Google+

Kisses on the bottom: il buon jazz di Paul McCartney

febbraio 13, 2012 Carlo Candiani

Paul McCartney fa una proposta sincera: omaggiare attraverso questi brani la figura del padre che, in gioventù, glieli fece scoprire.

Se avete più di cinquant’anni e siete nostalgici dello swing che fu, questo è il vostro cd. Ma anche se siete più giovani e vi diverte la vintage music di Michael Bublè e le scorribande di nonno Bennet con i vip del pop, potreste considerare questo album un’operazione che ha un senso. Insomma, non lasciatevi irretire dalla classica diatriba tra soloni che retoricamente continuano a chiedersi se registrare nel 2012 un disco di standard degli anni ’30 e ’40 sia superfluo o indispensabile; a favore di Paul McCartney resta la sincerità della proposta: cioè quella di omaggiare attraverso questi brani la figura del padre che, in gioventù, glieli fece scoprire. Brani che divennero poi, nel primo catalogo dei Beatles, un suo punto di riferimento culturale. Il recupero della memoria musicale, non è nuovo tra i Beatles: John Lennon lo fece già nel 1975 con “Rock’n roll”, lo stesso McCartney nel 1999 organizzò un ensemble estemporaneo e rilesse in “Run devil run”, con arrangiamenti essenziali e grezzi, alcuni classici del rock anni ’50.

In Kisses on the bottom, il “Macca” guarda ancora più indietro e la sua macchina del tempo recupera lo swing, il primo jazz, quello dei locali fumosi di New York e Harlem, dove nel leggendario Cotton Club si esibivano Duke Ellington e Cab Calloway. In attesa dell’esplosione del boogie di Glenn Miller. In questo cd, a suo modo rivoluzionario, l’ex beatle, affronta i brani non famosissimi con divertimento e passione, creando con la sua voce un’atmosfera senza tempo, fuori dai nostri giorni ansiogeni.

Merito, anche dei suoi illustri compagni di viaggio: una Diana Krall, presente in tutto l’album con la sua affidabile band, impegnata al piano e agli arrangiamenti. Una collaborazione tra due solisti, inedita e inusuale a questi livelli di professionismo e popolarità. In più, McCartney si avvale della London Symphony Orchestra che accompagna il tutto con eleganti e sognanti tappeti di violini. Da segnalare le altre “guest star” che compaiono nei due inediti, che si inseriscono a pieno titolo nel “mood” dell’intero cd: un Eric Clapton, sempre più slowhand, anche lui protagonista di un levigato e fin troppo “pulito” progetto vintage di un paio d’anni fa, e Stevie Wonder, che rimette in azione l’armonica a bocca, in una serie di croccanti contrappunti.

Concludiamo con una nota curiosa: in sede di presentazione, McCartney ha svelato di aver tentato di arrangiare brani dei Beatles in stile “jazzy”, ma di esserne rimasto perplesso. Strano, nella band che lo accompagna in questa nuova avventura musicale, compare John Pizzarelli, un valente chitarrista swing, che nel 1998 realizzò un azzeccato disco di cover “beatlesiane”, proprio con questo stile. Titolo: “John Pizzarelli meets the Beatles”. Vivamente consigliato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. de carolis filippo says:

    Non sopporto i Beatles, ma Paul Mc Cartney come solista e’ eccezionale, da sempre.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.