Google+

È scappato Chen, il dissidente cinese cieco ai «domiciliari forzati» dal 2010. Video

aprile 27, 2012 Leone Grotti

Chen Guangcheng ha svelato la pratica degli aborti forzati. Il regime cinese lo tiene prigioniero (video) dal 2010. Ma stamattina: “In fuga dissidente Chen, è giallo”

Non si sa se sia giallo, di sicuro è scappato. Stamattina è stata diffusa la notizia che l’attivista e dissidente cieco Chen Guangcheng, 39 anni, è scappato il 22 aprile da casa sua, «la più grande prigione dove il regime comunista cinese mi abbia mai rinchiuso», situata nel villaggio Dongshigu, e ora si troverebbe a Pechino, forse all’ambasciata americana. Secondo quanto dichiarato da Bob Fu, direttore del gruppo cristiano Chinaaid e promotore di un’incessante campagna per la liberazione del dissidente, «Chen si trova in un posto sicuro al 100%. Per ora non posso rivelare di più».

Chen, nonostante fosse formalmente un uomo libero, era rinchiuso in casa sua insieme alla moglie e alla figlia dal settembre 2010, «sorvegliato 24 ore su 24 da tre squadre di 22 persone l’una, che impediscono a me di uscire e a chiunque di venirmi a trovare». L’unica persona che poteva entrare e uscire di casa, e solo per comprare da mangiare, era la mamma di 76 anni. Perché? L’unica colpa di Chen è quella di avere aperto gli occhi al mondo sulle conseguenze della politica del figlio unico. La legge varata dal governo comunista nel 1979, vieta alle famiglie di avere più di un figlio, ad eccezione di quelle rurali, che possono averne due se il primo è femmina. Nel 2005 Chen, che ha studiato legge da autodidatta, ha aiutato alcuni cronisti del Washington Post a trovare le prove della campagna di aborti e sterilizzazioni forzati che veniva condotta contro le donne della sua città. Solo nel 2005, nello Shandong 7 mila donne sono state obbligate sterilizzate e obbligate ad abortire.

Così Chen è stato condannato a quattro anni e tre mesi di prigione per «distruzione di proprietà privata e intralcio del traffico», una sentenza «sconvolgente» a detta della moglie. Scontata la pena, nel settembre 2010 è stato scortato e rinchiuso in casa sua, dove più di una volta il regime ha mandato funzionari che hanno pestato a sangue lui e a volte anche la moglie, impedendo loro di andare in ospedale. Tutto quello che Chen ha dovuto subire ai “domiciliari forzati” lo ha raccontato in un video eccezionalmente diffuso su YouTube, dove filma la sua prigionia e racconta la sua storia.

Il 22 aprile Chen Guangcheng è riuscito a scappare. L’attivista He Peirong, che secondo voci sarebbe stata arrestata stamattina, ha confermato di averlo aiutato a fuggire. La vita di Chen non è in pericolo ma non si può dire la stessa cosa dei suoi familiari. Il fratello e il nipote sono stati assaliti da una banda di malviventi, guidati dal capo villaggio. Il nipote Chen Kegui si è dovuto consegnare alla polizia. Il sito vicino ai dissidenti cinesi Boxun.com oggi ha anche pubblicato un nuovo video (in cinese) di Chen Guangcheng, dove il dissidente ha fatto i nomi di tutti i funzionari che sono entrati in casa sua per pestarlo e ha rivolto tre richieste al premier Wen Jiabao: «1) Indagare e punire i funzionari locali che perseguitano la mia famiglia. 2) Evitare rappresaglie contro i suoi familiari ancora agli arresti. 3) Applicare davvero la legge ai casi di corruzione dei funzionari».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana