Google+

Egitto. Mina e Justina si sposano tra le macerie di una chiesa bruciata dai Fratelli Musulmani Video

settembre 16, 2013 Leone Grotti

La chiesa del Principe Tadros, a Minya, è stata data alle fiamme in agosto. Ma i due giovani l’hanno scelta lo stesso: «Qui siamo cresciuti e abbiamo imparato a pregare. Oggi siamo felici»

 «Questa è la nostra chiesa fin da quando eravamo bambini. È qui che siamo cresciuti ed è qui che i nostri sacerdoti ci hanno insegnato a pregare. Oggi siamo davvero felici». E poco importa se la chiesa del Principe Tadros, nel governatorato di Minya, Egitto, è stata distrutta e bruciata lo scorso mese dai Fratelli Musulmani. Mina e Justina hanno voluto sposarsi lì lo stesso, se pur tra le macerie.

FESTA TRA LE ROVINE. I due giovani cristiani si sono uniti in matrimonio all’inizio del mese. Macarius, vescovo copto-ortodosso della diocesi di Minya, ha dichiarato che l’edificio era stato dichiarato inagibile dalle autorità, ma che i due giovani non hanno voluto sentir ragioni e hanno deciso lo stesso di sposarsi. Le immagini della tv el-Badil, che ha filmato il matrimonio tra le macerie, mostrano le rovine della chiesa addobbate a festa dai genitori e amici degli sposi. Ognuno dei circa 60 invitati si è portato la sedia da casa.

CRISTIANI PERSEGUITATI. La chiesa del Principe Tadros è stata distrutta in Egitto insieme ad almeno altre 59 chiese, per non parlare di negozi e altre proprietà dei cristiani. I Fratelli Musulmani si sono vendicati sui cristiani dell’uccisione di molti membri della Fratellanza da parte dell’esercito. In seguito alle violenze, a Delga, nel sud di Minya, ai cristiani è stato imposto il pagamento della gizya, il tributo umiliante che dovevano pagare ai musulmani 1.400 anni fa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.