Google+

Jazz al Quirinetta

febbraio 28, 2016 Giuseppe Pennisi

A Roma la John Papa Boogie suonerà e canterà due ore di musica all’insegna del loro inconfondibile suono firmato da Gianni Frasi

John Papa Boogie

Il jazz ed un jazz davvero speciale approda al Quirinetta nell’ambito di un programma musicale intitolato “barocco al jazz”. Per chi non è romano, e per le generazioni più giovani, ciò significa forse poco perché non sanno che si era pensato di trasformare in locale da fast food una delle più eleganti piccole sale del centro storico. La storia del Teatro Cinema Quirinetta comincia con la trasformazione dei palazzi Sciarra alla fine del XIX sec., «trasformazioni innescate dalle nuove ipotesi urbanistiche sul tessuto tra Fontana di Trevi e il Corso dai primi piani per Roma Capitale».

Il Principe Maffeo Sciarra si impegnò in un piano di riorganizzazione dell’intero isolato tra via delle Vergini, via dell’Umiltà, via delle Muratte e via del Corso. La prima concreta conseguenza che riguarda il nostro argomento fu la costruzione del Teatro Quirino nel 1871 (sala e palcoscenico completamente in legno); in seguito, nel 1882, il Quirino fu ricostruito su progetto dell’architetto De Angelis, al quale si deve «l’orchestrazione del tono architettonico e urbano dell’intero complesso».

Il Teatro Cinema Quirinetta viene realizzato nei sotterranei di Palazzo Sciarra, con ingresso in via Marco Minghetti, tra il 1923 e il 1926, da Marcello Piacentini, vero “archistar” in quegli anni dopo i suoi interventi progettuali nell’Expo del 1911, e a cui si doveva già nel 1914-15, lo splendido restauro dell’adiacente Teatro Quirino.
Al Teatro Quirino fa peraltro riferimento anche nel nome il nuovo Teatro Cinema, che dispone di duecento posti e di un ristorante/bar collocato nelle sei salette annesse (indicate ciascuna da nomi suggestivi dovuti alle pitture caratterizzanti, Sala etrusca, di Venere, di Bacco, dell’Ombrello, degli Stucchi Bianchi), che fanno parte integrante del progetto culturale/gestionale del nuovo Teatro. Il Quirinetta segnò anche la sperimentazione di un sistema di climatizzazione assolutamente rivoluzionario per quei tempi, a cicli caldo e freddo, con intercapedini tra i vari locali e aspiratori per consentire un ricambio d’aria completo ben quattro volte ogni ora. La sala teatrale veniva descritta come «cosa davvero signorile e ha un palcoscenico assai curioso e bizzarro, lungo e pieno di meandri, ove uno scenografo moderno potrebbe sbizzarrirsi parecchio. Il Teatro è, si capisce, in miniatura, ma può essere adibito a spettacoli d’eccezione e di raffinatezza, a piccole opere da gustare da vicino in tutti i particolari». Per anni, prima della Seconda guerra mondiale, il Qurinetta era l’unica sala cinematografica romana che presentava film in lingua originale. Nell’immediato dopo guerra programmò per oltre un anno Via col Vento (ovviamente in edizione originale integrale). Dopo essere stato per anni un cinema d’essai, inizio la decadenza, impedita da un intervento della Fondazione Roma (la cui sede è a Palazzo Sciarra) che lo ha trasformato in uno spazio per spettacoli culturali,

In questo contesto “dal barocco al jazz” i martedì sera. Il jazz della John Papa Boogie inserisce un eccezionale interludio domenicale; nel quadro di una tournée in varie città italiana, terrà un concerto domenica 6 marzo alle 17.45. La John Papa Boogie «enigmatica e misteriosa blues band di caratura europea» suonerà e canterà due ore di musica all’insegna del loro inconfondibile suono firmato da Gianni Frasi, la Voce “nera” del blues italiano. Grande è la dignità contenuta nel loro particolare “Blues de l’Haitienne”, concerto celebrativo che dedica e devolve ad Haiti tutto ciò che la John Papa Boogie propone. “Blues de l’Haitienne” nasce da un’idea ispirata di Gianni Frasi, che è stato pervaso in Haiti da questa “visione”, che deve a quella terra e al suo popolo, il manifestarsi della sacralità e della radicalità del segno musicale. I musicisti che accompagnano Frasi hanno aderito a questa “visione” in nome dello Spirito che gli dà Vita. Il suono, il sentimento di passione, il grido, il Mistero, sono tutti nell’emozione dei loro concerti in Italia e in Europa. Il recente microsolco della John Papa Boogie, TRIDUO, è stato presentato con ottimo riscontro alla 55ma Biennale di Venezia e con un concerto a Londra all’Electric Lane di Market Row a Brixton, è il riflesso su vinile di questo grido mistico. Nell’esclusivo concerto al Quirinetta accanto a Gianni Frasi, ci saranno Antonio Piacentini e Leonardo Zago alle chitarre, Gianmaria Tonin alla batteria, Marco Bosco al basso, Giorgio Peggiani all’armonica, Simone Bistaffa al piano, organo e chitarra.

Ricordiamo che la band si era costituita, quasi per scherzo, all’inizio del 1985, per esaudire un grande desiderio del “giovane” Gianni Frasi che fin da adolescente portava segretamente con sé la passione per il canto e una sconfinata attrazione per la musica nera dei grandi padri del Blues (Robert Johnson, Elmore James, Muddy Waters, Albert King e Freddy King). In quella prima formazione faceva parte anche il chitarrista Antonio Piacentini: l’incontro tra i due fu determinante, nacque subito un sodalizio artistico, proficuo e ininterrotto durato fino al 1997.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana