Google+

«E vi meravigliate che noi artigiani ci stiamo estinguendo?»

febbraio 17, 2016 Redazione

Il massacro economico (e fiscale) delle piccole imprese raccontato dai numeri della Cgia Mestre. E da una lettera emblematica inviata a Dagospia

crisi-artigianato-italia-cgia-1

«Nell’ultimo anno le imprese attive sono diminuite di 21.780 unità, mentre dall’inizio della crisi (2009) il numero complessivo è crollato di 116 mila attività. Al 31 dicembre 2015 il numero complessivo delle aziende artigiane presenti in Italia è sceso sotto quota 1.350.000». Sono drammatiche le dimensioni della crisi dell’artigianato calcolate dalla Cgia Mestre.

IL CALO CONTINUO. Mentre fra le imprese non artigiane «solo l’agricoltura e l’estrazione di minerali evidenziano una flessione nell’ultimo anno», ha osservato in una nota diffusa sabato 13 febbraio Paolo Zabeo, coordinatore dell’ufficio studi dell’associazione piccole imprese, «l’artigianato è l’unica categoria economica che continua a registrare un netto calo delle imprese attive».

DA CAGLIARI A TRENTO. Secondo i numeri forniti dalla stessa Cgia, riprodotti nelle tabelle pubblicate in questa pagina, considerando gli ultimi sei anni si va dal -14,1 per cento registrato in Sardegna (-2,2 per cento solo fra 2014 e 2015) al -2,5 del Trentino-Alto Adige (-0,3). Ma il dato più preoccupante è che nella classifica della Cgia fra le due regioni citate sono comprese tutte le altre, con cifre negative (soprattutto al Sud) più vicine a quelle della Sardegna che a quelle del Trentino. «Nessuna delle 20 regioni italiane ha fatto segnare una variazione positiva e, anche nell’ultimo anno, il segno meno compare per tutte le regioni», sintetizza Zabeo.

I SETTORI. Quanto ai settori interessati dal massacro, quelli in cui si constata la morte di più aziende artigianali, in termini assoluti, sono l’edilizia (-65.455 imprese dal 2009 al 2015), i trasporti (-16.699), la metalmeccanica (-12.556 per i prodotti in metallo e -4.125 per i macchinari), legno arredo (-11.692). In netta controtendenza solo le imprese di pulizia e di giardinaggio (+11.370), ma se la cavano bene anche gelaterie-rosticcerie-ambulanti del cibo da strada (+3.290) e parrucchiere ed estetiste (+2.180).

crisi-artigianato-italia-cgia-2

MESTIERI IN VIA DI ESTINZIONE. Un’altra classifica desolante prodotta dalla Cgia è quella in cui sono messi in fila i mestieri decimati da questa moria. Negli ultimi sei anni si è estinto il 35,5 per cento dei piccoli armatori, il 33 per cento dei magliai, il 29,4 per cento dei riparatori audio/video, e via scomparendo. Fino al 23,7 per cento dei camionisti e il 23,2 per cento dei falegnami. «Alcune di queste attività – si legge nella nota dell’associazione – sono così poco numerose che nel giro di una dozzina di anni rischiano di sparire».

LE CAUSE DEL DECESSO. E a cosa è dovuta la mattanza degli artigiani? È sempre Zabeo a fare un elenco di ipotesi: «La caduta dei consumi delle famiglie e la loro lenta ripresa, l’aumento della pressione fiscale e l’esplosione del costo degli affitti hanno spinto fuori mercato molte attività, senza contare che l’avvento delle nuove tecnologie e delle produzioni in serie hanno relegato in posizioni di marginalità molte professioni caratterizzate da un’elevata capacità manuale».

crisi-artigianato-italia-cgia-3

IL FISCO CONTRO. Commenta il segretario della Cgia Renato Mason: «Ricordo che nell’ultimo comma dell’articolo 45 della nostra Costituzione si è stabilito che la legge deve provvedere alla tutela e allo sviluppo dell’artigianato. In questi ultimi decenni, invece, questo principio spesso è stato disatteso, in particolar modo dalle norme in materia fiscale che hanno aumentato in maniera sconsiderata il carico fiscale/contributivo sugli artigiani».

LO SFOGO. Ma la conferma più efficace dell’analisi della Cgia non arriva dai numeri, bensì dalla “viva voce” di un artigiano. È lo sfogo inviato via email a Dagospia da un piccolo imprenditore, a commento di un articolo del sito che trattava proprio i numeri elencati qui.

Ecco la lettera:

«Perché vi meravigliate del fatto che stiano scomparendo gli artigiani? Lo Stato ci soffoca con le tasse, con norme sempre più sibilline che rendono agevole all’agenzia delle entrate il compito di fare multe che ci tolgono anche il sangue. La gente ci odia perché siamo dipinti come la categoria che più evade le tasse, senza sapere COME ci vengono fatte le multe spaventose che ci propinano».

«Lavoriamo 10-12 ore al giorno e non esiste giorno festivo in cui non si debba fare una capatina al laboratorio, i nostri figli non possono venire a darci una mano se prima non si è passati dal notaio “per regolarizzare la posizione”… E vi meravigliate se stiamo scomparendo come i panda?».

«Per non parlare poi di tramandare il mestiere! Se un ragazzo ha voglia di imparare, non può farlo perché non ci possiamo permettere di pagarlo da subito dal momento che non produce e i nostri margini di guadagno sono pressoché inesistenti».

«Ma forse è meglio che l’artigianato si estingua: facciamo parte di un mondo che ormai è cancellato e se non c’è posto per la cultura con la C maiuscola, figuriamoci per quella con la c minuscola… L’unica consolazione per l’artigianato è che morirà in buona compagnia!».

Foto falegname da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Roberto scrive:

    Faccio solo un esempio di come le imprese sono vessate dal ns. stato.
    In qualsiasi nazione paghi le tasse sul netto dell’utile, da noi paghi le tasse sul lordo dell’utile.
    Oltretutto non puoi dedurre tutto degli investimenti.
    Cosa dire ?E’ una vergogna.

  2. Patrizia scrive:

    Che dire degli studi medici: debbono inserire nella tabella della dichiarazione del paziente la loro
    Parcella e spedirla online alla agenzia delle entrate per far si che possa essere detratta automaticamente . Mi chiedo se così si continua chiuderanno tutti gli studi medici perché dovrebbero assumere un commercialista per far fronte a leggi leggine che di continuo arrivano facendoli impazzire e aggravandone le spese .
    Ahimè così facendo verranno meno tanto posti di lavoro ,ma il governo lo percepisce o lo fa apposta per vendere l’Italia ad un compratore che già ci sta comprando ….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con 113 cavalli, peso di poco superiore ai 220 kg in ordine di marcia e motore bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc si candida a protagonista tra le enduro stradali

Evoluzione in chiave moderna delle monovolume e wagon medie, le SUV a due ruote motrici sono un fenomeno in costante crescita. Apprezzate per comfort, abitabilità e design, non temono le insidie della giungla urbana. Ecco i migliori modelli.

Le evoluzioni ricevute dalla KTM 1290 Super Duke R 2017 vanno nella direzione di una maggiore sportività. The beast 2.0 vuole essere ancora più efficace ma non ha perso la sua versatilità. E se le metti un po’ di power parts…

Ecco qualche spunto per trascorrere questo fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

La nuova protagonista del monomarca Ferrari adotta il medesimo V8 3.9 biturbo da 670 cv della 488 GTB, dalla quale deriva, adattato nell’erogazione. Ai rapporti ravvicinati del cambio si accompagna un’aerodinamica profondamente rivista in ottica racing.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana