Google+

Campione misterioso, Francesco ha vinto la prova più difficile: scrivere “Szczesny” correttamente

giugno 20, 2012 Redazione

Il campione di ieri non era tanto difficile da indovinare, quanto da scrivere. Ma Francesco, tifoso juventino e amante del basket, è stato preciso. D’altronde, studia ingegneria…

Ecco il vincitore del profilo del campione misterioso pubblicato ieri: si chiama Francesco Clerici, studia ingegneria idraulica e viene da Lodi. Giovedì on-line un nuovo giocatore da indovinare.

Quando ha letto dell’omino delle Pringles ha capito, e attingendo ai ricordi degli anni del liceo gli è venuto in mente subito David Seaman, ex-grande portiere dell’Arsenal, per poi risalire fino all’attuale numero 1 dei Gunners, Wojciech Szczesny. Così Francesco Clerici ha indovinato il nome del giocatore misterioso pubblicato ieri, quello appunto dell’estremo difensore polacco: Tempi lo ha voluto premiare anche perché è stato uno dei pochi lettori a scrivere in maniera corretta il nome del giocatore in questione.

Francesco è un tipo preciso, metodico, non s’è fatto spaventare dall’impronunciabile cognome di Szczesny. D’altronde, studia ingegneria, una materia che ti obbliga a stare attento a ogni dettaglio, fare calcoli, essere scrupolosi. Lodigiano, classe 1985, il calcio è sempre stato per lui una grande passione sponsorizzata dall’acceso tifo juventino del padre. Anche lui ama la Vecchia Signora, ma non è di quegli amanti che farebbero follie pur di seguire la propria squadra: «Il calcio lo guardo a casa. Anche se il nuovo stadio che abbiamo da quest’anno m’affascina molto, e non escludo la prossima stagione di andare a vederci qualche partita». Per quanto riguarda invece gli Europei, è rimasto stupito da alcuni flop, come quello dell’Olanda: «Incredibile! Pensavo che con dei giocatori di quel livello dovessero farcela facilmente. Invece sono usciti. In generale queste partite mi stanno piacendo molto, perché non c’è grande spazio per tatticismi o cose simili, ma le squadre si affrontano molto a viso aperto».

A lui il calcio piace così: veloce e spontaneo, senza tanti schemi. D’altronde, fin da quando è ragazzino ha sempre giocato a basket, naturale quindi che ami vedere partite spettacolari. Una qualità che certo non è mancata alla sua Juve quest’anno: «Finalmente dopo tante sofferenze abbiamo potuto tornare a gioire. È stato bellissimo vedere come Conte sia riuscito a trasferire tutta la sua grinta alla squadra».

Per quanto riguarda gli studi, la sua carriera da universitario ha preso una chiara piega all’inizio della laurea specialistica, quando ha voluto lasciare la strada d’ingegneria edile seguita durante il triennio per buttarsi sull’idraulica. «Mi affascina l’acqua: è qualcosa che non puoi controllare del tutto. E da quando ho deciso di studiare questa disciplina, ho avuto anche un rendimento migliore». Intanto, la sua vita in ateneo inizia a vedere il termine: da poco ha iniziato a scrivere la tesi, e spera di laurearsi entro la fine del 2012. E magari, prima, riuscire a fare un salto a Torino, per vedere la Juve vincere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

2 Commenti

  1. Doug Easdon scrive:

    Hello! This post could not be written any better! Reading through this post reminds me of my previous room mate! He always kept talking about this. I will forward this page to him. Fairly certain he will have a good read. Thank you for sharing!

  2. Thank you a lot for sharing this with all people you actually recognize what you’re talking approximately! Bookmarked. Kindly additionally discuss with my web site =). We could have a link exchange arrangement among us!

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'azienda francese lancia la replica del casco del pilota MotoGP Scott Redding in due versioni: Race-R PRO Carbon e Speed-R Carbon Serie 2

Sulla sua pagina web si definisce "vetetiste de l'extreme"... Per dare concretezza al soprannome, Eric Barone ha stabilito l'ennesimo record sulla neve di Vars, in Francia, superando il suo precendente limite di 222 km/h

È la 190 più estrema mai realizzata. Mossa da un 4 cilindri 2.5 16V aspirato da 235 cv, ha conquistato il DTM nel 1992. Complice il peso contenuto in 1.340 kg, scattava da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi. L’estetica? Oltre ogni immaginazione.

È la versione celebrativa per i 30 anni, ma in realtà la 208 GTi Anniversary è molto di più: assetto ribassato e irrigidito, differenziale Torsen e motore pompato a 208 cv. Ora in serie limitata, ritornerà sotto le insegne Peugeot Sport

Novità a raffica da Michelin e vittoria ai Tire Technology Awards in ben due categorie. Michelin ha infatti vinto il premio di produttore di pneumatici dell'anno, nonché il premio Tyre Technology of the Year al recente Tyre Technology Expo di Colonia, in Germania

Speciale Nuovo San Gerardo