Google+

Io beduino di Cristo

settembre 15, 1999 Esposito Francesco

Appartiene a una delle più antiche famiglie arabe. Giordano
di Madaba (la sua casa natale è l’attuale museo che raccoglie
i famosi mosaici), la sua tribù fu tra le prime a convertirsi al cristianesimo alleandosi poi con il profeta Maometto per combattere
i bizantini e ottenendo il privilegio di non sottomettersi all’Islam. Ritratto del primo arcivescovo beduino della storia moderna

Monsignor Fouad Twal non è un personaggio comune. Non solo perché, come vescovo di Tunisi – e, dal 1995, Arcivescovo a titolo personale – rappresenta il primo presule beduino in Nord Africa dopo svariati secoli. Colpiscono da subito in lui l’umanità vivace e quella semplicità di sguardo propria delle popolazioni nomadi del deserto.

Non a caso la sua è la famiglia più eminente di una della prime tribù giordane convertite al cristianesimo. “I Twal hanno dato alla Chiesa, in tempi recenti, almeno 10 preti e una ventina di suore. In effetti la mia tribù è stata tra le prime a convertirsi al cristianesimo in Giordania. Ben sei secoli prima dell’arrivo dell’Islam. Anzi, siamo stati proprio noi ad accogliere il profeta dei musulmani Maometto. Con lui, fianco a fianco, abbiamo combattuto contro i bizantini. Paradossalmente abbiamo ricevuto come un dono di Dio l’arrivo di questo arabo: insieme potevamo liberarci da una soffocante oppressione”.

E il profeta dell’Islam non si dimenticò della vecchia amicizia, neppure in seguito, quando il suo esercito conquisterà all’Islam il Nord Africa: “Alla mia tribù vennero concessi importanti privilegi. Innanzitutto quello di rimanere cristiana: non dovevamo pagare le tasse come tutti gli altri “infedeli” – una misura che altrove determinò conversioni in massa: i beduini sono gente semplice, poco avvezza alle elucubrazioni teologiche; credono in Dio, nel Cielo e nell’Inferno, hanno il dovere dell’ospitalità e del rispetto della parola data. Ebbene farsi musulmani, a quel tempo, non significava altro: credere in Dio, nel Cielo, nell’Inferno e nei profeti, compresi Gesù e Maometto… un profeta in più o in meno non sembrava un problema. Maometto ci ha poi riconosciuto il governatorato della città di Karak, a sud della Giordania – durato fino al 1911, quando i turchi ce l’hanno sottratto.

Avevamo anche un privilegio singolare, un segno di rispetto per il nostro Credo: se un musulmano ripudiava la moglie (ripetendo per tre volte “Io ti ripudio”) in presenza di un membro della nostra famiglia, il divorzio era invalido. E sono tante le donne che grazie a noi si sono salvate dalla rovina”.

Da circa un secolo e mezzo le tribù nomadi giordane si sono sedentarizzate. “È arrivato dall’Italia un missionario veneto, don Giuseppe Manfredi. È stato lui a riunire tutte le famiglie cristiane: ha creato una parrocchia vivendo con noi sotto le tende e spostandosi nel deserto. Grazie a lui abbiamo anche scoperto di essere separati da Roma: nessuno, in verità, aveva mai chiesto il nostro parere… abbiamo allora abbracciato il rito latino e oggi facciamo capo al patriarca latino di Gerusalemme (insieme a Transgiordania, Palestina, Israele e Cipro).

Attualmente la mia famiglia vive a Madaba, sull’altopiano di Moab a sud di Amman, a cavallo tra il monte da cui Mosé guardò la Terra Promessa – senza potervi entrare – e il luogo dove è stato decapitato San Giovanni Battista. Quindi viviamo in mezzo a due giganti della preghiera e della fede”.

Madaba è diventata famosa dopo il ritrovamento dei suoi preziosi mosaici del VI secolo, che rappresentano la prima cartina completa di Gerusalemme e della Palestina, dove è stata fissata la geografia storica dei racconti biblici ed evangelici. I mosaicisti di Madaba erano molto attivi e le vecchie abitazioni del villaggio custodivano i segni della loro arte.

“Anche la mia casa di famiglia: purtroppo nessuno di noi ne aveva mai colto l’immenso valore storico. Nel corso degli anni arrivavano regolarmente studiosi occidentali per visitarli: noi li accoglievamo e offrivamo loro the alla menta, prima di congedarli. Un bel giorno sono arrivati alcuni funzionari statali. Da allora la mia famiglia ha dovuto sistemarsi in una nuova abitazione: oggi la mia vecchia casa è il Museo di Madaba…”.

In Giordania, comunque, i rapporti tra cristiani e musulmani rimangono a tutt’oggi ottimi.

“Pur costituendo una minoranza della popolazione (il 4%), noi cristiani non ci sentiamo affatto stranieri, anzi siamo consapevoli di essere i veri abitanti del paese, visto che occupavamo il suo territorio cinque secoli prima dell’arrivo dell’Islam. Non conosciamo dunque tensioni religiose. Sarà che – cristiani e musulmani – siamo uniti dalla lingua e da un forte senso di appartenenza alla nostra terra: amiamo la Giordania.

La minoranza cristiana gode oggi di una rappresentanza di circa il 10% in Parlamento e non gli mancano mai i ministri. Attualmente l’ambasciatore giordano presso il Quirinale appartiene alla mia famiglia: è il più giovane ambasciatore del paese”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.