Google+

Il risultato delle Primavere: nei paesi arabi le donne stanno peggio

novembre 12, 2013 Redazione

Secondo un rapporto, dopo le “rivoluzioni” la condizione femminile è peggiorata nei paesi aderenti alla Lega Araba. Il problema è che ovunque vige la sharia

Le donne dei paesi africani e mediorientali dove ci sono state le primavere arabe, stavano meglio prima che oggi. E il risultato di un rapporto condotto dalla Fondazione Thomson Reuters di cui dà oggi conto il Corriere della Sera. Il documento si basa su un sondaggio che ha coinvolto centinaia di esperti nei 21 membri della Lega Araba più la Siria. Sei i parametri utilizzati per stilare la classifica dei «peggiori e migliori paesi per le donne»: la violenza contro il gentil sesso, i diritti riproduttivi e gli spazi in famiglia, società, economia e politica. Sebbene tali questioni siano anche al centro della «Convenzione Onu sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne», di cui sono firmatari 19 dei Paesi esaminati, il problema è che in molti paesi ci si fa beffe di tali trattati e a regnare sovrana è, invece, la sharia.

IL PEGGIORE: L’EGITTO. La posizione peggiore, secondo la classifica, è occupata dall’Egitto. Un paradosso, se si ragiona sul fatto che proprio il paese dove scorre il Nilo è il luogo dove maggiormente si erano caricate le attese dopo le proteste di piazza Tahir. E, invece, secondo il rapporto, proprio qui la condizione femminile è la più penalizzata. Solo 9 donne sulle 987 che si sono presentate alle elezioni è stata eletta nel 2012. La quasi totalità di loro (ben il 99,3 per cento) afferma di aver subito molestie sessuali in strada. Le donne sono penalizzate anche dal fatto di non poter essere libere di unirsi in matrimonio con uomini dalla fede diversa dalla propria. Si rischia «di essere incriminate per apostasia e di vedere i propri figli messi sotto tutela di un uomo musulmano», scrive il Corriere.

GLI ALTRI PAESI. La situazione non migliora anche negli altri paesi mediorientali o nord-africani. In Arabia Saudita «le donne sono trattate come eterne minorenni ed è proibito loro anche guidare l’auto», in Siria «sono usate come “armi di guerra” con rapimenti e stupri sia da parte del regime che di alcuni gruppi ribelli» e molte di loro sono obbligate a sposarsi ancora bambine (12 anni), in Yemen «un quarto sono sposate prima dei 15 anni (tutti Paesi che comunque seguono di poco)», in Iraq sono più in pericolo oggi che «ai tempi di Saddam Hussein».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana