Google+

Il caso del dottor Gosnell, accusato di aborti efferati e messo sotto silenzio dai media

aprile 16, 2013 Benedetta Frigerio

Sotto processo per pratiche al limite del sadismo, la sua vicenda non trova spazio sui grandi media. Tanto che viene diffuso un appello contro questa «censura squisitamente politica»

Si chiama Kermit Gosnell ed è un dottore statunitense che ha eseguito centinaia di aborti, attirando donne che non avrebbero potuto abortire. I testimoni dicono che il 40 per cento dei bambini uccisi avevano più di sei mesi. Moltissimi gli aborti oltre le 26 settimane.

IL PROCESSO SILENZIOSO. «Il caso del processo del dottor Kermit Gosnell ha tutti gli ingredienti della “tv da vedere”: un rispettato ex leader di un gruppo accusato di atti insospettabili; la morte di una giovane donna immigrata; un corteo di ex impiegati con testimonianze grafiche della morte atroce di più di 100 neonati; il coinvolgimento dell’avvocato per cui le accuse sarebbero mosse dal razzismo», così il Washington Times è fra i pochi quotidiani ad aver parlato del caso di Kermit Gosnell, medico di una clinica abortista di Philadelphia accusato di otto omicidi di bambini nati vivi, denunciando il silenzio della stampa e dei media. A parlare del processo, cominciato lo scorso 18 marzo, solo la Cnn con un breve servizio. Nessun commento invece dai canali nazionali come la Abc, la Cbs, la Nbc, la Msnbc o la Npr.

LE TESTIMONIANZE. Eppure gli assistenti di Gosnell hanno raccontato di quando i bambini venivano addirittura decapitati dopo che il medico tagliava loro la spina dorsale con il bisturi. O di bambini «ormai così grandi da poter camminare», come ha confessato con un’immagine la donna. Per non parlare di chi ha detto di aver sentito le urla dei bambini nati vivi dopo i tentativi di aborto falliti. Non solo, secondo i racconti il medico di colore era razzista e trattava le donne bianche con meno crudeltà delle nere. E a un infermiere che gli aveva chiesto il motivo delle sue intemperanze aveva risposto che «così va il mondo».
Ad aggiungere ingredienti sconcertanti la vecchia denuncia di una collaboratrice, mai considerata, al Dipartimento di Stato ora sotto accusa. Non sono servite nemmeno le testimonianze che normalmente attraggono i media. Una scelta che ha spinto la settimana scorsa venti leader di area conservatrice a lanciare un appello per porre fine a quello che chiamano il «blackout dei media» e la «censura squisitamente politica». Gli abusi dell’industria dell’aborto, rappresentata da Gosnell e dalla Planned Parenthood, sono notizie di grande rilievo nazionale in qualsiasi modo le si guardi, hanno detto.

LE PAURE DI CHI TACE. In effetti, gli unici a parlare del processo sono i media pro-life e quelli locali. Fra le tante voci quella di un editorialista dell’Atlantic di Boston, Conor Friedersdorf, che ha sottolineato come il caso metta in discussione tutti i punti che il pensiero abortista evita sempre di trattare: «Le regole interne alle cliniche, la legalizzazione dell’aborto a nascita parziale, le pene per chi non denuncia gli abusi, i termini di prescrizione per omicidi come quelli di cui è accusato Gosnell, la responsabilità del personale per il cattivo comportamento dei medici in cui lavorano». La vicenda ha numerosi elementi, «ciascuno dei quali rendono normalmente una storia importante». Mettendo da parte le convinzioni, continua il giornalista, «il valore della notizia è innegabile».
Perché non se ne stia parlando? «Ho le mie teorie – conclude Friedersdorf – Ma piuttosto che offrirle al termine di un lunga controversia, preferisco cominciare a domandarlo ad alcuni degli editori e degli scrittori che hanno scelto di tacere». Nell’attesa di conoscere le risposte di chi non ha voluto dedicare neppure un articoletto al processo di Gosnell, le testimonianze più recenti del processo aggiungono elementi aggravanti, parlando della somministrazione di droghe, di strumenti infetti usati sulle donne e di perforazioni dell’utero e delle viscere che avrebbero portato ad almeno due decessi (e non ad uno come inizialmente ipotizzato).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. giovanna says:

    cara benedetta, ti ringrazio per il coraggio che hai di raccontare tali e tante torture e omicidi verso gli esseri umani più inermi, cioè i bambini, che colpiscono in particolare perchè avvengono nella patria simbolo per molti versi della civiltà, quali gli USA.
    Ammetto di aver fatto fatica fisica a leggere l’articolo e da ritrovarmi adesso molto scossa, ma se questo può anche minimamente servire perchè chi è a favore della regolamentazione pro aborto capisca che regolamentarne una parte non serve a eliminare per niente il contorno di illegalità e morte oltre i limiti, allora ben venga raccontare questa nuda e cruda tremenda realtà

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download