Google+

Grillo predica bene, razzola male

gennaio 5, 2017 Redazione

Se ti impanchi a moralizzatore dei media e della società, poi è chiaro che qualcuno ti chiami a rendere conto delle tue azioni

Se ti impanchi a moralizzatore dei media e della società, poi è chiaro che qualcuno ti chiami a rendere conto delle tue azioni. È ciò che sta succedendo a Beppe Grillo, garante del M5S, che solo poco tempo fa ha pubblicato sul suo blog un testo di Goffredo Parise, «il rimedio è la povertà». Secondo il sito di gossip Dagospia, che riprende una notizia apparsa su Chi, il comico predicherebbe bene, ma razzolerebbe male. Perché negli stessi giorni Grillo sarebbe stato avvistato a Malindi, in Kenya, in vacanza in hotel e su yacht che della povertà non sono esattamente un emblema.

HIV E CANCRO. Stesso discorso lo si può fare sull’attendibilità delle notizie che in questi anni lui, il suo sito e il suo movimento hanno avallato. «In uno spettacolo del 1998 dal titolo Apocalisse morbida – scrive oggi il Giornale – ha spiegato agli spettatori paganti che l’Aids non esiste, negando che l’Hiv fosse un virus trasmissibile che danneggia il sistema immunitario favorendo l’insorgenza di patologie che possono portare alla morte». E «sempre nello stesso teatro ha affermato che i test per la diagnosi precoce del cancro sono pericolosi; che i vaccini sono praticamente inutili perché “là dove hanno fatto le vaccinazioni le malattie sono scomparse, là dove non le hanno fatte le malattie sono scomparse lo stesso” e che “il 45 per cento dei farmaci che noi assumiamo non servono per la malattia che ci è stata prescritta. Funzionano per l’effetto placebo”».

SCIE CHIMICHE. L’elenco è lungo: si va dalle ormai famose scie chimiche alla «biowashball, la palla che cancella le macchie dei vestiti in lavatrice», ai computer «pericolosi» perché «emettono radiofrequenze che controllano il cervello», ai cellulari che cuociono le uova in 65 minuti. Una serie di errori che, finché sei un comico, ti possono essere perdonati come comprensibili iperboli atte a strappare una risata o un applauso. Il problema è quando fai politica e ti ergi a giudice della credibilità altrui.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download