Google+

In marcia per la vita (mica difendiamo le foche monache)

maggio 11, 2012 Francesco Agnoli

Roma, 13 maggio 2012. Parte la grande marcia per riaffermare che tutta la realtà è buona. E che nessuna creatura è indegna di esistere.

Quello che accadrà lo sa solo il Padreterno. Certamente qualcosa di nuovo. Non era mai successo, infatti, che così tante sigle “pro life”, o “pro vita”, come si diceva trent’anni fa in Europa, si trovino insieme per un unico evento pubblico. La storia dei movimenti pro vita italiani ed europei è lunga e tormentata. Inizia in un’epoca in cui prendere certe posizioni richiede coraggio, consapevolezza di essere minoranza, magari persino isolamento, anche nel mondo cattolico (allora particolarmente “adulto”). Per di più i movimenti pro life, già piccoli, si dividono in vari tronconi. Chi vuole adottare strategie di un tipo, chi di un altro. Chi vuole fungere da pungolo per la politica, senza lasciarsi condizionare da essa e dalle sue logiche compromissorie (che vanno bene in tutto, tranne che quando si tratta di “princìpi non negoziabili”) e chi punta a entrarci direttamente. Chi cerca un linguaggio moderato per evitare fastidi, chi vuole invece affrontare a viso aperto, benché senza estremismi, la cultura di morte…

Una generazione di persone coraggiose e determinate, ma spesso isolate e divise, ha così aperto la strada alle nuove generazioni, che alle passate si rifanno, ma con metodi, strategie e idee talora diverse. Oggi infatti la disgregazione sociale e familiare è ben più evidente di venti o trent’anni fa; l’aborto, in molti paesi europei, è sempre più una scelta indifferente; la giornata per la vita, in Italia, è ormai quasi sempre celebrata senza neppure nominare la parola “aborto”, per non creare problemi. Eppure queste condizioni non limitano l’entusiasmo pro life, al contrario accade qualcosa di nuovo. Grazie da una parte all’insistenza di Benedetto XVI sulla sacralità della vita; dall’altra ai nuovi mezzi di comunicazione, come internet, che permettono a molti giovani di venire a sapere cose che nessun adulto avrebbe mai detto loro. E grazie anche alla consapevolezza che la battaglia pro life deve essere pubblica, per le strade; deve nel contempo ricorrere con più efficacia alla scientificità delle argomentazioni; deve, infine, svincolarsi dalle logiche partitiche. Non c’è più oggi, in Italia, una Dc, che per tanti anni ha monopolizzato, spesso per “normalizzare”, certe istanze giudicate scomode.

In un modo o nell’altro il 12 maggio a Roma, presso l’ateneo pontificio Regina Apostolorum, convocati dal Movimento Europeo Difesa Vita (Medv) e dall’associazione Famiglia Domani, avrà luogo un convegno con relatori di grande competenza scientifica che da anni affrontano con coraggio il tema della vita nascente: Giuseppe Noia, ginecologo e cofondatore della Quercia millenaria, Renzo Puccetti, uno dei bioeticisti di Radio Maria, padre Ignacio Barreiro, già presidente di Vita Umana Internazionale, Carlo Bellieni, neonatologo di fama internazionale e membro della Pontificia Accademia per la Vita, Marisa Orecchia, presidente di Federvita Piemonte, e altri. Nell’ambito del convegno verranno anche premiate alcune personalità distintesi per la dedizione alla causa. Tra gli altri, il medico Antonio Oriente, abortista convertito alla causa pro life, e l’ingegner Mario Paolo Rocchi, cofondatore del primo Centro di Aiuto alla Vita in Italia e ideatore del Progetto Gemma, che tante mamme e tanti bambini ha salvato in questi decenni. Al convegno seguirà l’adorazione eucaristica, in Santa Maria Maggiore, alla presenza del cardinale Burke, e in comunione con i pro life croati di “Vigilare”, che organizzano un evento analogo negli stessi giorni.

L’indomani mattina, 13 maggio, partirà la Marcia nazionale per la vita, sul modello di quelle che si svolgono in tutta Europa: dal Colosseo a Castel Sant’Angelo per dire che ogni creatura ha diritto alla vita, non secondo una concezione settaria, dogmatica o ideologica, ma in nome del diritto naturale iscritto nel cuore di ogni uomo. La marcia sarà aperta da alcune testimonianze, tra cui quella di Gianna Emanuela Molla, la figlia di santa Gianna Beretta Molla. Vi parteciperanno delegazioni polacche, nigeriane e tedesche, aderenti alla Comunità Giovanni XXIII di don Benzi, all’Ordine di Malta, all’Unitalsi, i francescani dell’Immacolata, le Sentinelle del mattino di don Andrea Brugnoli, membri della comunità evangelica di Roma, volontari del Movimento per la vita e di Scienza e Vita, dell’Associazione Meter, della rivista il Timone, di realtà laiche, eccetera (più di 90 le sigle aderenti). Con l’adesione entusiasta di molti movimenti per la vita europei e americani, consapevoli che Roma è non solo la capitale dell’Italia, ma un faro di luce per tutta l’umanità; e con la benedizione dei cardinali Bertone, Bagnasco, Caffarra, Burke, Comastri e di tanti vescovi, tra cui – da segnalare per l’entusiasmo espresso – monsignor Luigi Negri.

Arrivederci a Roma, dunque, con tanta speranza nel cuore. E con alcune consapevolezze di fondo, così sintetizzate in un documento che sarà diffuso in quell’occasione: «Difendere la vita sin dal concepimento deve essere questo: affermare prima di tutto una visione del mondo buona; e non può essere sentimentalismo o “tenerezza”, ma una forte affermazione delle ragioni di un amore, perché senza le radici cioè senza le ragioni, non si costruisce nulla. Non si può difendere il feto umano con la stessa flaccidezza con cui si difende la foca monaca. (…) La sfida è di smettere l’attività di critica autoconsolatoria e sterile, e mostrare come già esista un mondo nuovo, più bello e umano di quello basato sull’egoismo. Questo non significa “niente critica”, ma una “critica intelligente”, che mostri con ironia la degenerazione e l’abuso di credulità popolare del mondo pro choice, che in realtà non offre una “vera scelta”, ma solo una via di fuga dalla responsabilità e dalla felicità, senza nessuna alternativa costruttiva».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download