Google+

Dario Fo oggi fa il grillino. «Ma io me lo ricordo quando declamava “Boia chi molla”»

aprile 29, 2013 Redazione

Il premio Nobel «fa lo schifiltoso buffone» nei confronti di Brunetta e Schifani, ma un lettore di Avvenire lo ricorda bene nelle squadre della Repubblica Sociale

Dario Fo, dopo le battute volgari su Renato Brunetta e Renato Schifani, fa il sorpreso/offeso. «Ci risiamo, piovono pietre! – ha detto al blog di Beppe Grillo -. È straordinario: tutte le volte che mi capita di scrivere o recitare un lazzo grottesco su un personaggio politico della destra e qualche volta anche della sinistra, vengo subito aggredito da una caterva di insulti dai soliti giornali moralmente corretti e dai media in genere».

Povero Dario, ce l’hanno tutti con lui. In realtà, però, le parole più dure sul suo conto sono state scritte ieri nella rubrica delle lettere su Avvenire. Rivolgendosi al direttore Marco Tarquinio, il lettore Silvio Ghielmi ha scritto: «Caro direttore, adesso l’ignobile Dario Fo fa lo schifiltoso buffone nei confronti dei due Renati (Brunetta e Schifani). Ma io, varesino coetaneo, scampato con fuga in Svizzera organizzata da don Motta e da Vittorione (che, dopo, fu presbitero) lo ricordo nelle squadre della Repubblica Sociale che declamavano: “Boia chi molla”. Una di queste squadre mandò in “viaggio turistico” in Germania (1944) mio cognato Antonio, che se la cavò, rientrando però con la salute rovinata, e se ora fosse qui sarebbe schifato del sopranominato Dario».

Tarquinio, pur premettendo che «Dario Fo non va impiccato a un errore compiuto nei suoi verdi anni. Errare, come si sa, è umano», finisce col dare ragione al suo interlocutore: «Lei ha perfettamente ragione: perseverare è diabolico. E la logica del “boia chi molla” nella guerra al “nemico” designato si rivela regolarmente devastante e ingiusta, sia che la si applichi, ancora giovanissimo, da destra, sia che la si usi, ormai più che maturo, da sinistra. Non solo: la pretesa di dividere sempre e comunque, in modo manicheo, il mondo in bianco e nero (che è cosa ben diversa dal distinguere il bene dal male…) può rivelarsi davvero stupida e feroce». Soprattutto per uno che, «come Fo, s’è impancato per anni a maestro che, con la schiettezza del giullare, spiega libertà, autenticità e civiltà a tutti, dovrebbe fare uno sforzo supplementare. Altrimenti la sua stessa “satira” che degenera in cattiva invettiva umana finirà per sfregiarlo amaramente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ftax scrive:

    M5S e compagni di strada ex-fascisti ora revascisti rossi.
    Oltranzismo di Grillo e di Mussolini.
    Non credo alle coincidenze…

  2. Enrico scrive:

    Quando guardo Fo mi viene in mente una canzone milanese che dice: “felice come un papa e pirla come un re”

  3. gianluca s. scrive:

    Nel caso di Dario Fo non c’è alcun mistero buffo, ma la chiarezza sguaiata di uno dei tanti cattivi maestri.
    Proprio lui, quello che scrisse Morte accidentale di un anarchico, quello che firmò l’appello de L’Espresso contro il “commissario torturatore”. Poi Luigi Calabresi venne ucciso.

    Già, ma il nostro eroico premio Nobel si lagna perchè i suoi “lazzi grotteschi” vengono attaccati.

    Per Fo – e seguaci – basti un’epigrafe manzoniana: “un vecchio mal vissuto”.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana