Google+

Lo so chi è Mauro

giugno 16, 1999 Scalpelli Sergio

L’assessore allo sport e giovani di Milano, ottimo condirettore
di Tempi e brillante protagonista della tribuna politica lombarda,
rientra dal “sonno” in cui si era messo causa dissenso con la linea motivatamente pacifista di questo giornale, per motivatamente
sostenere il nostro candidato a Strasburgo

Ci sono temi che avranno grande importanza nella prossima legislatura europea. Non penso tanto a quelli collegati alla riforma istituzionale del ruolo del parlamento e alla sua connessione con le dimensioni più complesse e sofisticate dovute alla nascita della moneta unica. Vale a dire il tema generale, da tutti sottolineato, della costruzione di un’Europa come soggetto politico e di difesa credibile, in grado di dotarsi di una politica internazionale comune e quindi di non essere una sorta di succursale degli Stati Uniti. Soprattutto quando si tratta di affrontare grandi decisioni strategiche che si sviluppano sul territorio europeo comunitario e nell’area dei paesi ex comunisti.

Mi riferisco ai temi dello sviluppo economico, della giustizia e della libertà di educazione e di formazione. In questo senso, nell’area di Forza Italia vi sono candidati che, per storia personale, professionalità e per i movimenti di opinione che li sostengono, potranno meglio di altri rappresentare tali esigenze. Candidati che come Marcello Dell’Utri porteranno l’enorme tema dello stato di diritto nel vivo della politica europea; e candidati come Francesco Fiori, grande esperto delle politiche agricole, che potranno confrontarsi ad alto livello con uno dei nodi fondamentali dello sviluppo europeo.

Tuttavia ritengo la formazione e l’educazione il tema politico per eccellenza. In questo senso è importante che Mario Mauro porti nel parlamento europeo quel punto di vista sostenuto da milioni di famiglie, di cittadini e di ragazzi che sottolinea il valore della libertà di educazione non per rivendicare una nicchia per le scuole cattoliche come, spesso e volentieri, in modo malinteso, viene presentato da una certa vulgata giornalistica; ma piuttosto per garantire ai ragazzi una possibilità di scelta nel ciclo formativo non incanalabile nella sola realtà della scuola statale. Il che vuol dire portare a una dimensione europea e collegare i temi della libertà di formazione a ciò che grandi correnti di opinione, soprattutto in Francia, ma non solo, da tempo rendono evidente. E cioè che il monopolio della scuola statale sul medio periodo porta al disastro del ciclo formativo: come in tutti i monopolii, accade che tra logiche pansindacalistiche esasperate, egemonie culturali che si stratificano fino a diventare inscalfibili e sterili, capaci solo di ripetere punti di vista stantii e superati sulla storia, sul mondo, sulla vita e sulla memoria collettiva, infine vengono mortificate non solo la libera scelta delle famiglie e dei ragazzi, ma l’intera crescita civica e civile di un paese. Portare perciò questa battaglia, condotta da un cattolico di formazione popolare e liberale, in un contesto europeo emancipandola dalla semplicistica logica della difesa degli istituti cattolici, è una grande occasione. Lo dice un laico convintissimo che, anzi, lega il nocciolo duro della sua formazione allo storicismo gramscian-crociano; ma che si rende conto che nel problema delle pari opportunità per tutti di scegliere un cammino formativo si colloca la riforma delle riforme. Siamo di fronte cioè a un tema che supera le scelte politiche e i percorsi parlamentari per determinare il futuro e la possibilità di crescita di un paese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.