Google+

Eletta Miss Arabia Saudita. Che, a quanto pare, è “bella dentro”

ottobre 10, 2012 Redazione

Si chiama Maram Zaki al-Saif ed è la nuova Miss Arabia Saudita. Solo che, a differenza che nel resto del mondo, la ragazza non è stata scelta per la sua bellezza, ma per i suoi “valori etici”

Si chiama Maram Zaki al-Saif ed è la nuova Miss Arabia Saudita. Solo che, a differenza che nel resto del mondo, la ragazza non è stata scelta per la sua bellezza, ma per i suoi “valori etici”. Molte delle partecipanti alla “Reginetta dell’etica” indossavano un velo integrale che non lasciava scoperti nemmeno gli occhi. Maram, originaria dell’isola di Tarout, ha partecipato a volto scoperto, ma con un grande velo nero che le copriva i capelli, il collo, le spalle e tutto il resto del corpo.

Le miss partecipavano, quindi, più che a un concorso di bellezza, ad un “test morale”, il cui tema era “La mia etica, la mia identità”, che si è svolto nella provincia orientale di Qatif e ha visto in gara 285 ragazze tra i 16 e i 24 anni. La giuria ha preso in esame i valori etici delle reginette, ma anche il loro carisma, le loro performance teatrali e la loro cultura. Oltre alla corona e alla fascia, Maram ha vinto un premio in denaro pari a circa 2.700 dollari.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    NUDE, LE VOGLIAMO VEDERE TUTTE E 258 NUDE.

Tempi Motori – a cura di Red Live

La concept dell’atelier milanese adotta un V8 4.2 Maserati da 405 cv. Pesa 1.000 kg e si ispira alla storica 450S Coupé Costin/Zagato del 1957. Scocca in carbonio.

La Lambo di serie più potente di sempre? Eccola. Con 750 cv, trazione integrale, ammortizzatori magneto-reologici e sterzo adattivo. Impressionante, sorprendentemente reattiva. E non solo per piloti. Costa 327190 euro tasse escluse

Mostrata a Villa d’Este la concept bike che anticipa una sontuosa bagger realizzata sulla piattaforma a sei cilindri. La vedremo al prossimo EICMA?

Sfida a suon di bicilindrici, diversi da sempre per schema motoristico e filosofia. L’irrinunciabile "L" della scuola nostrana senza compromessi di Ducati, con la Monster 1200 S, contro l'inconfondibile classe del boxer BMW R 1200 R. Un tempo erano molto lontane, ma ora qualcosa è cambiato e nel mirino delle due rivali potrebbe esserci lo stesso cliente

Per una “falla” nel sistema di sicurezza dell’ufficio brevetti australiano, sono stati svelati i disegni della prima SUV della storia del Tridente. Debutterà nel 2016.

Speciale Nuovo San Gerardo