Google+

Lettera aperta di un insegnante a don Colmegna: Milano non ha bisogno dello statalismo di Pisapia e lei lo sa

marzo 17, 2012 Gianni Mereghetti

Caro don Colmegna, guardiamo alla posta in gioco: senza la sussidiarietà sarà più difficile la stessa opera di costruzione a cui lei sta dedicando la vita, lei lo sa, perché ben sa che lo statalismo erige barriere per impedire a chi si muove per un bisogno di costruire. Perché vuole votare per Pisapia, che al posto della sussidiaretà vuole ridare al potere comunale un orizzonte totale? Milano non ha bisogno di uomini politici che presumono di rispondere a tutti i suoi bisogni, Milano chiede uomini politici capaci di valorizzare la ricchezza e la varietà di iniziative sociali che la caratterizza

Carissimo don Virginio Colmegna,

ho letto la sua lettera al settimanale Tempi in cui chiarisce le ragioni della sua indicazione a “non votare Moratti e il suo capolista”. La ringrazio della sincerità, questo permette di entrare nel merito delle questioni, senza nascondersi dietro il vuoto di tante parole. Lei fa una scelta di stili di vita, preferisce quelli di Pisapia a quelli della signora Moratti. Mi piacerebbe capire perché mai non siano evangelici quelli della signora e del suo capolista, mentre sarebbero stili di vita “evangelici” quelli di un candidato sindaco che ha proposto la depenalizzazione dello spaccio di droga, la legalizzazione dell’eutanasia, il sostegno a chi vuole interrompere la gravidanza, l’istituzione del registro comunale per le coppie gay.

Molto strano il suo ragionamento sugli stili di vita e, mi permetta, di una coerenza che lascia molto a desiderare. Mi chiedo se lei, come tutti i signori che agitano la questione morale, non introducono nei loro ragionamenti un fattore che non ha nulla a che fare con la morale perché è un’opzione ideologica. Lei invita a scegliere per stili di vita, in realtà quello per cui chiede di votare non ha come fondamento una morale perché è una scelta politica di campo. Facciamo chiarezza su questo per finirla una volta per tutte di nasconderci dietro la questione morale, come se a destra ci fossero i libertini mentre a sinistra gli uomini tutti d’un pezzo, coerenti, morali. Questa è una bella favola, che cade se si ha il coraggio di guardare alla realtà.

Se lei avesse un minimo di realismo dovrebbe dire che gli stili di vita per cui vota non hanno nulla a che fare con quelli evangelici! Per questo, caro don Colmegna, guardiamo alla posta in gioco e proviamoci a guardare con la stessa sincerità e lealtà che lei propugna. Lei è un uomo impegnato nella solidarietà, sta dando la vita per i poveri, per i sofferenti, è esemplare nel suo sacrificio e come tutti gli uomini che costruiscono opere di condivisione del bisogno sa che la speranza di tutte queste opere ha un nome, è la sussidiarietà. Senza la sussidiarietà sarà più difficile la stessa opera di costruzione a cui lei sta dedicando la vita, lei lo sa, perché ben sa che lo statalismo, il centralismo della politica, la onnicomprensività dell’amministrazione cittadina significano erigere barriere per impedire a chi si muove per un bisogno di costruire.

Lei è molto sensibile alla sussidiarietà, perché vuole votare per una politica come quella di Pisapia che al posto della sussidiarietà vuole ridare al potere comunale un orizzonte totale? Lei vuole andare contro ciò per cui si sta impegnando, non le sembra assurdo? Provi ad usare minimamente la ragione, provi a guardare chi oggi nella politica può salvaguardare l’iniziativa delle persone, il popolo come protagonista della risposta ai bisogni che incontra. Sono i suoi poveri in gioco, sono coloro che vengono da lei con tutto il loro bisogno a chiederle di essere ragionevole, di capire chi dentro il mondo politico milanese vuole il loro bene. Non chi vuole ridare forza all’amministrazione, attribuendole il compito di risolvere tutti i bisogni, ma chi sceglie di valorizzare l’iniziativa di tutti noi che i bisogni li conosciamo perché li condividiamo.

Carissimo don Colmegna, sono i suoi poveri la posta in gioco di questa campagna elettorale, non li abbandoni proprio in questa scelta decisiva, lei sa che quando si rimanda al potere la risposta al bisogno, gli esiti sono disastrosi, il potere non risponde al bisogno, il potere può servire e valorizzare chi opera come lei condividendo il bisogno, chi dà la vita per i poveri e i sofferenti. Milano non ha bisogno di uomini politici che presumono di rispondere a tutti i suoi bisogni, Milano chiede uomini politici capaci di valorizzare la ricchezza e la varietà di iniziative sociali che la caratterizza.

La ringrazio per l’attenzione,

Gianni Mereghetti, insegnante.

Fai la tua domanda a Letizia Moratti, il sindaco risponde.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

59 Commenti

  1. malta1565 says:

    “Concepisco il cristianesimo come lo concepiscono, o l’hanno concepito, Padre Alex Zanotelli, Don Milani, Don Colmegna (perdonami Virginio per gli accostamenti), Don Gallo, Mons. Bettazzi, Carlo Maria Martini, Dionigi Tettamanzi, ed altre centinaia di migliaia, milioni, di cristiani e laici sparsi per il pianeta”…in estinzione come le loro eresie
    una buona compagnia. Cmq concepisci pure perchè non c’è niente da concepire. il cristianesimo è Uno e la vostra è a tutti gli effetti una nuova patetica, moralistica, clericale religione che ha da tempo sostituito il vangelo con la costituzione.

    • pse says:

      Gentile signore,
      non so come la pensino le altre persone che sono intervenute in questa discussione (si davvero non stiamo scrivendo sotto dettatura dei commissari politici di Pisapia!!). Per quanto mi riguarda io voglio solo eleggere il sindaco di Milano. Quello in carica ritengo abbia male operato, praticamente sotto tutti i punti di vista: sia per gli aspetti meramente non ideologici (non so pulizia delle strade o gestione del traffico), sia per quelli a più alto contenuto ideologico che sono effettiva competenza del sindaco e del comune (ad esempio la politica delle scuole materne comunali). Questa battaglia ideologica è stata introdotta da voi, ed è naturale che vi si risponda anche su questi punti.
      Per concludere, apprendo dalle sue parole con interesse e con un certo stupore che i simpatizzanti di CL come lei ritengono il cardinal Martini e il cardinal Tettamenzi due eretici. Beh si lasci dire che è lei (e chi la pensa come lei) che da l’impressione di sentirsi di molto superiore agli altri.
      Cordialità

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi