Google+

Il Fatto: il cammino di Santiago è “un’invenzione di morte”

agosto 8, 2012 Massimo Giardina

Secondo Il Fatto Quotidiano il cammino di Santiago è un’invenzione e un percorso di morte, ma «i pericoli vengono nascosti per non sgonfiare gli affari»

Che Il Fatto Quotidiano non apprezzasse la Chiesa cattolica lo si era capito da un po’ di tempo. Ora si alza il tiro, e ce la si prende direttamente con uno fra i dodici Apostoli più rinomati: San Giacomo, quello del cammino di Compostela per intenderci.

L’autore dell’articolo, Maurizio Chierici, parte – o forse sarebbe più appropriato il verbo specula – dall’evento tragico avvenuto due anni fa che vide la morte di un ragazzo affogato nell’Oceano durante il pellegrinaggio. Per il giornalista del Fatto l’associazione è automatica e il cammino di Santiago si scopre essere un trappola continua, un sentiero di morte avallato dalla solita apologetica clericale noncurante dei pericoli che si nascondono nelle centinaia di chilometri verso Santiago. «I pericoli – durante il cammino – vengono nascosti per non sgonfiare gli affari». Ecco svelato il mistico arcano. Il sistema prevedeva lo sfruttamento, attraverso l’inganno della fede, di poveri inconsapevoli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Andrea says:

    Perchè ci sono sempre da fare questi articoli contro le cavolate che dicono gli altri? Non mi sembra informazione questa! Immaginatevi il corriere che prende notizie da altri giornali e da la propria verità, che “bello”. Oppure è così divertente sottolineare le notizie assurde del fatto quotidiano? Ci sono tante cose di cui si potrebbe parlare (fatti, non notizie assurde di altri), ma sembrano meno importanti delle polemiche.

    • viccrep says:

      perché quelli del fatto rappresentano il male vogliono il male lo cercano ci si crogiolano e più infangano e più sono contenti.
      loro non si guardano mai dentro loro vendone le menzogne ammantandole di verità e siccome i creduloni sono tanti è necessario che qualcuno faccia notare quanto male vendono, loro si che attraverso il male cercano di fare tanti soldi

      • Andrea says:

        Mi sembra che il fatto di guardarsi dentro sia una roba lontana da tutti noi, non solo per quelli del fatto…leggere tempi è come se ogni articolo avesse come sottotitolo “noi siamo il bene, gli altri sono male, grandi noi”. Bella cosa. Non difendo il fatto quotidiano, assolutamente, ma mi sembra che si stia scadendo nella polemica perchè bisogna farla e questo non apre, ma chiude ogni porta. Ideologia contro ideologia (anche se una è più giusta) finiscono entrambe col distruggersi (da sole, non a vicenda).

        • Mappo says:

          Andrea: con il tuo ragionamento noi tutti dovremmo suicidarsi e già che ci siamo l’intera stampa cattolica dovrebbe fare lo stesso. Se affermiamo qualcosa che appartiene alla nostra storia, appare subito il solito intellettuale che ci accusa di integralismo, se guardiamo nel giardino degli altri e tiriamo fuori qualcosa di orrido arriva qualcun altro, magari in buona fede come te, e ci accusa di guardare solo alle oscenità degli altri senza guardare a noi stessi. Di fare muro contro muro. Mi spieghi cosa dovremmo fare, o meglio mi spieghi cosa dovrebbero scrivere quelli di Tempi oltre allo stare zitti come piacerebbe a Repubblica e al Fatto, ai Travaglio e agli Augias?
          A me non interessa assolutamente aprire dialoghi con la feccia che scrive Repubblica e il Fatto, né perdere tempo con i lobotomizzati che li leggono. A me interessa leggermi sul Tempi cartaceo come su quello online articoli scritti bene e quando capita anche che sputtanino questo mucchio di sussiegosi pagliacci come i sunnominati Travaglio, Augias e perché no Saviano, Ingroia e compagnia cantante.

          • Andrea says:

            non è assolutamente vero, avvenire non fa articoli contro nessuno, tracce non fa articoli contro nessuno. Fa giornalismo. Mi dispiace, ma dare contro non cambierà mai nulla nel mondo. Due secondi di “Yeah siamo i più fighi” e poi torniamo ad essere frustrati, perchè il mondo in questo sento è molto più forte di noi. Continuerò a leggere tracce e avvenire, giornali che mostra l’intelligenza del cattolico (che è diverso dal “affermare qualcosa che appartiene alla nostra storia”). Ma è vero che, con tutto ciò che succede nel mondo, c’è bisogno di credersi più forti perchè si sanno distruggere le notizie false di repubblica e fatto? Non che non sia necessario farlo (c’è modo e modo e mi ritorna in mente una frase….”se dicono continuamente certe cose di noi forse qualche pretesto dobbiamo aver dato”), ma io credo che sia un contentino che ci diamo. A me interessa poco. Sarò sbagliato.

    • Marina Sabetti says:

      “è così divertente sottolineare le notizie assurde del fatto quotidiano?”
      bè, in questo caso…. sì!!!!

      scusa Andrea, non voglio entrare in polemica con le tue osservazioni, che mi sembrano comunque ragionevoli, ma questo articolo è oggettivamente divertente!
      Saluti!

  2. PAOLO DELFINI says:

    IL CAMMINO DI SANTIAGO E ‘ UN PERCORSO DI MORTE….. SE LO SA DARIO ARGENTO NE FA SUBITO UN FILM., GRAZIE MASSIMO PER LA GIUSTA ESILARANTE RISPOSTA A UN’ARTICOLO BISLACCO!

  3. Santiago says:

    i soliti giornalisti-comunisti che strumentalizzano tutto. vergogna,trovatevi un vero lavoro

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download