Google+

«La Sharia va implementata, Israele è un nemico». Il dibattito elettorale in Egitto

maggio 11, 2012 leone-grotti

A fine maggio l’Egitto elggerà il suo presidente. Due candidati, l’ex Fratello Musulmano Fotouh e l’ex uomo di Mubarak Moussa, si sono sfidati nel primo dibattito elettorale televisivo della storia del mondo arabo.

È stato il primo dibattito televisivo tra due politici nella storia dell’Egitto. Entrambi vogliono diventare presidente del paese nelle elezioni del 23 e 24 maggio prossimi, entrambi sono musulmani, entrambi sono “ex” e hanno un passato da cui vogliono affrancarsi. Il primo è Amr Moussa, ex ministro degli Esteri dell’era Mubarak, il secondo è Abdel Moneim Abouel Fotouh, favorito per la vittoria finale ed ex membro di Libertà e Giustizia, il partito dei Fratelli Musulmani, da cui è fuoriuscito. Le presidenziali egiziane si svolgono in un clima teso: diversi candidati sono stati estromessi dalla corsa da decisione giudiziarie, la Commissione che doveva redigere la nuova Costituzione è stata sciolta, il Consiglio supremo delle forze armate, che guida de facto il paese con pugno di ferro, non sembra intenzionato a lasciare il potere, soprattutto dopo gli ultimi scontri della scorsa settimana con gruppi salafiti prima e folle di egiziani poi, che hanno portato a centinaia di arresti e decine di morti.

I candidati, che hanno dibattuto per ben quattro ore davanti a milioni di telespettatori egiziani e più in generale arabi (è anche il primo dibattito televisivo della storia araba), si sono sfidati sulla concezione di Sharia, sul rapporto con Israele, sull’economia, la società, sulla rivoluzione e sul vecchio regime. Fotouh ha puntato tutto sulla militanza nel regime di Mubarak di Moussa, questi ha attaccato Fotouh per i suoi rapporti con Fratelli Musulmani e salafiti. Fotouh ha subito stoccato l’ex ministro chiedendogli, «in quanto membro del passato regime», come potesse considerarsi «parte della soluzione» per la rinascita del paese. Moussa non si è scomposto, aspettandosi la domanda, e ha preso le distanze dall’ex rais, affermando che quando il regime è caduto, l’11 febbraio, lui già non faceva più parte del governo. Di contro, ha rilanciato accusando Fotouh di essere ancora un membro dei Fratelli Musulmani e di essere in combutta con gli islamisti.

Per questo gli ha rivolto la domanda: «Una volta in una intervista televisiva hai detto che i musulmani possono convertirsi al cristianesimo e viceversa. Pensi ancora così?». La risposta è stata netta: la libertà religiosa è importante ed è necessaria una comprensione più moderata dell’islam. E il ruolo delle donne? «Le donne hanno un ruolo importantissimo nell’islam. Chi dice il contrario, è uno strumentalizzare». Poi ha rilanciato: «Quando dici che l’Egitto deve ispirarsi ai principi della Sharia, che cosa intendi?». Pronta la risposta dell’ex ministro: «Dovrebbero essere applicati i principi generali della Sharia come nella Costituzione del 1971. Tu invece, in che modo intendi applicare la legge islamica, visto che gruppi di radicali islamici ti appoggiano e che niente viene fatto senza qualcosa in cambio?». Fotouh è girato intorno alla risposta, negando l’assunto della domanda.

Su una cosa però si sono trovati d’accordo, a parte qualche lieve differenza semantica. Che cosa ne pensate di Israele e dell’Iran, ha chiesto loro un giornalista? L’ex Fratello Musulmano, se così si può chiamare, ha risposto: «Israele è un nemico occupante, che possiede 200 testate nucleari, che non rispetta le decisioni internazionali e attacca i simboli religiosi. La maggioranza degli egiziani ritiene Israele un nemico. L’accordo con Israele (Il trattato di pace del 1979, ndr) dovrebbe essere rivisto, le sezioni che sono contro il nostro interesse dovrebbe essere subito rimosse. Per quanto riguarda l’Iran invece io non sono contrario ad avere un rapporto con loro. Ma loro non devono fare proselitismo e diffondere la fede sciita in Egitto, così come noi non dovremmo cercare di portarli a quella sunnita». Moussa dal canto suo ha detto: «Israele è un nostro avversario e il Trattato va rivisto. Per quanto riguarda l’Iran, è un paese arabo e quindi non appoggerei mai una guerra contro di esso».

Moussa e Fotouh non sono gli unici candidati alle presidenziali egiziane. Ce ne sono altri 11, ma secondo i sondaggi il 21 giugno, data in cui il presidente verrà ufficialmente nominato, sulla bocca di tutti ci sarà uno di loro due. Fotouh è uscito meglio dal confronto televisivo ma a prescindere da chi vinca, certe affermazioni su Israele e Sharia non gettano una bella luce su uno dei passaggi fondamentali della Primavera araba.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. bhyr scrive:

    il talmud per la pace

  2. Ranee Mccoppin scrive:

    I just want to mention I am beginner to blogging and site-building and really liked your web-site. More than likely I’m planning to bookmark your blog . You definitely come with great well written articles. Many thanks for revealing your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana