Google+

Le Sentinelle in piedi si preparano a vegliare in 10 piazze

novembre 21, 2014 Sentinelle in piedi

Dopo la mobilitazione di 10 mila persone il 5 ottobre scorso, le Sentinelle in Piedi si preparano a nuove mobilitazioni

sentinelle-monzaDopo la mobilitazione di 10 mila persone il 5 ottobre scorso, le Sentinelle in Piedi si preparano a nuove mobilitazioni, per testimoniare che in Italia c’è un popolo che veglia, in piazza come nella vita, per non subire gli attacchi continui e pervasivi che mirano a ridurre la natura e il cuore dell’uomo.

Nel mese di settembre il tribunale per i minorenni di Roma ha riconosciuto l’adozione di una bambina da parte della compagna della mamma, creando un precedente pericoloso: si tratta del primo caso in Italia di stepchild adoption, ovvero dell’adozione da parte di coppie omossessuali. Nel frattempo, sempre a colpi di sentenze la magistratura ha aperto la via alla fecondazione eterologa, che di fatto dà la possibilità anche alle coppie formate da persone dello stesso sesso di “produrre” un bambino.

Il Governo ha annunciato un progetto di legge sulle unioni civili che ricalca il modello tedesco, in cui in sostanza le unioni saranno equiparate al matrimonio in tutto e per tutto, adozione compresa. Diversi sindaci italiani, in aperta violazione della legge italiana e del loro ruolo, hanno trascritto matrimoni tra persone dello stesso sesso contratti all’estero, mentre chi si è opposto a questa mossa è stato sottoposto alla gogna mediatica.

Lo stesso trattamento è stato riservato una professoressa di Rivarolo Canavese, per aver trattato dell’ideologia gender in un breve articolo sul Bollettino della sua parrocchia e ad un’altra insegnante piemontese, per aver trattato la questione dell’omosessualità in classe.

Dirsi contrari a questa ideologia dominante oggi è considerato un atto di “omofobia”, un’accusa che potrebbe trasformarsi in reato se dovesse essere approvato al Senato il ddl Scalfarotto, già approvato dalla Camera, che con il pretesto di impedire atti di aggressione e violenza nei confronti di persone con tendenze omosessuali, in realtà limita la libertà di espressione, non specificando neppure che cosa si intenda per “omofobia”.

Per questo nello scorso mese, dopo la veglia nazionale del 5 ottobre, le Sentinelle in Piedi hanno vegliato a Treviso, Pordenone, Palermo e Subiaco (Rm) e per questo si preparano nuove mobilitazioni. Si veglierà:

  • Sabato 22 novembre a Trieste alle 17.00 in piazza Ponterosso
  • Domenica 23 novembre a Palestrina (Rm) alle 17.30 in piazza S. Maria
  • Domenica 29 novembre a Caserta alle 19.00 in via Mazzini
  • Sabato 13 dicembre a Bolzano, Forlì, Brescia e Milano (piazza e orario da definire)
  • Domenica 21 dicembre a Verona alle 17.30 in Piazza Bra.  

Perché in silenzio? In un mondo immerso nel rumore caotico dove ogni risposta possibile diventa legittima, le Sentinelle in Piedi scelgono il  silenzio come unico antidoto a questa nuova forma di dittatura, perché vogliono dare voce a quel bisogno bruciante di verità, prima condizione per diventate uomini pienamente liberi, cioè veramente soddisfatti. Vegliano in silenzio, affinché anche altri uomini possano cominciare a risentire quella voce e ad averne nostalgia. E lo fanno pubblicamente per testimoniare che insieme si può vivere ancora così e che non c’è dispotismo che possa impedire all’uomo di essere libero senza il suo consenso.

Perché un libro? Le sentinelle leggono perché in un mondo in cui tutto viene manipolato dai mezzi di comunicazione non si accontentano di informazioni imparziali. Leggono per conoscere in profondità.

Perché in piazza? Perché la coscienza è qualcosa che dall’interno dell’uomo può cambiare il mondo, e la piazza è il luogo dove può avvenire l’incontro autentico con l’altro. Le Sentinelle in Piedi non cercano visibilità nel circo mediatico, non si prestano ad utilizzare un linguaggio fuorviante e discriminatorio, si rifiutano di essere strumentalizzate

Silenziose si inverano, leggendo si formano, nel tempo discernono e imparano ad amare, le Sentinelle in Piedi esistono per rendere l’uomo libero già ora, e sanno quindi di essere uno strumento politico solo di conseguenza.

Solo una coscienza irriducibile a ogni omologazione e menzogna potrà cambiare la logica di un potere che anziché servire l’uomo cerca di controllarlo.

Sentinelle in Piedi

info@sentinelleinpiedi.it

Su Facebook: Sentinelle in Piedi

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

59 Commenti

  1. Shiva101 scrive:

    Ancora co ste buffonate… una religione ridotta a perseguitare i gay per dare credito alla sua esistenza!!

    Che roba…

    • yoyo scrive:

      Non abbiamo bisogno delle Sentinelle. Ogni campanile che suona vi ricorda che esistiamo.

    • Sempre scrive:

      Forse se ti informassi sapresti che si veglia per difendere la famiglia, non per negare qualcosa a qualcuno. Se pensi che leggere un libro è persecuzione, ti consiglio di rivedere le tue posizioni.

      • Filomena scrive:

        Faccio solo presente che ritenere che non tutte le persone in virtù di un orientamento sessuale diverso dal proprio, non siano degne di avere gli stessi diritti delle altre, è di fatto negare qualcosa a qualcuno! I diritti civili dovrebbero venire prima di quello che vuoi definite “ordine naturale delle cose” perché significa mettere al centro dell’universo la persona e non la vostra idea di natura delle persone.

        • Toni scrive:

          @Filomena

          Grazie del tuo “faccio solo presente”, ne avevamo bisogno….ma ti faccio io presente che non è sufficiente che quattro mentecatti si mettono d’accordo per stabilire che le proprie esigenze compulsive escano dall’ambito privato e diventano diritti e che gli altri (addirittura) si devono accodare.
          Ma ti ringrazio comunque del tuo fare presente perché denota la tua sensibilità

          Io dico brave Sentinelle sanno quello che fanno e sono coraggiose.

          • CarloP scrive:

            @Filomena

            L’argomentazione che le Sentinelle così facendo negano dei diritti a qualcuno è vera !!…Ma di limiti necessari alla convivenza è un fatto connaturato alla convivenza . Anche tu avrai viaggiato in macchina ma per farlo devi utilizzare le strade e queste devono essere percorribili … quindi neghi il diritto a qualcuno di parcheggiarci in mezzo ( o sono gli altri a negarti il tuo ? ) . Ovviamente la cosa è meno evidente nel caso in questione, ma le regole della convivenza sono un insieme di limiti che ci poniamo assieme per vivere assieme. Permettimi di osservare che i diritti civili che citi, meriterebbero una più ampia discussione, soprattutto sul fondamento.

          • Paolo scrive:

            Sig. toni le faccio presente che prima di utilizzare certi termini tipo “compulsivi” bisognerebbe essere ben certi di non usarli a sproposito, onde evitare brutte figure.
            Ora, dato che è evidente che l’opposizione ai diritti delle famiglie omoparentali sia solo il compulsivo attaccamento ad ideologie religiose che non tollerano di essere sbugiardate fino davanti all’evidenza, risulta palese che le posizioni di queste “sentinelle” (che le esprimano tenendo in mano un libro o facendo altro non cambia nulla) siano la pretesa di imporre le proprie idee discriminatorie (smentite dalla realtà dei fatti) a tutta la società, pretendendo che gli altri si debbano adeguare (cosa che mai avverrà).
            Quindi libero lei e libere le “sentinelle” di vivere secondo i diktat della vostra ideologia religiosa, questo fintanto che non intacca la sacrosanta libertà degli altri nel seguire invece la propria strada/natura e nel ricevere doverosi diritti.

        • KravMaga scrive:

          Avere un figlio ad ogni costo non è un diritto ma un capriccio. Il semplice fatto di desiderare ardentemente una cosa (e qui si parla di persona indifesa!) non dà il diritto di prensersela con qualunque mezzo.
          Si adottano bambini perchè hanno perso il loro contesto naturale di crescita che è costituito da una mamma e un papà quindi si deve cercare un’altra mamma e un altro papà. punto.

          tutto il resto sono fantasie.
          atroci fantasie

    • diabolik scrive:

      Shiva non essere timido, a Bologna sei stata la prima delle Sentinelle ad arrivare con il libro in mano !

    • Roberto Fiori scrive:

      Credimi, questi con i veri cristiani e i veri cattolici non c’entrano assolutamente nulla!

      • Giovanni Antonio scrive:

        Non c’entrano?
        C’entrano eccome – è cristianesimo puro nelle sua più fetente espressione. Comincerò a credere che non c’entrano nulla con il cristianesimo quando un papa si affaccerà al balcone e ne rinnegherà l’operato.

        • EquesFidus scrive:

          C’entriamo eccome, anzi c’entriamo così tanto che quando verrà il giudizio della storia alla fine di questa, delirante, moda vi presenteremo un conto bello salato. E non potrete dire che i cattolici non vi abbiano avvisati.

          • Filomena scrive:

            Adesso passiamo alle minacce, ma gli aggressori non erano i gay?

            • EquesFidus scrive:

              Minacce di cosa? Alla fine, tutti dobbiamo fare i conti con la storia; e se lo fanno i cattolici, non vedo come gli lgbt possano pensare di essere al di sopra di ciò.

  2. Luisa scrive:

    A volte si riesce a farsi sentire meglio col silenzio che con le urla.
    Forza sentinelle, l’Italia del buon senso è con voi!
    E non preoccupatevi di soggetti come Shiva101, capaci solo di prepotenze (reali o virtuali, come il commento sopra) conseguenti della pochezza dei loro argomenti.

    • Fran'cesco scrive:

      Forza Sentinelle!
      (I commenti di cui sopra danno forza e giustificano le veglie, perché vuol dire che ci sono ancora italiani che non hanno capito chi sono e cosa chiedono le Sentinelle)

      • Gabriele scrive:

        Le Sentinelle fanno bene a continuare: Scalfarotto per ora ha desistito perchè ha incontrato una resistenza maggiore del previsto, ma non ha certo rinunciato e alla prima occasione cercherà di far approvare la sua legge liberticida.

    • luca scrive:

      luisa ora che la legge non esiste e non è discussa vi limitate a leggere e fate i moderati… vedremo quando la legge sarà approvata quanto moderati sarete…
      ma vergognatevi, invece di fare le veglie contro i gay fate le veglie contro le guerre che c’è più bisogno!

  3. Angelo Ventura scrive:

    Care Sentinelle, in tutti i paesi civili, tranne il nostro, coppie e famiglie gay sono riconosciute, ormai. Chi vuole ridurre l’essere umano a schemi ideologici eterosessisti siete voi, abbiate pazienza. Avete una presunzione e una boria tipica de fondamentalisti, e il vostro rifiuto di capire che l’amore e’ amore, che sia etero o gay, vi rende complici delle violenze e delle persecuzioni contro persone innocenti colpevoli solo di amare e divoler vedere riconosciuto il loro amore. Vi credete coraggiosi, ma siete solo dei vili omofobi e razzisti. Affrontate la realta!

    • giovanni scrive:

      Angelo Ventura smettila di raccontare banalità sull’amore che tu, probabilmente, confondi la pulsione sessuale. Il sentimento (l’amore è amore) non può essere alla base delle scelte della società perché, come sanno molti pluridivorziati, può essere molto variabile. Gli schemi ideologici poi non li abbiamo inventati noi ma milioni di anni di evoluzione.

      • Filomena scrive:

        Forse bisognerebbe accettare l’idea che le scelte di una società possono anche essere molto variabili in base alla cultura che cambia. Ognuno di noi vive il proprio tempo come di fatto dimostra la storia e non saranno certo le scelte sessuali a determinare l’esistenza degli uomini sulla terra, posto che siamo miliardi di persone e che ad estinguere il genere umano eventualmente potrebbero essere altri i fattori determinanti i quali però l’uomo finora ha dimostrato di saper controllare.

        • yoyo scrive:

          L ideologia gender si prefissa esattamente che le scelte sessuali individuali vengano imposti come norma indiscutibile a tutta la società.

          • Filomena scrive:

            Il fatto che le scelte individuali vengano imposte alla società, se ci pensi bene non nega nulla a nessuno. Viceversa imporre un modello unico di famiglia nega l’esistenza di scelte diverse. Quindi posto che qualcuno abbia la volontà di imporre qualcosa, facciamo si che almeno questa fantomatica imposizione sia per non togliere nulla a nessuno a prescindere dalle scelte individuali. Non ti pare più giusto e onesto?

            • yoyo scrive:

              In realtà ci sono scelte indiviuali che fanno bene alla società ed altre che la danneggiano. Il matrimonio gay è tra queste ultime perché è di natura sterile e, quindi, a carico dello Stato assistenziale.

              • Filomena scrive:

                Ma cosa stai dicendo!?? La famiglia non è una stampella e i figli non si fanno per aspettarsi da loro che facciano i badanti. Il sostegno quando ne hai bisogno a livello affettivo ti può venire da qualsiasi persona con la quale hai costruito un rapporto affettivo a prescindere dai legami di sangue. Dipende da che persona sei. Ci sono tanti figli o genitori che non si parlano da anni, come pure persone splendide che magari stanno alla porta accanto e che passi spesso a salutare e ad aiutare se hanno bisogno anche senza obblighi morali. Cerchiamo per favore di uscire da logiche basate solo su doveri morali perché non solo penalizzano tutti ma non portano neppure lontano.

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Povero Filomeno, ma che cavolo di famiglia hai avuto tu?
                  No, perché di norma e regola nelle famiglie normali ci si aiuta e per di più ognuno è pure contento di fare da “stampella” all’altro.
                  Di’ un po’, ma i tuoi ti hanno forse mandato a chiedere l’elemosina ai semafori?
                  P.S.: se si dovessero far compiere a personale esterno tutte le attività di cura familiare ne guadagnerebbe di certo il PIL, ma per pagare i salari di tutti ‘sti dipendenti ci vorrebbe il reddito mensile di Leo Messi.

        • Toni scrive:

          Tu devi accettare l’idea che le società non cambiano sempre in meglio. Questo è un mito che basta guardare la storia per accorgersi che è falso. Tu fai parte di un processo decadente e quindi è difficile avere consapevolezza di questo. Chi si oppone oggi apre opportunità migliori per il futuro.

          • Filomena scrive:

            Si da il caso peró che il mio assunto è dimostrato dal fatto che non viviamo più nelle caverne e che la vita media è andata progressivamente allargandosi. Il tuo invece che fermando un certo tipo di cambiamento sociale apra nuove opportunità per il futuro è legittimo come opinione personale ma non da dimostrare. Se l’uomo nel corso della storia avesse fermato ogni cambiamento semplicemente perché contrario alla natura, saremmo ancora la a credere che i fulmini sono espressione dell’ira divina.

            • Filomena scrive:

              Allargandosi e non allargandosi
              Opinione personale tutta da dimostrare…

              • yoyo scrive:

                L uomo delle caverne difendeva ed amava la sua famiglia. L uomo moddrno, col sedere al caldo, la devasta a piacimento.

            • Toni scrive:

              @ Filomena
              Perché i tuoi parametri di valutazione sono limitati alle caverne o alla vita media. E fai finta di non sapere che parte dei “nuovi diritti” altro non sono che la riproposizione di ancestrali impulsi che proprio per creare civiltà erano stati rimossi.
              Fai finta di non sapere che coltre la comodità di una casa e di una vita lunga , anche se inutile, non sono le uniche grandezze su cui si misura l’uomo. Oggi abbiamo un bambino viziato tecnologicamente ma che non sa nulla della vita se non succhiarsi il pollice. Misura, Filomena , la civiltà anche dall’infelicità di chi la vive … quante persone ricorrono a psicologi, quanti a psicofarmaci, quanti a droghe, quanti ad alcol, quanti si scoprono violenti, quanti si identificano in un branco.. ecc…
              Tu non sai niente di civiltà e neanche di felicità. Tutto è ventre da riempire …,. ed a parte questo non sapete dare niente. Il tuo “assunto” è limitato.

              • D.Ph kissinger scrive:

                Caro Toni, quante persone ricorrono alla religione. Te ne sei accorto negli ultimi anni, che tutti i poveri e frustrati e sfruttati del mondo sono diventati sempre più religiosi e fondamentalisti?

                • EquesFidus scrive:

                  Magari diventassero tutti religiosi e “fondamentalisti”, magari diventassero tutti cattolici!

                • Toni scrive:

                  @ D.Ph kissinger ,
                  ti faccio osservare che nel mio post non c’è nessun riferimento di carattere religioso. Credo che si possano smascherare certe follie senza ricorre alla religione.
                  Per quanto attiene la fede, anzi la mia fede cattolica, credo che non la conosci perché trovo che realizza la parte più nobile di un uomo, sia come singolo che come società. Poi, paradossalmente, il cattolicesimo tra le proprie regole impone che non si possa essere frustrati e fondamentalisti.

    • mike scrive:

      la realtà la affronteremo, tranquillo. cioè i frutti si vedranno. o magari già si vedono in altri paesi più “evoluti”. volendo parlare chiaro nella faccenda lgbt ci vedo sia un modo (non l’unico) per infastidire la religione cristiana sia un modo (pure qui non l’unico e pure questo sia chiaro) per costruire un mondo dove la popolazione mai crescerà ma anzi rischierà sempre di estinguersi. le due cose sono collegate, infatti il mezzo (per infastidire la religione cristiana) è anche il fine. se puoi o vuoi capire…
      in breve la cosa lgbt è solo un mezzo per raggiungere certi scopi. al potere laico degli lgbt frega poco, si servono di voi, e per me pensando a voi si fanno pure sonore risate.

    • EquesFidus scrive:

      I vili sono quelli che fanno i grossi coi cristiani sui Internet, mentre nella realtà non avreste né il coraggio di dare del “fondamentalista”, del “borioso” o dell'”omofobo” (qualsiasi cosa voglia dire) ad un cattolico né di andare a protestare contro altre religioni. Siete dei conigli mannari, che possono esprimersi così soltanto grazie al web e alla (fin troppo eccessiva) tolleranza dei cristiani; ma questo non vi qualifica come intelligenti o potenti come vorreste, ma solo come arroganti.

      • Filomena scrive:

        Abbi pazienza se parliamo di arroganza, voi che pensate di essere i detentori della verità, non avete nulla da imparare. Noi non pretendiamo che voi rinunciate alle vostre credenze, il problema siete voi che vorreste imporre le vostre agli altri.

        • Toni scrive:

          @ Filomena
          Casa ti impongono sti cattivoni?

          Ti puntano la pistola?
          Ti picchiano?
          Ti mettono un machete alla testa?

          Vogliamo istituzioni religiose dedite ad emanare leggi?

          O forse non ti danno carta bianca di stabilire a piacere chi deve vivere e chi deve morire?

        • EquesFidus scrive:

          Non dica idiozie, per favore. Anzitutto, noi siamo posseduti dalla Verità nella persona di Gesù Cristo, non la possediamo. Poi certo che volete imporre le vostre credenze ed i vostri riti (“matrimoni” ed adozioni gay, aborto, divorzio, eutanasia, eugenetica e compagnia cantante) a tutti, basti vedere certe leggi anti-cristiani come quella contro l'”omofobia” (qualsiasi cosa voglia dire) ed i progetti per limitare o abolire l’obiezione di coscienza! Ma che pensa, che sia così scemo da non accorgermi del pietismo e del vittimismo dietro i Suoi discorsi che celano una intolleranza spaventosa, che Lei usa la tolleranza stessa come clava contro chi la pensa diversamente? Ma davvero mi reputa così idiota da credere che io non sappia che Lei voglia che, se proprio non voglio rinunciare al Cristo, almeno io rinunci alla coerenza per il “rispetto degli altri” (sempre a senso unico, ovvio) e simili sciocchezze? Ma perché mi devo annichilire, perché noi cristiani dobbiamo sempre annichilirci e voialtri no? Ma che pensa, che la maggior parte dei cristiani abbiano scritto “imbecille” in fronte?

    • Giannino Stoppani scrive:

      Secondo me invece, caro Angelo Ventura, le sentinelle in piedi sono davvero un manipolo di coraggiosi, visto che si beccano senza fiatare gli insulti vigliacchi e vergognosi come quelli che hai scritto tu.

  4. Anche io con le sentinelle in piedi contro la dittatura del pensiero unico.

  5. Giancarlo scrive:

    Quando a Roma, sono pronto con il mio libro ad unirmi silenzioso a voi

  6. Lizuz scrive:

    Sentinelle, l’ammóre è ammóre, non potete farci nulla! 😉
    Di questo passo coloro che oggi starnazzano e reclamano nuovi modelli di convivenza, un giorno resteranno inorriditi dalla deriva che hanno preso le loro idee.
    Il male come il bene non ha confini.

  7. GG scrive:

    Consiglierei un ripasso di biologia animale…visto che gli accoppiamenti tra esemplari dello stesso sesso sono comuni in tutte le specie del mondo animale, insetti! Consiglierei anche di indirizzare tutto questo odio, fastidio e parole piene di astio contro magari chi picchia e violenta mogli, compagne, figli.
    Dai sia buono Sig. Davide, stia sereno, e questo odio magari lo inserisca nella lista di peccatucci da comunicare al suo confessore!

    • Filomena scrive:

      Concordo, sig. Davide, chiunque tu sia,
      STAI SERENO….

    • Toni scrive:

      Ciao GG
      I libri di biologia leggili tutti, non solo quelli che vedi avallate le pulsioni che ti piacciono. Ci trovi pedofilia stupro (singolo ed in gruppo), zoofilia, cannibalismo, incesto.

      • Raider scrive:

        La biologia animale non dice che dagli accoppiamenti gay fra animali nascano cuccioli della specie. Insigni etologi, come Lorenz – non un cristiano -, ritenevano che certi comportamenti non funzionali all’evoluzione avessero spiegazioni “simboliche” che non autorizzavano comparazioni con l’umanità. Rimane il fatto che la natura non può essere, di volta in volta, Madre o Matrigna. E sulle origini dell’omosessualità non c’è conordia fra gli studiosi. Tanto che gli stessi gay respingono ogni ricerca sulle cause dell’omosessualità: è così perchè è così. Poi, però, vogliono il gender nelle scuole per spiegare a bambini e adoloscenti quello che non spiegano: e dare ai giovani il tipo di indottrinamento che fa felici i pedofili: dalla teoria alla pratica.

        • veritas scrive:

          Ovvio… le sentinelle a momenti se passa la legge scalfarotto finiscono in carcere e quelli che vanno li a minacciarli intimorirli …(addirittura ho letto di persone che hanno sputato ad una mamma con la carrozzina……) sono le povere vittime incomprese. Che tristezza veramente!!!! Perche’ non possiamo neanche piu dire la nostra… perche’ dovete imporvi cosi con la forza? Perche’ siete cosi violenti e vi diamo cosi tanto fastidio se siete certi di essere nel giusto? Chi e’ sicuro della sua scelta sta in pace con se stesso e con gli altri..,. Il fatto che in fondo lo sapete che non vi state comportando bene e cercate di soffocare l unica vera verita’….

          • Paolo scrive:

            quanta fantasia sig. veritas…lo sa vero che invece chi si oppone alla Verità sono proprio queste “sentinelle”?

            • Giannino Stoppani scrive:

              La Verità, quella con l’iniziale maiuscola, prima o dopo te la troverai davanti il grugno.
              Spero per te che quel giorno non tu la scambi per la “fatina dei denti”.

  8. LU scrive:

    Bisogna saper cogliere il positivo.
    Da 100 piazze, che poi erano 70, la maggior parte con poche decine di persone, a 10 probabilmente altrettanto vuote.
    In compenso stavolta ci saranno tanti poliziotti, e certamente qualcuno di loro tolta la divisa si dedica a pratiche omosessualiste.

    • Raider scrive:

      Ecco come vi fate ragione, genderisti che temete piazze vuote e “poche decine di persone”: con la fantasia, specie il genere di fantasie sul prossimo che vi rappresentano in tutto e per tutto: tipo Sentinelle “violente” (i poliziotti senza divisa siete voi, fanatici psico-poliziottti dei ddl alla Scalfar8 e del Pensiero Unico).
      W LE SENTINELLE IN PIEDI!

  9. mike scrive:

    @ Pier Luigi Tossani: apprezzo l’iniziativa delle sentinelle in piedi, però devo dire che sono anche d’accordo con lei. ho anche io l’impressione che la cosa si vada inflazionando.

  10. pierangelo scrive:

    Ognuno manifesta cio che pensa dunque le sentinelle hanno tutto il diritto di farlo. La violenza si e’ visto da che parte stava. Se oggi mi sento gay e domani mi sento trans e’ possibile che il giorno dopo mi senta un passerottino e magari potro’ anche volare……questa e’ la cultura ideologizzata a cui andiamo incontro….Cmq un abbraccio fraterno a tutti..

  11. luca scrive:

    fossi in voi almeno mi presenterei un minimo preparato alle domande a questi raduni. perché ad ogni intervista fare delle figure barbine!
    state diventando la barzelletta della società, vi presentate in 30 a manifestazioni CONTRO la libertà altri.
    ormai in televisione siete il soggetto preferito per i comici… comincerei a farmi delle domande!

    infine, ma ci andate a fare in piazza?
    la legge contro l’omofobia? neanche l’ombra.
    il matrimonio gay? tolta qualche SIMBOLICA trascrizione (osteggiata neanche fosse stata una cosa valida a qualche fine) non ci sarà mai… o almeno non ci sarà mai con il governo di questo burattino, pagliaccio!
    per ora non avete nulla da preoccuparvi, fino a che non interviene l’europa l’italia non si smuove di un solo centimetro.
    anche se però la notizia infondo non è poi così buona neanche per voi. questa inerzia non è dovuta al fatto che si parla di gay ma al fatto che i nostri politici sono dei cani lenti , pigri e stupidi….

  12. bahhh scrive:

    Io farei un solo minuto di silenzio, ma per la morte dei vostri cervelli, con la speranza che ne abbiate almeno avuto uno!
    (Dedicato a tutti gli omofobi ottusi, ignoranti e repressi)
    Mi aspetto tante code di paglia :)

  13. Ridicoli scrive:

    Siete dei poveracci… Bigotti e ridicoli…

  14. francrsca scrive:

    Voi decidete che desiderare un figlio è un capriccio? Voi decidete cosa “non é giusto” fare? E voi sapete anche dirci come verremo “giudicati” in altra vita. Mah…ci incontreremo davanti a San Pietro, immagino! Quel giorno , almeno, evitate di leggere, vi perderete altrimenti “lo spettacolo” che siete certi di vedere! A Viterbo, nell’ultima veglia, dai vostri libri sbirciavate i nostri cartelli…e poi siete venuti a conoscerci per ricordarci che la “famiglia naturale” è composta da uomo e donna. Che cosa nuova! Ma non avete altro su cui vegliate? Preti pedofili? Suore che malmenano i bambini nelle loro scuole private? I vostri mariti o le vostre mogli che vi tradiscono? Ah…scusate, la famiglia “naturale” qualche capriccetto può toglierselo!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

È un dato di fatto: la mobilità a pedalata assistita è in costante crescita. A confermarlo sono i numeri: nel 2016 in Italia sono state acquistate 124.400 e-bike, prentemente mountain bike, con un incremento del 120% rispetto allo scorso anno. In sella alla bici elettrica il divertimento raddoppia, potendo contare sull’aiuto che il motore è […]

L'articolo EICMA 2017, le e-bike scendono in pista proviene da RED Live.

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana