Google+

Kaigama, arcivescovo nigeriano: «Il governo fermi Boko Haram o le conseguenze saranno terribili»

gennaio 30, 2012 Leone Grotti

Intervista a Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos, una delle città nigeriane più colpite dagli attacchi di Boko Haram: «La setta islamica rigetta la cultura occidentale e la cristianità ne fa parte, per questo ci colpiscono. Speriamo che il governo con l’esercito, l’intelligence e la polizia riescano a controllare la situazione, altrimenti le conseguenze saranno terribili»

«La gente dovrebbe poter dormire tranquilla la sera, mandare i figli a scuola, andare in chiesa, in moschea e stare al sicuro. Non abbiamo mai visto qui in Nigeria una violenza di questo tipo, con le bombe, tutti sono spaventati. Anche i musulmani. Vogliamo la pace per la Nigeria ma per ottenerla non possiamo imbracciare le armi e rispondere con la violenza: dobbiamo restituire del bene per tutto il male che ci viene fatto». Parla così a tempi.it Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos, una delle città del nord della Nigeria più colpite dalla violenza e dagli attacchi dinamitardi della setta islamica di Boko Haram. Il 20 gennaio i terroristi hanno ucciso più di 250 persone a Kano, la seconda città più popolosa del paese, e qualche giorno dopo nove cristiani a Bauchi. Ieri il governo, che accusa la presenza di terroristi infiltrati nella polizia e nell’intelligence, ha arrestato 200 persone, sospettate di essere coinvolte negli attacchi. «Siamo noi i responsabili degli attentati» ha dichiarato oggi il presunto leader degli estremisti Abubakar Shekau. «Li ho ordinati io e lo farò ancora e ancora fino a quando Allah non ci darà la vittoria».

Arcivescovo, come stanno reagendo i nigeriani agli attentati degli ultimi mesi?
La gente ha molta paura. I nigeriani, con i loro gruppi etnici e religiosi, vivevano in pace da molto tempo. Ma questi attentati hanno cambiato tutto. Boko Haram non rispetta la vita, uccide cristiani e musulmani, senza distinzioni. Non hanno valori.

A subire gli attacchi però sono stati soprattutto i cristiani.
Loro rigettano la cultura occidentale e la cristianità ne fa parte, per questo ci hanno colpito a Natale. Molti nel nord sono spaventati, hanno paura di morire adesso. In realtà Boko Haram è un movimento religioso che vuole purificare l’islam e riportarlo al potere. Questo è il loro obiettivo, il potere.

Sta dicendo che alla base degli scontri non c’è una motivazione religiosa?
Sì c’è, ma non è quella principale. Una volta Boko Haram non era così violenta e così organizzata. Ora sono più sofisticati, riescono a fare attacchi al governo. Devono essere comandati da qualcun altro, che li sfrutta per il proprio potere e ricchezza personali. Non mi sorprenderebbe se si scoprisse che alle loro spalle ci sono politici o paesi stranieri.

Come si sta comportando il governo del cristiano Jonathan nei confronti degli attentati?
Non ci sono mai state tensioni di questo tipo, con addirittura l’esplosione di bombe. Il governo di certo non vuole questi attacchi, anche perché ne è vittima ma sembra impotente. Adesso siamo in pericolo perché c’è il rischio che la gente prenda in mano il potere e si arrivi all’anarchia. Noi speriamo che Jonathan con l’esercito, l’intelligence e la polizia riesca a controllare Boko Haram, altrimenti le conseguenze saranno terribili. Deve utilizzare ogni mezzo che ha.

Qual è la situazione della comunità cristiana a Jos?
Siamo molto perplessi. La gente dovrebbe poter dormire tranquilla la sera, andare a scuola, in chiesa, in moschea, dovunque ma al sicuro. E invece non si può mai sapere che cosa può succedere. Ora nessuno può muoversi liberamente. Noi vogliamo la pace per la Nigeria ma non la otterremo imbracciando le armi. Non dobbiamo rispondere al male con il male. Governo e cittadini devono fare la loro parte per fermare gli estremisti. Però solo pregando e confidando in Dio, si può sconfiggere il male.

Come sono cambiati i rapporti tra cristiani e musulmani.
Per forza di cose non sono più come prima: se c’era rispetto, ora vige la diffidenza. Però bisogna dire che tutti i nigeriani stanno soffrendo e che anche la maggior parte degli islamici odia Boko Haram. Cristiani e musulmani di buona volontà devono mettersi insieme per combattere il male. E io credo che, con l’aiuto di Dio, questo sia possibile.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana