Google+

Dopo “L’ultima cima”, ecco “La terra di Maria”, una indagine da 007 sulla inspiegabile felicità dei cristiani

gennaio 26, 2014 Benedetta Frigerio

Juan Manuel Cotelo, regista e produttore del documentario su don Dominguez, il più visto di sempre in Spagna, ha portato nei cinema iberici un nuovo film. Un viaggio tra i convertiti attraverso gli occhi di un agente segreto

terra-di-maria-2Un agente segreto viene incaricato di infiltrarsi fra milioni di persone con una missione molto particolare: dovrà scoprire se le stramberie in cui tutta quella gente crede sono vere o sono frottole. Dicono di vivere seguendo tre “capi”, uno dei quali è una donna. Parlano di un padre, di un figlio e di sua madre Maria, una contadina. Sono tre, ma sembrano muoversi come fossero uno e i loro discepoli sono certi di non essere nati per caso e di poter vivere eternamente. Se tutto ciò fosse provato, sarebbe una rivoluzione. Ma è proprio così? O quella gente crede nelle favole? Sono queste la domanda a cui intende rispondere Mary’s Land (La terra di Maria), il nuovo film diretto e prodotto da Juan Manuel Cotelo. Dopo l’enorme successo de L’ultima cima, il documentario più visto di sempre in Spagna, che nel 2010 fece parlare di sé surclassando per numero di spettatori perfino Sex and the City e Harry Potter, Cotelo è tornato nelle sale cinematografiche spagnole dal dicembre scorso e sta registrando un nuovo grande successo. Inizialmente approdato in undici cinema, La terra di Maria in un mese è entrato in cinquanta teatri grazie al passaparola di chi lo ha visto.

UNA CONSOLAZIONE? La pellicola è a metà fra una fiction e un documentario. L’attore protagonista che veste i panni dell’agente segreto, reclutato fra coloro che pur nati nella tradizione cattolica non si sono coinvolti con essa, fa un viaggio nella vita reale di alcuni convertiti che hanno deciso di dedicare tutta la vita a Dio. Con un metodo di ricerca per niente sentimentale e totalmente empirico, il protagonista scava in esistenze cambiate dalla Vergine Maria. A guidarlo è una domanda: la felicità ritrovata da quella gente disperata è davvero tale o è solo una consolazione della mente? Lo 007 comprenderà di non poter conoscere la risposta se non provando a vivere come loro.

terra-di-maria-1PROSTITUTE E VIP. Fra i personaggi reali incontrati dall’agente segreto c’è un medico abortista, la cui esistenza è stata stravolta a Guadalupe, che alla domanda se Dio perdona anche gli assassini, visibilmente commosso, risponde di sì. C’è l’intervista a una modella colombiana che dopo tre aborti ha ritrovato la pace in Dio attraverso la Madonna. Poi la storia di un infermiere messicano di Guadalajara, che dopo il lavoro gira per le periferie della città fra prostitute e viados ad annunciare il Vangelo di Gesù, conducendone molti dentro la Chiesa cattolica. Fra gli altri, il racconto di una ragazza che non credeva nei miracoli ma che dopo un’apparizione mariana ai veggenti di Medjugorje è guarita immediatamente dalla tetraplegia e si è alzata dalla carrozzina. Ci sono anche personaggi famosi, come John Rick Miller, imprenditore newyorkese ed ex consigliere del governo americano, con alle spalle lunghi anni di dura opposizione alla Chiesa cattolica.

LA RICETTA DI DIO. Cotelo ha spiegato di aver girato il film per capire attraverso l’indagine del protagonista come certe persone possano essere più felici di altre e come siano potute cambiare. Così ha deciso di lavorare per andare all’origine delle conversioni, girando tutti i continenti. Ma la pellicola non arriva a nessuna conclusione e non contiene tracce di apologetica, solo una descrizione didascalica e l’offerta di un metodo di indagine. Perché è impossibile dire al pubblico se sia tutto vero. Per sapere se il cristianesimo è reale si può solo offrire una strada, che nel film viene descritta come la “ricetta di Dio”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Emanuele says:

    l’ ULTIMA CIMA era magnifico, chissà che avrà preparato quel matto di Cotelo stavolta… non vedo l’ora che esca e spero stavolta in tutte le sale cinematografiche!

  2. Luigi says:

    ho visto il docum.”l’ultima cima”. Mi ha toccato nel profondo e mi ha già cambiato (un po’) perchè ora, di fronte a certe cose, mi chiedo se ciò che sto facendo è utile per la vita eternità. Poi mi sono ancora di più reso conto che Dio è davvero il Signore della storia perchè si è servito di don Pedro Dominguez per seminare santità quotidiana e di Manuel Cotelo per acume divulgativo. Sia lode al Signore. Saluti, Luigi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.