Google+

Houston. Il sindaco ultrà Lgbt ordina ai pastori cristiani di consegnare i loro sermoni su omosessualità e gender

ottobre 16, 2014 Redazione

Atto inaudito di Annise Parker, lesbica dichiarata e paladina dei diritti gay, nella causa in tribunale contro la Equal Rights Ordinance, la sua legge bandiera

Con una decisione senza precedenti noti, il Comune di Houston, Texas, minaccia di utilizzare i sermoni di alcuni religiosi locali in tribunale contro di loro. Il municipio infatti ha citato in giudizio diversi pastori di varie denominazioni cristiane per costringerli a consegnare e a fare esaminare dagli avvocati del Comune tutte le prediche (e le comunicazioni rivolte ai membri delle rispettive chiese) in cui si siano occupati di omosessualità, di identità di genere o di Annise Parker, il sindaco della città, apertamente lesbica e ultrà dell’agenda Lgbt (foto a destra). I ministri che non osserveranno il mandato di comparizione potranno essere processati per oltraggio alla corte.

IL GENDER ALLA TOILETTE. “Nuove leggi danno ai rappresentanti della città di Houston il diritto di esaminare i sermoni religiosi in cerca di discriminazioni verso le persone Lgbt”, titola un po’ sconcertato perfino il britannico The Independent. In effetti questo atto clamoroso è solo l’ultimo affondo di un tremendo duello iniziato qualche mese fa tra il sindaco arcobaleno e gli oppositori della sua legge bandiera, la Houston Equal Rights Ordinance (Hero), approvata a giugno e aspramente contestata per l’estremismo delle misure rivolte all’appiattimento delle differenze di “gender”. Tra le altre cose, spiega efficacemente il Washington Times, l’ordinanza «proibisce alle aziende aperte al pubblico di impedire alle persone di utilizzare i bagni del sesso opposto qualora la loro identità di genere non corrisponda al loro sesso biologico».

LA RAPPRESAGLIA. Già in agosto gli oppositori del cosiddetto “bathroom bill” avevano tentato di vanificare gli sforzi del sindaco Parker con una petizione che le avrebbe imposto di ritirare la norma o di sottoporla al giudizio degli elettori. Però le 50 mila firme raccolte (ben più delle 17 mila richieste) sono state invalidate dal Comune per presunte irregolarità, così i promotori della petizione hanno deciso di fare causa contro la legge. È a questo punto che la città di Houston ha deciso di trascinare in tribunale anche i pastori perché consegnassero le loro prediche, sebbene non fossero in alcun modo coinvolti nel processo. La loro “colpa”? Avere aderito a un’associazione che raggruppa circa 400 chiese contrarie all’ordinanza egualitaria della Parker.

GRANDE FRATELLO. Gli avvocati di Alliance Defending Freedom (Adf), una rete legale no profit specializzata in cause riguardanti la libertà religiosa, hanno preso le difese di quattro religiosi in questa vicenda, rivolgendosi alla Contea di Harris (dove si trova anche Houston) per chiedere che il mandato di comparizione sia annullato. Si tratta, secondo Adf, di un atto «tanto inutile quanto inaudito»: gli amministratori di Houston «dovrebbero comportarsi come “civil servant”, non come i sovrani del Grande Fratello», stanno «illegittimamente pretendendo che i pastori, che non sono parte in causa nel processo, consegnino i loro sermoni protetti dalla costituzione e altre comunicazioni con l’obiettivo di controllare se essi si siano mai opposti o abbiano criticato il Comune». Sembra, insistono i legali di Adf, «un’inquisizione studiata apposta per soffocare ogni critica». Peccato che «il commento politico e sociale non è un crimine: è protetto dal Primo emendamento».

LA GOGNA. Nella cronaca scritta per Fox News Todd Starnes riferisce di aver contattato il Comune di Houston per farsi spiegare perché il sindaco Parker voglia «ispezionare i sermoni», ma invano. «Non rilasciamo dichiarazioni riguardo alle cause legali», gli ha risposto un portavoce. «Tuttavia – scrive Starnes – l’avvocato di Adf Erik Stanley sospetta che il sindaco voglia svergognare pubblicamente i religiosi. Prevede che utilizzeranno i loro sermoni per un esame pubblico. In altre parole, la città sta rovistando in cerca di prove per mettere alla gogna i pastori come bigotti anti-gay».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

65 Commenti

  1. lucillo scrive:

    Ecco, questa si che è un sindaco bella tosta.
    Secondo me un po’ troppo: vero che i diritti vanno non solo promossi ma anche difesi, però siamo una società complessa (oddio, gli americani sono mediamente un po’ zotici e non ci si può aspettare troppa coscienza della complessità: o ridicoli moralisti o ridicoli libertari), ed in una società complessa bisogna essere attenti al bilanciamento dinamico fra differenti sensibilità ed istanze.
    Imporre la consegna dei testi delle prediche è inaccettabile, ma va bene andare ad ascoltare le prediche per vedere se ci sono reati; anche da noi si dice giustamente di mandare delle persone a sentire le predicazioni degli iman per assicurarci che non ci sia incitazione a compiere reati secondo il nostro codice e, già che ci siamo, per assicurarsi che non ci sia invito a recarsi in stati altri per combattere guerre altre… che come sia un reato in Italia non l’ho ancora capito.
    In ogni caso: chi è che diceva che qui alcuni (solo alcuni, pochi, pochissimi, troppo pochissimi) sindaci genericamente di sinistra quando trascrivono atti pubblici di stati esteri sono pericolosi estremisti?

  2. LaOltreInCao scrive:

    A quanto ammonta la multa per persone con pisellino che, pur aspirando alla farfallina, non riescono a fare a meno di sporcare la tavoletta?

    • recarlos79 scrive:

      alle associazioni lgbt le difendono i sindaci, governatori, presidenti. dei cristiani gliene frega qualcosa a qualcuno? ma se pure il papa se ne frega!

    • Sindar scrive:

      Che domande… Si immedesimano cosi’ tanto che pisciano seduti

    • beppe scrive:

      quella della disputa sull’uso della toilette è veramente il segno che questi sono matti o scemi. in quei posti i genitali servono solo per pisciare.

  3. Mappo scrive:

    Questa sindachessa (per ora) non taglia ancora le teste, ma è sulla buona strada per imitare i tagliagole di ISIS. Ovviamente le varie Filomene e co. ci spiegheranno che lei è la paladina delle libertà civili ecc ecc.

  4. Q.B. scrive:

    E’ un bollettino di guerra. Il paradosso è che se questi utili idioti dovessero vincere nel Mondo, avrebbero comunque perso la loro Vita (cosa che per molti di loro è un processo in fase avanzata).

  5. Nino scrive:

    Interessante questione, cercherò di capirne di più.

    Riguardo alle firme, ovviamente non sono in grado di entrare nel merito, per cui è possibile che chi ha esaminato la richiesta sia stato molto fiscale. Ufficialmente le firme valide sono state 15.249 (a fronte delle 17.269 richieste), molte sarebbero state annullate perché di persone che non votano a Houston o perché non firmate da loro in originale.

    • Sebastiano scrive:

      Che sfiga, io mi sarei aspettato che le valide fossero 17.268.

      Comunque abbiamo l’anteprima della legge Scalfarotto.

  6. jens scrive:

    A gente di sto tipo bisognerebbe rispondere come Cetto LaQualunque al suo avversario DeSantis che lo critica per i suoi seminari su “Pilu e sviluppo sostenibile” (i più frequentati di tutti) e su “Commercio equo e solidale du pilu” (c’era la fila…): DeSantis, se a ttia u pilu un te piaci, sunno c… toi!!

    Altro che ritirare i sermoni, cara gente mia siete molto frustrati a causa della vostra condizione. So io cosa potrebbe servirvi, arrivateci da soli…

  7. Galcian79 scrive:

    Queste sono le cose che mi fanno vergognare di essere gay. Altro che l’omofobia sociale!

    • Paolo scrive:

      Problema suo…anzi il controllo su certe promozioni di visioni discriminatorie è da lodare.
      Altrimenti ritiene che sermoni che incitani alla guerra santa contro gli infedeli debbano essere legittimati per “libertà di opinione”?

    • Paolo scrive:

      E in base a cosa poi si vergognerebbe della sua natura?
      L’omofobia sociale e quella interiorizzata sono vere ed oggettive minacce contro persone…qua di minacce non ne vedo alcuna, solo un semplice controllo a tutela di cittadini e delle loro famiglie.
      Io mi vergogno, anche se per fortuna non ho nulla da spartire, quando vedo della gente che, anche immobile fingendo di leggere un libro, promuove visioni discriminaziorie, ideologiche (religione) ed infondate del naturale orientamento omosessuale e delle famiglie omoparentali.

  8. Filippo81 scrive:

    Con quella faccia da beota benpensante che ha il sindaco in oggetto, non mi meraviglio. Fessi coloro che la votano !

  9. Tommasodaquino scrive:

    essendo stato in texas per un po’ ho il vago sentore che questo sindaco sicuramente non verrà rieletto. E poi i numerosi amici mi dicono che non c’è alcun rischio di dittatura……nooooooo

    • Paolo scrive:

      No infatti, credo anch’io che non vi sia il rischio di una dittatura tipo califfato secondo le idee delle ideologie religiose. Questo è l’unico pericolo….ma non si preoccupi la società civile si affrancherà sempre di più dai diktat dei vari monoteismi.

      • ochalan scrive:

        Sottomettendosi agli erotomani. Proprio progresso.

      • Tommasodaquino scrive:

        secondo le idee religiose non credo secondo le idee di certe campagne laiciste invece mi sembra abbastanza evidente che non sia semplicemente un rischio, è proprio la realtà dei fatti. Controllare i sermoni dei preti viola qualsiasi principio di libertà, per non parlare della legge (e non solo articoli costituzionali, ma anche norme di violazione della privacy)

  10. paolo scrive:

    Se dico che la masturbazione non è una bella cosa, incito al linciaggio di chi si masturba?
    Se dico che la prostituzione non è una bella cosa, incito alla violenza sulle prostitute?
    Se dico che non sono d’ accordo con Renzi, incito alla violenza sul PD?
    Se dico che l’ omosessualità è una perversione, incito al bullismo verso gli omosessuali?
    Se dico che uno senza gamba è uno zoppo, incito alla discriminazione degli handicappati?

    Se fossero vere tutte queste cose, sparirebbe la libertà. Infatti ogni giudizio negativo (o semplicemente una constatazione) su un comportamento o una idea sarebbe ipso-facto una forma di violenza.
    Ed è questo principio (aberrante) che sta cercando di instaurare il nuovo regime totalitario.
    La riprova che, quando si perde la Fede, si perde anche il buon senso e la libertà.

    • Shiva101 scrive:

      Se dici che l’ omosessualità è una perversione, oltre a incitare al bullismo verso gli omosessuali,
      dici una falsità.

      Le perversioni sono patologie descritte e categorizzate dalla medicina non dai testi … sacri.

      L’omosessualità non esiste come perversione, pertanto, come il papa, sei disinformato ed ignorante.

      • Giannino Stoppani scrive:

        Non so se lo sai Shiva bello di caposezione tua, ma il concetto di “perversione” non riguarda solo la psichiatria.
        In effetti per “perversione” si intende anche l’abbandono della via della fede, e su questo i testi di medicina e i loro relatori hanno ben poco da dire.

      • Guido scrive:

        mi sa che l’ignorante sei tu perché fino a poco tempo fa, per la psicologia l’omosessualità era considerata una parafilia quindi una perversione.

      • Tommasodaquino scrive:

        @shiva101
        non si può pretendere che l’etica sia soggettiva quando conviene ed oggettiva quando non conviene. vi state scavando la fossa da soli. Non si può dire, esiste la libertà di fare quello che ci pare e piace salvo poi sostenere che non si può dire nulla se sconveniente, è una grave illogicità, sia nel diritto che nell’etica. Non è possibile elargire libertà e diritti e poi vincolare altre persone limitando diritti e libertà, o la legge è uguale per tutti o non lo è. Se viene meno questo principio ne viene fuori il caos. E’ un sistema già logoro dalle fondamenta.

    • Paolo scrive:

      Se dico che la masturbazione non è una bella cosa, incito al linciaggio di chi si masturba? No affermi solo un’assurdità
      Se dico che la prostituzione non è una bella cosa, incito alla violenza sulle prostitute? No, ma non c’entra nulla con quanto riportato nell’articolo
      Se dico che non sono d’ accordo con Renzi, incito alla violenza sul PD? No, ma non c’entra nulla con quanto trattato nell’articolo
      Se dico che l’ omosessualità è una perversione, incito al bullismo verso gli omosessuali? Sì, oltre che asserire un’infondata assurdità a danno della natura e delle relazione affettive/sessuali di tante persone
      Se dico che uno senza gamba è uno zoppo, incito alla discriminazione degli handicappati? No, si possono usare termini più gentili. Se si paragona l’omosessualità ad un handicap, oltre all’assurdità, offendi la natura di tante persone.

      Il principio errato è quello secondo il quale la concezione aprioristica ed oggettivamente errata di una ideologia religiosa debba passare per “opinione” causando danno a tante persone.

      • Simone scrive:

        @Paolo
        E la giustezza o la veridicità di queste tue affermazioni in base a quale principio discendono?
        Questa che tu esprimi è esattamente una concezione aprioristicamente ed oggettivamente errata di stampo qualunquista che non tiene in conto della realtà dell’uomo e che può crear danno a tante persone.
        Ma chi ti credi di essere da possedere la verità?

        • Paolo scrive:

          La veridicità delle mie affermazioni non si basa su convinzioni aprioristiche, qualunquiste o errate.
          Discendono da quello che la scienza e la verità sull’essere umano che ne consegue ha evidenziato, proprio su basi oggettive e non su convinzioni errate e appunto ideologiche di una qualche confessione religiosa.
          La domanda semmai da porsi è su che base la sua ideologia religiosa ha la presunzione di possedere la verità sull’uomo per cercare di opporsi a quanto la scienza medica ha evidenziato?
          Il tutto danneggiuando ingiustamente e in maniera non legittima tante persone, le loro famiglie ed i rapporti che vengono instaurati.
          Dovrebbe portare argomentazioni scientifiche ad esempio sul perchè la masturbazione non sia una cosa corretta oppure sul fatto che l’omosessualità sia qualcosa di differente dal normale e naturale orientamento sessuale quale è.
          Altrimenti si tratta, com’è, solo di fuffa religiosa.

          • Sebastiano scrive:

            “opporsi a quanto la scienza medica ha evidenziato”

            Vorrei capire: quali sono i documenti scientifici nei quali risulta questa evidenza?
            Ce li dica, grazie. Altrimenti si tratta, com’è, solo di fuffa di Paolo (e dei suoi compari).

            • Paolo scrive:

              Susu non faccia il giochino del rimpiattino…per me sarebbe troppo semplice. Posti lei invece studi scientifici che dimostrano che l’omosessualità non è un normale e naturale orientamento sessuale. Altrimenti la sua (e dei suoi compari) rimane (e rimarrà) solo solita e stantia fuffa religiosa

              • Giannino Stoppani scrive:

                Pretendere che il povero Paolo della fatina dei denti produca documenti scientifici che dimostrino, senza tema di smentita, che l’omosessualità è una “variante naturale”…
                Cattivoni.
                Ora viene la maestra e vi mette dietro la lavagna.

              • Sebastiano scrive:

                Questa è davvero bella (quasi da incorniciare), puro emblema della supponenza e dell’arroganza bugiarda di cui vi ammantate.
                Prima sostieni una tesi (indimostrata) e quando ti si chiede di far vedere le carte scientifiche a sostegno di quanto affermi, cerchi (maldestramente) di ribaltare l’onere della prova. Ma ci hai preso per fessi?
                Visto che per te sarebbe troppo semplice, facci vedere questi fantomatici “documenti scientifici”, altrimenti significa solo una cosa: che stavi sparacchiando balle a nastro. Indi per cui puoi andare a ragliare altrove.

      • Guido scrive:

        Faccio una considerazione molto semplice basata unicamente sulla logica e non su convinzioni religiose o quant’altro.
        Se consideriamo che il sesso o meglio l’attrazione sessuale è lo strumento che la natura usa per fare in modo che il principio maschile e quello femminile si uniscano per generare un nuova vita allora tutto quello che va ad inceppare questo meccanismo può essere identificato come una perversione.

        Personalmente ritengo tali provvedimenti “antiomofobia” inutili perché quello che le persone fanno in privato (purché tra adulti consenzienti) sono appunto affari privati.
        Diverso è il discorso se certe cose vengono fatte in pubblico. In quel caso si configura il reato di “atti osceni in luogo pubblico” che vale sia per i gay che per gli etero.

  11. Paolo II scrive:

    Sindaco!!! subito a veder CRISTIADA!! e se dopo, la pensi ancora come prima, siamo autorizzati a farti tornare all’asilo!!

  12. Giuseppe scrive:

    Anche la psichiatria fino ad alcuni anni fa considerava l’omosessualità una perversione , per millenni la medicina si è sbagliata? L’ideologia gender è falsa fino al midollo e il comportamento dei suoi sostenitori ne è la prova più lampante.

    • Paolo scrive:

      Ahahhahahaha dire che la psichiatria sosteneva qualcosa da millenni è semplicemente esilarante…nel medioevo c’erano gli psichiatri?
      Si documenti prima di scrivere sig. giuseppe.
      La scienza medica non appena ha cominciato ad effettuare studi seri sull’orientamento sessuale ha avuto la prova lampante che omosessualità ed eterosessualità sonop entrambi orientamenti normali e naturali.
      Se prima il tutto si basava su congetture più o meno viziate da ideologiche visioni in merito non è colpa di nessuno.
      Anche la terra è stata considerata per tanti anni come piatta…
      Inutile poi la solita tiritera “dell’ideologia gender”: non esiste “l’ideologia gender”, esistono gli studi.
      Ciò che chiamate ideologia gender è soltanto la realtà oggettiva della natura umana ed animale che, dato che sconfessa il dogma dell’ideologia religiosa, non riuscite ad accettare.

      Basta fare la prova: mettiamo ideologia gender su google e vediamo cosa salta fuori. Solo siti confessionalmente orientati. Questa ne è la prova più lampante della malfede di chi si scaglia contro la fantomatica “ideologia gender”.

      • Simone scrive:

        @Paolo
        Nella tua religione scientista, tu dai un significato di infallibilità alla scienza che tu stesso contraddici.
        Tu dici “lo dice la scienza”, per cui la la teoria del Gender è vera, citando poi la derubricazione della omosessualità da perversione che quindi ne è un suo errore.
        E di errori della scienza se ne potrebbe fare un elenco infinito.
        Triste la tua fede nella Scienza che è molto meno infallibile di quello che credi.

        • Paolo scrive:

          La teoria del gender non esiste sig. simone…è soltanto uno spauracchio creato ad hoc da chi, per motivazioni ideologiche, vuole continuare a discriminare le persone omosessuali. La dimostrazione è che non vi sia uno studio scientifico, o storico che ne parli…solo psudo “argomentazioni” sempre da fonti intaccate dall’ideologia confessionale che non tollera di essere smentita.
          Di triste c’è solo questo…e i tanti danni danni a persone che questo provoca.

          La scienza può fare errori certo (non è questo però il caso dell’omosessualità) ma ciò che non fa è la cieca accettazione di dogmi aprioristici come fa l’ideologia religiosa.
          Io posso citare studi scientifici, associazioni mediche e scientifiche di tutto il mondo a mio sostegn, lei cosa può apportare di non confessionale?
          A lei anche l’onere di dimostrare per quale motivo (sempre scientificamente) l’omosessualità non sarebbe un orientamento sessuale naturale al pari dell’eterosessualità…e qualora volesseprovarci, mi permetta di provare un pò di compassione per l’arduo (quanto inutile) tentativo.

          • Simone scrive:

            La teoria del gender esiste e come, basta vedere quanti libri sono stati scritti e come viene trattata oggi dandogli una autenticità scientifica.
            La Scienza può fare errori ma non sulla omosessualità: grazie della sua conferma da scienziato che contraddice proprio il fatto che la scienza ha fatto errori proprio sulla omosessualità.
            Per quanto riguarda le ricerche fatte ad oggi la maggior parte sono state portate avanti da gay, facendo ricerche su campioni gay non scientificamente validi e forzando i risultati a favore dei gay.
            Un fulgido esempio di ricerca scientifica.

        • Filomena scrive:

          I gay non sono malati da curare. Il Sinodo supera i pregiudizi ecclesiastici che riducevano l’omosessualità a perversione e pericolo pubblico. Al centro deve esserci sempre la persona». Secondo il vescovo canonista di Mazara del Vallo Domenico Mogavero, ex sottosegretario Cei, ora commissario per le migrazioni, il legislatore civile non può far finta che non esistano le unioni gay e le coppie di fatto. E «non hanno alcun fondamento» le proteste dell’episcopato per le proposte di riconoscimento delle coppie gay: «Uno Stato laico non può fare scelte di tipo confessionale e la Chiesa non può interferire nella sfera delle leggi civili».
          I gay sono una risorsa per la Chiesa?
          «E’ indispensabile promuovere la cultura dell’umanesimo integrale. Gli omosessuali non sono né pervertiti che vanno guariti né individui da confinare ai margini della società e della Chiesa. La sensibilità pastorale deve esprimersi con l’accoglienza e la valorizzazione di ogni contributo. Le unioni civili riguardano i diritti di persone che nella relazione di coppia e sociale chiedono garanzie per il loro vivere quotidiano. Se ciò non comporta omologazione, non vedo ostacoli alle unioni civili. Ed è stato intendimento di Francesco rifletterci al Sinodo sulla famiglia. La gran parte dei padri sinodali si riconoscono nella sensibilità del Papa verso tutti».
          Condivide il no del ministro Alfano alle coppie omosessuali?
          «Gli attuali modelli giuridici non riescono a imbrigliare la realtà. C’è una distanza tra l’essere che è la vita e il dover essere rappresentato dalle norme. Le leggi sono cristallizzate, fotografano condizioni generali che negli ultimi anni sono profondamente mutate. La politica deve pensare e regolamentare il nuovo nei termini del rispetto dell’altro».
          Serve una legge sulle unioni di fatto?
          «Si può trovare un’intesa riconoscendo la centralità della persona. Lo Stato deve rispettare e tutelare il patto che due conviventi hanno stretto tra loro. E la Chiesa deve accoglierle e accompagnarle pastoralmente senza emarginarle con l’etichetta di persone che vivono nel peccato. Non può esserci alcuna giustificazione per nessuno alla chiusura del cuore. Nel piano di Dio tutto è grazia e, di conseguenza, dobbiamo guardare avanti e in alto. Liberiamoci da forme di pigrizia spirituale che ci rendono inerti».
          Fonte: La Stampa

          • ochalan scrive:

            Mogavero ha sempre avuto opinioni discordi dal resto del episcopato. Questo non fa di lui la verità incarnata.

          • Angelo scrive:

            Signorina/signora Filomena, lei che aggettivo darebbe al sindaco di Houston?
            Condivide il suo operato? Sono curioso di sentire le sue parole femministe.

          • Il cavaliere oscuro scrive:

            Mia cara, il sinodo non è ancora finito: se ne parla fra un anno… e nel caso smettiamola di leggere i giornali, ma andiamo alle fonti dirette se si vuole sapere del Sinodo… quello vero! Cordialmente

          • Mappo scrive:

            Filomena, ma per caso il suo è il nickname sotto cui si nasconde Sua Eccellenza Reverendissima il vescovo Mogavero? Lo domando perché leggendo questo articolo da Lei riportato mi sembra che si tratti della stessa persona che con il nome di Filomena ha scritto centinaia di commenti qui sul forum di Tempi. Suvvia Eccellenza se Lei e Filomena siete la stessa persona non esiti a palesarsi.

  13. Sasso Luigi scrive:

    Ma gli Stati Uniti non erano il paese della libertà di espressione?

  14. È' sempre il solito sguardo scrive:

    Ho imparato a riconoscerlo, non solo negli altri ma anche in me stessa. Guardate la fierezza mista a purezza, il diaballo usa questi nostri tratti per farci fare quel c che vuole.
    È’ bestiale? Spt tra i più giovani i le generazioni emergenti attecchisce subito.

  15. Emanuele scrive:

    Alla faccia del “libera chiesa in libero stato”! Queste misure farebbero impallidire Cavour.

  16. Ultimo scrive:

    Inutile scandalizzarsi e/o lasciarsi coinvolgere in (pseudo)dibattiti con chi sostiene che la vera libertà sia negare l’evidenza della natura. Si sa: viviamo nell’epoca in cui il Bene è additato come male e il male come Bene, è chiaro.
    Tocca solo prendere spunto dalla storia, mettendo in atto quella che, secondo me, è l’ultima resistenza al male che ormai pervade ogni cosa di questo mondo e che tenta di trascinare ognuno di noi nell’eterna tenebra.
    Nostro Signore, i martiri e i santi tutti, e persino il film Cristiada ci siano da guida e da faro affinché ci illuminino su ciò che ci rimane da fare per vincere contro satana.
    Dio vi benedica tutti.

    • Paolo scrive:

      Pur nella totale assurdità e dissociazione dalla realtà almeno questo commento ha il pregio di non nascondersi dietro un dito, ben evidenziando che alla base vi è solo ideologia religiosa

      • Fran'cesco scrive:

        Alla base di tutto c’è la fede, Paolo. Senza di Lui nulla siamo.

      • Matrix scrive:

        Caro Paolo, questo tuo commento postato tanto per avere l’ultima parola è uno stupendo esempio di finezza morale e intellettuale. Complimenti.

      • beppe scrive:

        paolo, al dilà della diversità di visione tra te e ultimo, dovrebbe essere palese che si tratta appunto di uno scontro ad alto livello, di una lotta tra bene e male, che tocca nel profondo la natura dell’uomo che rischia di venire stravolta. quel che meraviglia è che un vescovo non vi trovi niente di male.

  17. Pastore Giuseppe Mascari scrive:

    Sono un pastore,per cui sono particolarmente coinvolto, possono citare in tribunale, inti mare,incarcerare, ma la Parola di Dio non sarà mai legata o imbavagliata da nessuno, la verità non potrà essere annullata, siamo pronti a soffrire e a morire per la verità della Parola di Dio che non ha certo bisogno di essere difesa da nessuno ma proclamata si.

  18. Biagio scrive:

    Verrà un giorno in cui tutti potremo toglierci…. qualche curiosità. E questo giorno, evidentemente, sarà molto…democratico. Lui, sì, lo sarà!

  19. Cisco scrive:

    E’ sempre la solita storia: il relativismo e’ una dittatura, infatti assolutizza la secolarizzazione scagliandosi contro le ragioni di tutti coloro che non vogliono allinearsi alla visione dell’uomo di volta in volta predominante nella società. Oggi questa visione promuove l’uomo-narciso che ha diritto di fare qualunque cosa per soddisfare qualunque suo capriccio.

  20. Maurizio Guida scrive:

    i cristiani non hanno alcun timore di annunciare la scrittura, il mondo gay non deve scagliarsi contro i credenti ma con l’apostolo Paolo che dice in romani 1:18 a 32. 1corinzi 6:9 a 11; Oppure con Timoteo che sostiene in 1 Timoteo 1:8 a 11; o con L’apostolo Giovanni Apocalisse 22:15. Noi non abbiamo nessuna colpa cari gay. Se dovete prendervela con qualcuno ecco allora parlate con chi ha scritto la Bibbia. Vi ricordo comunque che ognuno puó vivere la propria vita senza invadere quella degli altri. Chiunque è libero di eprimersi nella massima libertà senza che questa invada o leda la libertà degli altri.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana