Google+

L’arte di vincere, profumo di Oscar per Brad Pitt

gennaio 27, 2012 Paola D'Antuono

Arriva nelle sale italiane L’arte di vincere. Tratto da una storia vera, il film ha come protagonista assoluto un Brad Pitt in splendida forma, candidato ai Golden Globe come migliore attore e in odore di Oscar

Brad Pitt è diventato un grande attore. Si era già ampiamente intuito osservandolo in The Three of Life, controverso capolavoro di Terrence Malick ma la sua splendida interpretazione in L’arte di vincere mette il sigillo definitivo al salto di qualità che la star ha fatto nell’ultimo anno. Troppo sottovalutato a “causa” della sua bellezza da modello e della vita accanto ad Angelina Jolie, il tenace Brad ha saputo dimostrare al pubblico e alla critica di saperci fare davanti alla macchina da presa. L’arte di vincere è ispirato al libro del 2003 di Michael Lewis, Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game e racconta l’incredibile storia della squadra di baseball Oakland Athletics, guidata dal general manager Billy Beane. Alla fine della stagione 2001gli Oakland Athletics perdono l’ultima gara contro i New York Yankees e vengono abbandonati dalle loro stelle, ingaggiate da squadre in grado di offrire contratti più vantaggiosi. La situazione economica è a dir poco disastrosa e Beane è alla ricerca di una soluzione per rinforzare il team a un costo sostenibile per la società.
 

La svolta arriverà grazie all’incontro con Peter Brand, un giovane laureato in economia che ha messo a punto una strategia tanto affascinante quanto rischiosa: comporre una squadra formata interamente da giocatori che hanno subito infortuni o che risentono di alcuni danni fisici dovuti a incidenti in campo e che hanno visto scendere notevolmente le loro quotazioni nonostante le ottime capacità. Bean raccoglie la sfida del ragazzo, nonostante la ferma opposizione degli osservatori e dell’allenatore. I primi risultati sono molto più che deludenti, anche perché il couch si ostina a giocare in modo tradizionale, fino a quando il general manager cede anche l’ultima stella. Da lì in poi le cose iniziano a girare per il verso giusto.

Non è necessario conoscere il baseball per amare L’arte di vincere (Moneyball il titolo originale), magistralmente diretto dal candidato Oscar Bennett Miller. Lo sport americano per eccellenza è niente più che lo sfondo perfetto di una storia incentrata sulla tenacia  di un uomo che sfida il sistema – e di conseguenza se stesso – in nome di un’idea che è convinto possa funzionare. Un uomo dalla carriera sportiva poco brillante e forse sopravvalutata che decide di fidarsi di un metodo alternativo che lo porterà a scrivere il suo nome nella storia del baseball. Accanto a Brad Pitt spicca il titanico Philip Seymour Hoffman, che Miller aveva condotto all’Oscar in Truman Capote e che qui, in un ruolo da gregario, è capace di creare un’empatia fortissima con lo spettatore. Merito anche del suo carattere pragmatico e poco avvezzo alle chiacchiere, in netto contrasto con il general manager Beane, che dell’arte della contrattazione e di conseguenza delle parole ne ha fatto un mestiere. Ma i due personaggi non avrebbero di certo lo spessore che hanno se non fossero aiutati da una sceneggiatura scritta nei minimi dettagli, dal geniale Aaron Sorkin,  già creatore dei folgoranti dialoghi di The Social Network che qui non è da meno. Il film arriverà in Italia il prossimo 27 gennaio ed ha già guadagnato 4 nomination ai prossimi Golden Globe, tra cui migliore sceneggiatura e miglior attore per Brad Pitt. La corsa agli Oscar è già cominciata.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.