Google+

Il Fatto: il cammino di Santiago è “un’invenzione di morte”

agosto 8, 2012 Massimo Giardina

Secondo Il Fatto Quotidiano il cammino di Santiago è un’invenzione e un percorso di morte, ma «i pericoli vengono nascosti per non sgonfiare gli affari»

Che Il Fatto Quotidiano non apprezzasse la Chiesa cattolica lo si era capito da un po’ di tempo. Ora si alza il tiro, e ce la si prende direttamente con uno fra i dodici Apostoli più rinomati: San Giacomo, quello del cammino di Compostela per intenderci.

L’autore dell’articolo, Maurizio Chierici, parte – o forse sarebbe più appropriato il verbo specula – dall’evento tragico avvenuto due anni fa che vide la morte di un ragazzo affogato nell’Oceano durante il pellegrinaggio. Per il giornalista del Fatto l’associazione è automatica e il cammino di Santiago si scopre essere un trappola continua, un sentiero di morte avallato dalla solita apologetica clericale noncurante dei pericoli che si nascondono nelle centinaia di chilometri verso Santiago. «I pericoli – durante il cammino – vengono nascosti per non sgonfiare gli affari». Ecco svelato il mistico arcano. Il sistema prevedeva lo sfruttamento, attraverso l’inganno della fede, di poveri inconsapevoli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

8 Commenti

  1. Andrea scrive:

    Perchè ci sono sempre da fare questi articoli contro le cavolate che dicono gli altri? Non mi sembra informazione questa! Immaginatevi il corriere che prende notizie da altri giornali e da la propria verità, che “bello”. Oppure è così divertente sottolineare le notizie assurde del fatto quotidiano? Ci sono tante cose di cui si potrebbe parlare (fatti, non notizie assurde di altri), ma sembrano meno importanti delle polemiche.

    • viccrep scrive:

      perché quelli del fatto rappresentano il male vogliono il male lo cercano ci si crogiolano e più infangano e più sono contenti.
      loro non si guardano mai dentro loro vendone le menzogne ammantandole di verità e siccome i creduloni sono tanti è necessario che qualcuno faccia notare quanto male vendono, loro si che attraverso il male cercano di fare tanti soldi

      • Andrea scrive:

        Mi sembra che il fatto di guardarsi dentro sia una roba lontana da tutti noi, non solo per quelli del fatto…leggere tempi è come se ogni articolo avesse come sottotitolo “noi siamo il bene, gli altri sono male, grandi noi”. Bella cosa. Non difendo il fatto quotidiano, assolutamente, ma mi sembra che si stia scadendo nella polemica perchè bisogna farla e questo non apre, ma chiude ogni porta. Ideologia contro ideologia (anche se una è più giusta) finiscono entrambe col distruggersi (da sole, non a vicenda).

        • Mappo scrive:

          Andrea: con il tuo ragionamento noi tutti dovremmo suicidarsi e già che ci siamo l’intera stampa cattolica dovrebbe fare lo stesso. Se affermiamo qualcosa che appartiene alla nostra storia, appare subito il solito intellettuale che ci accusa di integralismo, se guardiamo nel giardino degli altri e tiriamo fuori qualcosa di orrido arriva qualcun altro, magari in buona fede come te, e ci accusa di guardare solo alle oscenità degli altri senza guardare a noi stessi. Di fare muro contro muro. Mi spieghi cosa dovremmo fare, o meglio mi spieghi cosa dovrebbero scrivere quelli di Tempi oltre allo stare zitti come piacerebbe a Repubblica e al Fatto, ai Travaglio e agli Augias?
          A me non interessa assolutamente aprire dialoghi con la feccia che scrive Repubblica e il Fatto, né perdere tempo con i lobotomizzati che li leggono. A me interessa leggermi sul Tempi cartaceo come su quello online articoli scritti bene e quando capita anche che sputtanino questo mucchio di sussiegosi pagliacci come i sunnominati Travaglio, Augias e perché no Saviano, Ingroia e compagnia cantante.

          • Andrea scrive:

            non è assolutamente vero, avvenire non fa articoli contro nessuno, tracce non fa articoli contro nessuno. Fa giornalismo. Mi dispiace, ma dare contro non cambierà mai nulla nel mondo. Due secondi di “Yeah siamo i più fighi” e poi torniamo ad essere frustrati, perchè il mondo in questo sento è molto più forte di noi. Continuerò a leggere tracce e avvenire, giornali che mostra l’intelligenza del cattolico (che è diverso dal “affermare qualcosa che appartiene alla nostra storia”). Ma è vero che, con tutto ciò che succede nel mondo, c’è bisogno di credersi più forti perchè si sanno distruggere le notizie false di repubblica e fatto? Non che non sia necessario farlo (c’è modo e modo e mi ritorna in mente una frase….”se dicono continuamente certe cose di noi forse qualche pretesto dobbiamo aver dato”), ma io credo che sia un contentino che ci diamo. A me interessa poco. Sarò sbagliato.

    • Marina Sabetti scrive:

      “è così divertente sottolineare le notizie assurde del fatto quotidiano?”
      bè, in questo caso…. sì!!!!

      scusa Andrea, non voglio entrare in polemica con le tue osservazioni, che mi sembrano comunque ragionevoli, ma questo articolo è oggettivamente divertente!
      Saluti!

  2. PAOLO DELFINI scrive:

    IL CAMMINO DI SANTIAGO E ‘ UN PERCORSO DI MORTE….. SE LO SA DARIO ARGENTO NE FA SUBITO UN FILM., GRAZIE MASSIMO PER LA GIUSTA ESILARANTE RISPOSTA A UN’ARTICOLO BISLACCO!

  3. Santiago scrive:

    i soliti giornalisti-comunisti che strumentalizzano tutto. vergogna,trovatevi un vero lavoro

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La versione high performance della berlina nipponica, attesa a breve al debutto, potrebbe rinnegare l’alimentazione ibrida tipica del modello base optando per un ciclopico V8 5.0 a benzina da 500 cv.

Dopo le borse, gli occhiali e le scarpe, il mercato dei prodotti contraffatti si apre anche al nostro settore. Look non è la prima azienda a esserne vittima e mette in guardia i ciclisti da sospetti e pericolosi "affari"...

Adorata dai divi dello spettacolo, è stata la prima roadster BMW dedicata al mercato americano. Ha ispirato le moderne Z3 e Z8. Mossa da un V8 3.2, nonostante la linea elegante fu un flop commerciale.

La supercar nipponica è (finalmente) pronta al debutto: adotta un V6 biturbo a iniezione diretta di benzina abbinato a ben tre motori elettrici. Trazione integrale permanente e cambio a doppia frizione.

Rivista nella linea e nella cura degli interni, la multispazio torinese conferma i plus della precedente versione, cui abbina un comfort superiore e dotazioni da berlina. Prezzi da 18.200 euro. Motori benzina, td e a metano.

Speciale Nuovo San Gerardo