Google+

Eh no cari juventini, a calcio vince il migliore. Ce l’avete insegnato voi

febbraio 22, 2012 Fred Perri

Compagni e amici bianconeri, pur concedendovi molte attenuanti per le pene subite, non potete urlare al complotto, adombrare la sudditanza psicologica, fare la contabilità dei rigori. Se le vostre vittorie sono state regolari, lo sono anche quelle degli altri.

Anticipiamo la rubrica di Fred Perri, Sport uber alles, che apparirà sul numero 08/2012 di Tempi da domani in edicola.

Perché in questo spazio cinico e baro si costruisce spesso un ponte tra il calcio e la politica? Perché il calcio, come la politica, è l’arte della dimenticanza, il festival dell’incoerenza. Prendete la Juventus e i suoi milioni di tifosi. Ne hanno passate tante, che si prenda la storia del 2006 come oro colato o si consideri tutta la vicenda tutt’altro che chiara, come tutte le (fasulle) rivoluzioni italiane (io propendo per questa seconda ipotesi). Beh, comunque, dopo aver preso una botta terribile, sono tornati competitivi. Meglio, dico io, perché così ci divertiamo di più. Però, compagni e amici bianconeri, pur concedendovi molte attenuanti per le pene subite, non potete urlare al complotto, adombrare la sudditanza psicologica, fare la contabilità dei rigori. Non potete perché prima del 2006 c’eravate voi al governo, in campo e fuori, ed erano gli altri a recitare le stesse giaculatorie nei confronti della Juve. Se pensate che le vostre vittorie siano state regolari, adesso non potete sostenere che quelle degli altri non lo sono. 

Rimango uno dei pochi a pensare che la Juve vinse regolarmente sul campo i due scudetti che le sono stati tolti. Ma non si può essere garantisti solo quando pare a noi. Dal 2006 al 2010 l’Inter ha vinto perché era la più forte, poi è stata la volta del Milan per l’identica ragione. E se i rossoneri si ripeteranno sarà perché l’avranno meritato. Punto. 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Francesc scrive:

    il giudizio qui esposto…La Juventus non ha fatto il conto dei rigori dati agli altri, ha sottolineato che mancano dei rigori CHIARI che attualmente porterebbero a una classifica diversa, non ha parlato dei rigori regalati al Milan, o di altro, ha fatto notare che sistematicamente non vengono fischiati rigori a favore, anche quando chiari. Inoltre dire che nel 2006 c’era la Juve al governo è come dire tra le righe che il processo che li ha fatti fuori era giusto, cosa che invece lei mette quantomeno in dubbio poche righe prima. Sicuramente se il Milan vincerà lo scudetto sarà per merito, e una riprova l’avremo sabato sera, ma non è giusto che gli arbitri siano sempre portati a NON fischiare pro Juve, sull’onda di un sentimento diffuso che li porterebbe a essere messi alla gogna (nel caso sbagliassero pro-juve)

  2. pavelio scrive:

    Caro Fred Perri: stavolta hai preso fischi per fiaschi!

    Antonio Conte non ha mai accennato alle situazioni altrui, le parole che ha esternato riguardano solo e soltanto il suo team.

    Ha detto a chiare lettere che gli arbitri si ostinano a non concedere alcun penalty alla Juve anche quando il rigore è palese.

    Perché? Beh, il perché è ovvio: la Juve mantiene quell’aura di eterna cattiva che deve scontare per sempre pene (che le motivazioni su Calciopoli hanno dimostrato essere) immeritate.

    Con la Juve gli arbitri adottano la linea d’azione “in dubio contra Vetus Domina”.

    Vedi alla prima giornata col Parma (ginocchiata a Matri), vedi contro il Siena (cross di Chiellini stoppato col braccio), vedi al ritorno contro il Parma (e vedi anche con il Catania, spinta su Padoin, anche se questo episodio è posteriore alle polemiche).

    La cosa più ridicola è che Allegri si è permesso di commentare un episodio sulla Juve, cosa che Conte non si è mai sognato di fare.

    Ehi Fred, cosa facciamo? Mentiamo sapendo di mentire?

  3. xoinas scrive:

    Caro Fred, adoro la tua rubrica, ma qui non confondiamo Conte e le sue dichiarazioni con lo starnazzare di altri lidi.
    Quello che ha detto l’allenatore juventino è stata un’osservazione statistica: non vogliamo regali, ma dall’inizio del campionato siamo la squadra che più attacca e che è più presente in area di rigore. Eppure ci è stato dato un solo rigore, e dire che di episodi dubbi ce ne sono stati.
    Inoltre per quell’unico rigore dubbio, ma praticamente ininfluente, è stato dato molto più risalto dai media rispetto ad altri rigori più dubbi e più influenti dati a squadre avversarie.Il povero arbitro nell’occasione fu “squalificato” per 4 turni, manco avesse deciso uno scudetto, mentre gli arbitri degli altri episodi sopracitati non furono sanciti in alcun modo.
    Perciò va bene tutto, ma sai bene che “a pensar male si fa peccato, ma di solito ci si indovina”.
    Detto questo, che vinca il migliore, ma il migliore davvero!

    PS: Inoltre Conte non ha parlato di complotti o sudditanza psicologica, ha solo detto che gli arbitri sono uomini: se vedono che chi sbaglia a favore della juve viene penalizzato, e chi sbaglia contro no, è facile immaginare che preferiscano nel dubbio non correre il rischio….

    PPS: Le stesse cose le diceva 4 anni fa Ranieri quando era allenatore della juve, ma ora che è passato all'”altra sponda” se ne stupisce…

  4. Leone Grotti scrive:

    Grazie Fred, a costo di esagerare ma stavolta bisogna dirlo: hai parole di vita vera! (ho omesso il “Tu solo” per rispetto di Quello che sta più in alto)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana