Google+

L’eurodeputata che ha sconfitto l’Europa abortista: «È quasi un miracolo, ma la battaglia continua»

ottobre 23, 2013 Redazione

Anna Zaborska, europarlamentare popolare slovacca, ha fatto rinviare in Commissione la risoluzione che dichiara l’aborto un diritto umano: «È la loro solita tattica»

«Sono sorpresa, direi che è quasi un miracolo. Sarò che forse oggi è la giornata in cui divenne papa Giovanni Paolo II, forse ci ha dato una mano». Anna Zaborska, eurodeputata popolare slovacca, è tra i principali fautori della vittoria in Parlamento Europeo, che ieri ha rinviato in Commissione la risoluzione a favore dell’aborto come diritto umano e dell’educazione omosessuale dei bambini.

NON ESISTE DIRITTO ALL’ABORTO. In un’intervista ad Avvenire, Zaborska si professa soddisfatta: «È un’ottima notizia, perché di solito su queste questioni vince sempre l’altra parte e anche loro credo siano rimasti stupiti». L’eurodeputata spiega che molti che erano a favore della risoluzione, si sono poi schierati contro. «Al di là dei principi etici, è chiaro che la risoluzione lede le competenze degli Stati nazionali, ed è chiaro che nessun trattato internazionale sancisce il diritto all’aborto».

«VOGLIONO RIPRESENTARE IL TESTO». Il testo però potrebbe ancora tornare in Parlamento «anche se noi certamente ci impegneremo per cercare di allungare i tempi» fino alle elezioni europee, che cambierebbero tutto e affosserebbero la risoluzione. «Ma i sostenitori di quel testo sono molto agguerriti, hanno detto che il testo sarà ripresentato identico. E non è escluso che alla fine passi visto che comunque socialisti, verdi, liberali e sinistra unitaria hanno la maggioranza».

LA STRATEGIA EUROPEA. Anche se la risoluzione non avrebbe imposto agli Stati membri di legiferare in base al testo, secondo Zaborska fa tutto parte di un piano consolidato: «È una strategia classica: il battage costante a colpi di risoluzioni, che però impressionano l’opinione pubblica che non sempre sa che si tratta di testi non vincolanti, facendo così pressione sui parlamenti nazionali. E non di rado, poi, anche la Commissione Europea decide di farsi “ispirare” per vere e proprie proposte di direttive. Per questo bisogna stare all’erta e continuare la battaglia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. Original Bifocale scrive:

    Un sentito ringraziamento all’onorevole Zaborska. Speriamo che il suo impegno convinca anche altri europarlamentari a contrastare la diffusione della nefasta ideologia del gender e a riaffermare l’unicità della famiglia, costituita sul legame stabile tra un uomo e una donna.

  2. Original Bifocale scrive:

    Un sentito ringraziamento a questa eurodeputata. Speriamo che si possano aggiungere altri esponenti a difesa della vita, della famiglia e della legge morale naturale. Non può esserci matrimonio tra persone dello stesso sesso.

  3. Italo sgro' scrive:

    Gli omosessuali devono bruciare all’inferno!

    • Italo Sgrò scrive:

      Non so chi abbia scritto quella roba sopra, io certo no.

      • Orazio Pecci scrive:

        Chi si finge qualcun altro dovrebbe almeno curare l’ortografia (magari scoprirebbe che gli accenti e gli apici sono cose diverse).

  4. Picchus scrive:

    Un grazie certo alla Zaborska, ma sono perplesso: il nazismo non era stato sconfitto quasi 70 anni fa? E allora questi da dove spuntano? Dobbiamo rifare tutto da capo?

  5. emanuele p. scrive:

    Non dimentichiamoci però che in mezzo ci sarà l’iniziativa “uno di noi” che ha raccolto più di un milione e quattrocentomila firme. E voi l’avete firmata? c’è tempo fino al 31 ottobre!

  6. mike scrive:

    una bella cosa. l’articolo dice bene quando afferma che la strada è ancora lunga.

  7. Remo scrive:

    Io temo molto l’ideologia del gender e la sua intolleranza. E’ una menzogna, io pure ci sono cascato, ma per fortuna me ne sono allontanato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana