Google+

«I principi non negoziabili non sono un’urgenza?». Roccella replica a Riccardi

gennaio 4, 2013 Redazione

La deputata del Pdl controbatte all’uscita dell’ex ministro montiano. Ed elenca i «fatti concreti» (caso Englaro, Ru486, pma ed eterologa) che può ricordare «a testa alta»

In una nota la deputata del Pdl Eugenia Roccella ha scritto che «l’amico Andrea Riccardi ribadisce che i principi non negoziabili, benché importanti, non sono un’urgenza, e ritiene che prendere posizione su questi temi comporti il rischio di “ideologizzare” l’agenda Monti. Ma rendere espliciti i concetti di vita, di persona, di famiglia su cui si baseranno le proprie politiche è solo un indispensabile elemento di chiarezza e onestà nei confronti dei cittadini chiamati a votare. Inoltre ritenere “non urgenti” le questioni di biopolitica vuol dire non aver capito di cosa si tratta».

«Lo stesso governo Monti – prosegue rocella – ha dovuto affrontare, nel proprio brevissimo arco di vita, alcuni problemi, e non ha potuto schivarli tutti, pur essendo un governo tecnico, nato con una missione limitata. Penso per esempio alla sentenza europea sulla legge 40, una legge che Monti ha scelto di difendere: avrebbe potuto fare lo stesso in un’alleanza con Bersani? Le scelte antropologiche si intrecciano quotidianamente, nell’azione di governo, con quelle economiche e sociali, e evitare di prendere posizione vuol dire solo mantenere la vecchia politica delle mani libere, impedendo agli elettori di scegliere con consapevolezza».

La stessa parlamentare, commentando una lettera di Renato Schifani ad Avvenire ha detto che il del presidente del Senato ha fatto bene a ricordare «come la nostra maggioranza abbia tradotto i valori non negoziabili in concreta azione politica. Alla vicenda di Eluana Englaro, riportata dal presidente del Senato in tutta la drammaticità di quei giorni, vorrei aggiungere almeno alcuni altri risultati».

E qui, Roccella inizia l’elenco: «In primo luogo la legge sulle dichiarazioni anticipate di trattamento, che si è bloccata a un passo dalla conclusione parlamentare, con l’insediamento del governo tecnico, sostenuto da una nuova maggioranza; la battaglia sulla pillola abortiva RU486, che ha impedito la diffusione dell’aborto a domicilio nel nostro paese; l’applicazione delle normative europee alla procreazione assistita, che impedirà altri incidenti come quello in cui sono andati distrutti embrioni umani in un ospedale romano; la modifica delle normative sulle biobanche del precedente governo Prodi, che ha evitato la commercializzazione di parti del corpo umano, confermando invece la tradizione italiana del dono solidale; la circolare di tre ministri (Maroni, Sacconi, Fazio) che ha ribadito la non validità dei registri comunali dei testamenti biologici; il sostegno del nostro governo all’Austria, in sede europea, per difendere il divieto di quel paese alla fecondazione eterologa: un atto non dovuto, ma voluto, per sostenere anche in sede europea una precisa concezione di famiglia; il no alla legge sull’omofobia, perché il no alle discriminazioni deve essere per tutti. Sono solo alcuni dei fatti, concreti, che ricordiamo a testa alta».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. EP scrive:

    Pazienza se non sono nella agenda-monti. Importante è non votarlo a febbraio….

  2. maio scrive:

    Bè ragazzi, buone notizie.
    In soccorso ai veri Cattolici pieni dalla testa ai piedi di principi non negoziabili, si annuncia un rinnovato accordo al Nord con i cattolicissimi leghisti che vorrebbero sparare agli immigrati quando ancora sono sulle barche, mentre al Sud è ormai pronta l’ alleanza Miccichè. Dell’ Utri, Mastella, Lombardo! Più garanzie di così di portare avanti i valori cari ai cattolici del XXI esimo secolo, proprio non si può.

  3. Luca Rossini scrive:

    I “principi non negoziabili” non si riferiscono solo alla bioetica, ma anche a tematiche familiari e sociali. In un momento di crisi come questo che stiamo attraversando è naturale che si guardi più come “urgenza” a questi temi – su cui l’agenda Monti si esprime e su cui si è espresso di recente anche il card. Bagnasco – rispetto ad altri su cui inevitabilmente ci saranno battaglie parlamentari, non di un solo partito. Voglio proprio vedere – dopo l’approvazione tra gli applausi della legge che di fatto depanalizza l’incesto – chi veramente tra il pdl avrà il coraggio di esporsi: non ce li vedo, Bondi e i suoi amici laicisti, a difendere questi principi. Per non parlare del fatto che la Roccella parla pro domo sua, dato che Berlusconi su questi temi ha sempre detto le stesse cose di Monti (nnon fanno parte della mia agenda, riguardano la coscienza di ognuno). In più, era anche lui alleato con Fini e Casini….o sbaglio? E’ triste vedere come la faccia tosta di Berlusconi – sulla quale evidentemente la Roccella vede quell'”indispensabile elemento di chiarezza e onestà nei confronti dei cittadini chiamati a votare” – tenga sotto ricatto anche molti cattolici. Berlusconi sulla famiglia non ha mai fatto nulla, ha solo taciuto mentre il suo amico Galan in Veneto dava via libera al divorzio breve.

    • Charlie scrive:

      Anche se ho lodato il PDL per comportamenti corretti su ” i princìpi non negoziabili “, quanto da lei qui affermato corrisponde al vero, purtroppo.

      Mi dia però un’alternativa concreta.

      Se il PDL non ha fatto abbastanza e ha fatto male su alcune cose, qual è quel partito che ci può garantire di più, in proposte e in peso politico, sui temi etici ?

  4. Alessandro scrive:

    Il problema vero è che ormai il PdL sta facendo la propria campagna elettorale sui valori non negoziabili, citando il caso Englaro, la RU 486, ecc. È vero, questi sono argomenti che hanno distinto il PdL, sono importantissimi e devono essere oggetto di qualsiasi agenda, ma non si può pensare che siano i SOLI e UNICI argomenti di cui discutere perché sul resto non si hanno le idee chiare. Se è vero che quegli argomenti sono fondamentali, è anche vero che consiglierei a Negri, Roccella & co. di andare a discutere in campagna elettorale di fecondazione eterologa con un disoccupato quarantenne con tre figli o con un sessantenne che dovrà lavorare ancora dieci anni per andare in pensione… I valori non negoziabili sono importantissimi, ma un programma politico non deve essere per forza solo un manifesto etico.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana