Google+

Eletta Miss Arabia Saudita. Che, a quanto pare, è “bella dentro”

ottobre 10, 2012 Redazione

Si chiama Maram Zaki al-Saif ed è la nuova Miss Arabia Saudita. Solo che, a differenza che nel resto del mondo, la ragazza non è stata scelta per la sua bellezza, ma per i suoi “valori etici”

Si chiama Maram Zaki al-Saif ed è la nuova Miss Arabia Saudita. Solo che, a differenza che nel resto del mondo, la ragazza non è stata scelta per la sua bellezza, ma per i suoi “valori etici”. Molte delle partecipanti alla “Reginetta dell’etica” indossavano un velo integrale che non lasciava scoperti nemmeno gli occhi. Maram, originaria dell’isola di Tarout, ha partecipato a volto scoperto, ma con un grande velo nero che le copriva i capelli, il collo, le spalle e tutto il resto del corpo.

Le miss partecipavano, quindi, più che a un concorso di bellezza, ad un “test morale”, il cui tema era “La mia etica, la mia identità”, che si è svolto nella provincia orientale di Qatif e ha visto in gara 285 ragazze tra i 16 e i 24 anni. La giuria ha preso in esame i valori etici delle reginette, ma anche il loro carisma, le loro performance teatrali e la loro cultura. Oltre alla corona e alla fascia, Maram ha vinto un premio in denaro pari a circa 2.700 dollari.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    NUDE, LE VOGLIAMO VEDERE TUTTE E 258 NUDE.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

All'EICMA tornerà il marchio Matchless, ricco di 115 anni di storia e con numerosi record al suo attivo ecco le prime foto e i primi bozzetti

Elettrica, due posti, leggerissima e con un’autonomia di 160 km. La nuova concept a zero emissioni è una creazione dell’Università di Monaco e promette un prezzo in linea con una city car a benzina.

Edizione limitata della coupé bavarese per celebrare la vittoria nel Campionato tedesco turismo. La meccanica resta invariata, mentre l’allestimento esterno è di chiara ispirazione racing.

Un campo di battaglia inusuale per una sfida che ha il sapore della competizione a stelle e strisce. 800 metri di terra battuta da percorrere a tutto gas, rigorosamente in senso antiorario. Queste sono le regole dell’ovale e a scriverle sono due giapponesi dall’anima sportiva: Subaru WRX STi e Honda CRF 450R Supermoto

Si avvicina alla fine la produzione della hypercar ibrida di Stoccarda e fioccano gli ordini. Restano solo pochi, pochissimi esemplari disponibili. In fondo, bastano 800.000 euro per scatenare 887 cv e percorrere 32,3 km/l…

Speciale Nuovo San Gerardo