Google+

Intervista a Eleonora, la mamma dell’unica bambina italiana nella scuola materna di Padova

settembre 20, 2014 Chiara Rizzo

«Ho letto che altre famiglie italiane hanno ritirato i propri figli prima dell’inizio dell’anno scolastico: chiedo solo perché? Con questi numeri l’integrazione non è equilibrata»

Eleonora Baccaro ha scritto una lettera al sindaco di Padova per raccontare quanto visto qualche giorno fa, accompagnando la propria bimba di tre anni alla scuola materna statale Quadrifoglio. Eleonora ha descritto il suo stupore quando ha visto che la sua bambina è l’unica italiana tra altri 65 coetanei di varie nazionalità: «Ma non voglio che strumentalizzino le mie parole. Non è questione né di razzismo, né di religioni diverse. Ho solo voluto sollevare l’attenzione su un dato di fatto» spiega Baccaro a tempi.it, sottolineando ripetutamente che «io non sto sindacando sulle scelte degli altri» e che «mia figlia dall’inserimento alla materna torna felice, è serena, e questo per me è l’unica cosa che conta davvero».

La sua lettera al sindaco è stata pubblicata da vari quotidiani. Vi si legge: «Sono molto preoccupata per quello che sta accadendo alla Quadrifoglio. Far partire una scuola intera con 65 bambini stranieri e uno solo italiano mi sembra una scelta educativa e didattica molto sbagliata».
Preciso che le mie considerazioni sono state montate e strumentalizzate: quelle che mi sta leggendo non sono le parole che ho usato. La mia comunicazione era di appena tre righe, con le quali ho voluto solo raccontare lo stupore mio e di mio marito nell’accompagnare il primo giorno di scuola mia figlia alla materna statale. Abbiamo riscontrato dal punto di vista numerico una sproporzione tra le etnie dei bambini iscritti. Dopo di che, con la mia lettera, io non ho chiesto spiegazioni, non ho sollevato un problema né una polemica. E non vado a sindacare tanto meno sulla scelta pedagogica, anche perché non ho strumenti per dire se la scelta è stata condizionata dalla mancanza di richieste di altri italiani di iscrivere a quella scuola i propri bimbi. Ho appreso dai giornali che c’erano altre quattro famiglie italiane che avevano inizialmente iscritto i loro bambini nella stessa scuola, ma prima dell’inizio li hanno ritirati. Non conosco queste persone, né ho contatti diretti, ma quello che leggo mi ha fatto sorgere una domanda. Se fosse vera quest’informazione, perché li hanno ritirati?

Lei pensa che con queste proporzioni numeriche sia possibile un’integrazione tra i bambini? La coordinatrice della scuola Quadrifoglio ha spiegato che «siamo una scuola multietnica» anche se ha ammesso che, pur con tutti gli sforzi, «in questo contesto la nostra buona volontà ed efficienza non bastano».
L’integrazione, di qualsiasi etnia si parli, avviene se c’è un numero proporzionato. In questo caso, è vero che il Quadrifoglio è una scuola che si definisce multietnica: io dico solo che ci sono molte etnie, ma quella italiana è in netta minoranza. Mia figlia è l’unica bambina italiana di tutto l’istituto. Vorrei precisare una cosa. Mi è stata attribuita una frase, nella lettera pubblicata, nella quale mi ponevo il problema di come fosse possibile con così tanti bambini di culture e religioni diverse, insegnare la religione cattolica o pensare alle recite di Natale dei bambini. Io non ho mai scritto queste parole: la scuola statale prevede già un’ora di insegnamento della religione cattolica. L’educazione quindi non viene a mancare. Qualora ci si viene a trovare con bambini di religione diversa, l’ora di religione per chi non la fa è sostituita da un’ora di laboratorio “alternativo”. Secondo me quello che fa la differenza non è tanto la possibilità di fare la recita a Natale, ma sicuramente che le insegnanti abbiano a cuore il bene del bambino. In questo caso si tratta di bimbi tra i 3 e i 5 anni, e possono giocare e socializzare. Questo è quello che li fa stare bene e questo avviene. Con la mia lettera ho solamente voluto dire che è importante fare delle considerazioni sui numeri e le proporzioni tra gli iscritti. Al quarto giorno di inserimento nella materna, ogni altra considerazione sarebbe prematura. Posso dire che la mia bambina va a scuola contenta, gioca con i nuovi compagni in modo del tutto naturale e sta bene. Vedo che le insegnanti sono preparate e competenti, che si adoperano per fare stare bene la mia bambina come tutti gli altri, non ho motivi di fare polemiche. Infatti ribadisco che non ho intenzione di ritirare la bambina da quest’istituto, perché lei è serena e sta bene.

Lei ha un’altra bambina, poco più grande, che prima frequentava la scuola Quadrifoglio. Poi lei ha notato una piccola regressione linguistica e ha deciso di iscriverla in una scuola privata. Pensa che c’entrasse il fatto che si trovava per lo più tra bambini stranieri?
Ogni individuo è un bambino a sé con delle esigenze diverse. Mia figlia maggiore fino allo scorso anno era in questa scuola, e non aveva nessun tipo di disagio. Ci siamo semplicemente resi conto che c’è stata la piccola regressione linguistica ma da cosa fosse data non lo so. Abbiamo preferito allora darle un’alternativa e iscriverla in una scuola che segue il metodo Montessori, un po’ anche per dividere le due sorelle. Essendo vicine d’età, con un solo anno e mezzo di distanza, abbiamo preferito che camminassero su percorsi distinti per mantenere tra di loro un rapporto equilibrato e indipendente. Se avessi avuto qualche dubbio sulla struttura della Quadrifoglio o sulle frequentazioni, non avrei certo iscritto lì la secondogenita. Non ho avuto alcun motivo di dubbio. Nel caso di mia figlia maggiore, gli italiani erano circa 8 bambini su 66, in media due o tre per sezione. Il problema che pongo non è sulla scuola. Chiedo semplicemente perché le famiglie italiane quest’anno abbiano ritirato i loro figli, se è vero ciò che si legge.

Dopo la pubblicazione della lettera ha avuto modo di parlare della sua osservazione con le insegnanti, o ha ricevuto commenti da parte loro o di altri genitori?
No, nessun commento da parte di nessuno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. Ale scrive:

    Se gli italiani sono razzisti e certe città lo sono di più ..

    • beppe scrive:

      complimenti ALE per la profondità e sinteticità del tuo giudizio. il razzismo finora si sta riversando su chiunque si permetta di far notare che stiamo rischiando semplicemente di scomparire a meno di esaltare in ogni momento qualsiasi persona, idea, cibo, che non sia italiano . alla faccia delle strombazzate di napolitano e dell’inno dei miei stivali.

  2. Valentina scrive:

    Se “la bambina è l’unica italiana tra altri 65 coetanei di varie nazionalità” o addirittura “l’unica bambina italiana di tutto l’istituto”, la mamma ha fatto bene a segnalare questa situazione. Io avrei iscritto la bambina in un altro istituto dove ci fossero stati anche altri bambini italiani.

  3. beppino scrive:

    Conosco realtà dove il 50-60% di bambini all’asilo non é nato in Italia o i loro genitori non sono nati in Italia; alle elementari ci sono classi col 40-60% di bambini non “nostrani”. Non vedo quale sia la notizia comunque, e difatti non ho visto grandi problemi. L’unica considerazione che mi sento di fare è che in Italia il tasso di natalità é “attualmente” ridicolo; in certe zone negli ultimi anni si é verificato anche un calo del 30-40% delle nascite. E non dite che i motivi sono economici; prima della seconda guerra mondiale, in situazione di povertà e assenza di benessere ben più accentuata, quello che faceva “notizia” era la famiglia con un solo bambino.

    • Papà di Cristoforo scrive:

      Non sono del tutto in accordo con le tue osservazioni. Mia moglie mi ha dato de bellissimi bambini; il primo oggi ha 4 anni, il secondo è felice tra le braccia della Madonna, dove è volato quattro ore dopo la nascita. Per far nascere questa Creatura, per la quale era ipotizzabile uno stato vegetativo dalla nascita, ho lasciato il mio lavoro e la città dove vivevo da 16, per rientrare nella mia di origine dove potevamo contare sull’appoggio della mia famiglia. Sono due anni che non ttrovo lavoro e tra un po’ non sapremo più come andare avanti. Sapessi anche la sofferenza nel non poterne avere ancora uno, ma come faremmo poi? Scusa lo sfogo, scusate tutti! La realtà è che chi non vive queste situazioni difficilmente le può capire.

      • beppino scrive:

        Nei limiti del possibile penso occorra tenere alta la volontà di non far condizionare l’amore e i desideri che si prova alla realtà in cui si vive. Una volta c’era meno responsabilità e ci si poneva meno dubbi nel far figli; al giorno d’oggi questi atteggiamenti sono culturalmente deprecati a priori. Non provo neanche a pormi il problema se ciò sia giusto o sbagliato (probabilmente sarà anche giusto…); resta il fatto che in tema di amore e desideri il rapporto ineludibile fra causa ed effetto non sempre é applicabile a priori.

    • Valentina scrive:

      Io sono per la maternità responsabile. I figli si devono avere quando ci sono tutte le condizioni (in primo luogo quelle economiche) per allevarli adeguatamente. Le famiglie numerose non mi sono mai piaciute e non trovo per niente ammirevoli gli esempi dei nostri antenati che sfornavano figli come i conigli, senza porsi alcun tipo di problema. Per me due figli sono più che sufficienti.

      • giovanna scrive:

        E va bè, Valentina, però sembra di leggere un annuncio funebre, su, un po’ di vita, un po’ di felicità, un po’ di vivacità…tirati su !
        Tra te e Filomena non so chi sia più deprimente !
        Animo !

        • AntiKattolico scrive:

          Hai ragione! Prendiamo esempio da te che sei un mostro di simpatia!
          Spariamo i mortaretti! Su le mani per Giovanna!
          Ma davvero sai usare solo queste tattiche per smontare le obiezioni delle persone?

          • giovanna scrive:

            Hai ragione anche tu, AntiKattolico, ma trovo che evidenziare il tasso di depressione in coloro che si dichiarano atei , sia di una qualche utilità.
            La conosci la differenza tra simpatia e vitalità ?
            Non mi sono mai permessa di dare dell’antipatico a nessuno, mica siamo al grande fratello, ma notare una mancanza di vitalità in questi smortoni tristi e incarogniti, dico in generale, e ti comprendo senz’altro, è tutt’altra faccenda.

            • AntiKattolico scrive:

              Trovo che giudicare un persona che si è sempre dimostrata pacata ed educata per quanto mi risulta, dal tono del suo scritto sia tirare le cose per i capelli. Non puoi vedere l espressione del viso ne gli occhi.Come puoi giudicare la persona? Posto che poi ci sono persone timide o apparentemente fredde che hanno un mondo interiore tutto da scoprire…Non credo che Valentina sia una scrittrice, quindi non giudicare la persona dalla punta delle scarpe.

            • AntiKattolico scrive:

              Che poi vorrei sapere quanti atei conosci. Per esteso, anche io sono una persona che esterna poco con sconosciuti e simili. Io lo chiamo riserbo, timidezza.

            • AntiKattolico scrive:

              Per esteso, anche io sono una persona che esterna poco con sconosciuti e simili. Io lo chiamo riserbo, timidezza.

              • giovanna scrive:

                Anti, mamma mia, quanto sei pesante ! Certo che quando hanno dato il dono dell’ironia tu eri da un’altra parte !
                Comunque sentir parlare con quel tono asettico di figli e di famiglia mi fa venir voglia di dire la mia : la famiglia è una grande avventura, mica un cimitero !
                Inoltre, sono decine di volte che Valentina dà queste sue sentenze lapidarie e secche, che sembra che commenti su un epilatore.
                Poi, a riguardo degli atei, mi riferivo a quelli che quando scrivono qui, lo affermano con sicumera come prima cosa, e si dimostrano immancabilmente gente senza speranza, smorta, depressa, chiusa in se stessa, incattivita, o cattiva, veramente cattiva.
                Poi, pensa quanto sei delicato, che hai messo su un nick altamente provocatorio e offensivo , che se scrivevi anti-gay veniva giù il mondo.

  4. lucillo scrive:

    Che stronzate!
    Quante altre origini – ben diverso da etnie e tanto più razze – sono presenti in quella scuola con un solo bambino?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana