Italia? L’Istat purtroppo «non fornisce i dati divisi per territorio» e il Comune di Roma non risponde alle richieste (ha ben altro per la testa in questo momento). A Milano, invece, dove spicca Leonardo, Mohamed compare al cinquantunesimo posto. Ma non è solo l’onomastica dell’Europa ad essere cambiata radicalmente negli ultimi dieci anni. Anche un paese insospettabile come Israele ha conosciuto lo stesso stravolgimento e a partire dal 2014 il nome David, “l’amato da Dio”, è stato soppiantato da Maometto, il “degno di lode”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download