Google+

Francia bacchettona. Ai tempi di Diderot, nessun giornale avrebbe fatto le pulci a Hollande per le sue donne

gennaio 19, 2014 Antonio Gurrado

I tanto declamati valori della liberté e della laicité alla fine hanno prodotto una bacchettoneria massimalista e tonta

Io non so se lo status presidenziale di François Hollande gli consenta di concedersi occasionalmente una passeggiata al Palais-Royal. Lì ogni giorno alle cinque del pomeriggio, due secoli e mezzo fa, passeggiava invariabilmente Denis Diderot che ne Il nipote di Rameau scriveva: «Lascio il mio spirito ai suoi ghiribizzi, alla sua mobilità, alla sua incostanza; corre appresso a un’idea e subito dopo la molla per un’altra. Le mie idee sono le mie puttane».
Per una curiosa coincidenza oggi Hollande rischia di essere impiccato (per lo meno dalla stampa) non tanto per le idee quanto per le puttane, ovvero, fuor di metafora, per la condotta sessuale anziché per l’opera governativa e le promesse non mantenute.

Non ha senso. Che un presidente infili il casco e monti in scooter per andare a sollazzarsi in una garçonnière, fossimo ai tempi in cui Diderot passeggiava indefesso, desterebbe tutt’al più qualche risatina nei salotti o finirebbe nei gazzettini pettegoli, i quali parlerebbero ammiccando di incontri fra una gran dama e un signore che regge le sorti di un immaginario paese. Nessuno si sognerebbe di dare risposte alla nazione, tanto meno in una conferenza stampa con seicento giornalisti.
Hollande dovrebbe sapere che i suoi guai di letto sono iniziati con la rivoluzione francese, quando presero a circolare pamphlet contro gli appetiti lesbici e orgiastici di Maria Antonietta; i quali, veri o presunti, si diffusero come fuoco fra le classi più ringhiose e fecero identificare l’operato pubblico della regina col suo indaffararsi privato.

Nessuno ghigliottinerà Hollande, auspicabilmente, né per l’inaudita trasgressione di avere un’amante né per il vizio sciovinista di farsi portare i croissant né per la più grave diceria che il famoso casco fosse in realtà slacciato: tuttavia il moto d’animo che alimenta il pubblico scandalo è lo stesso identico che portò all’istituzione primigenia, naif e sanguinaria, della République.

Purtroppo Diderot è nato 301 anni or sono e nessuno, per quanto filosofo possa essere, dura tanto a lungo; peccato perché forse si divertirebbe a scoprire che i tanto declamati valori della liberté e della laicité alla fine hanno prodotto una bacchettoneria massimalista e tonta. Lui era un libertino serio, ne I gioielli indiscreti dava voce a vagine poliglotte e già nel 1771 (nel Supplément au voyage de Bougainville, se proprio avete vaghezza di controllare) sosteneva che se l’amore è un sentimento allora è inutile recintarlo in gabbie legali frutto di ragionamenti; in quei tempi bui l’idea parve più accettabile che ai tempi luccicanti del mariage pour tous.
Morto nel 1784, non ha fatto in tempo a vedere né la rivoluzione né la sua conseguenza a lungo termine: l’involuzione francese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. marzio scrive:

    A nessuno interessa la vita sentimentale di Hollande, però da fastidio ii fatto che lui fa sempre il moralista nei confronti delle eventuali o presunte pecche altrui, quando fa qualche ca,,ata lui, allora se ne esce con il fatto della tutela del privato.Se la stessa cosa fosse successa a un’importante politico Italiano, il simpatico hollande non avrebbe fatto mancare le sue omelie, come è nel suo stile.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana