Google+

Farsi dare la patente da Rosy

maggio 10, 2016 Emanuele Boffi

Se bastasse un bollo per garantire la buona condotta di una persona o di un’azienda, Cosa Nostra dovrebbe essere già andata in malora da un pezzo

rosy-bindi-ansa

Pubblichiamo l’articolo contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Roberto Giachetti (Pd) ha consegnato alla presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, le liste con i nominativi dei candidati che sostengono la sua corsa a sindaco di Roma. «Si tratta di un’iniziativa importante – ha dichiarato Bindi – e mi auguro possa essere assunta anche da altri». Jole Santelli, coordinatrice di Forza Italia in Calabria, ha scritto alla stessa presidente chiedendole una «valutazione totale di tutte le candidature a consigliere che saranno formalizzate».

Queste iniziative, assai applaudite, che paiono segnalare una presa di coscienza da parte della politica alle ragioni della trasparenza e della legalità, ne rivelano in realtà la subalternità al pensiero dominante giustizialista. Se bastasse un bollo per garantire la buona condotta di una persona o di un’azienda, con tutti i certificati antimafia emessi in Italia, Cosa Nostra dovrebbe essere già andata in malora da un pezzo.

La soluzione, come ha spiegato Stefano Parisi all’Huffington Post, non è «farsi vidimare le liste da Rosy Bindi», ma il coraggio di rivendicare le proprie scelte, assumendosene la responsabilità davanti agli elettori. «Le liste le garantiamo noi, e mettiamo persone che conosciamo e di cui ci fidiamo e che non hanno commesso reati. Quando la politica si presta a questo tipo di atti dimostrativi sulla corruzione abdica al proprio ruolo di garanzia verso i cittadini». E, aggiungiamo noi, si presta a giochini e antipatie di palazzo (il nome “Vincenzo De Luca” vi fa accendere una lampadina, vero?).

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mamifacciailpiacere says:

    Ahimè Boffi di lampadine se ne sono accese tante, tantissime ma in Italia e’ comunque notte fonda. Buio totale.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.