Google+

Dario Fo odia i ciellini? Quando insultò don Giussani nel giorno della morte

febbraio 23, 2012 Redazione

A Varese, facendo marcia indietro rispetto a quanto promesso, Fo nega ai volontari del “Banco nonsolopane onlus” di dare l’avviso per la raccolta per i poveri: «Loro mi hanno sempre boicottato». Non è la prima volta che cambia idea. Quando morì il fondatore di Cl, prima dettò un’agenzia di cordoglio, poi smentì tutto e lo insultò.

Dario Fo non ha consentito ai ciellini di raccogliere fondi per il banco alimentare. È successo sabato sera al teatro Apollonio di Varese dove il celebre Dario ha messo in scena il suo Mistero buffo. Nel foyer un gruppo di volontari cattolici di “Banco nonsolopane onlus” si erano radunati per raccogliere fondi per una campagna in favore dei poveri. 

Il responsabile dell’iniziativa, Angelo Micale, pur sapendo dell’ostilità di Fo a Cl, è riuscito a entrare in camerino per spiegare all’artista il senso dell’iniziativa. «Lo so che siamo su posizioni diverse – ha detto Micale – per questo gli ho detto che ero di Comunione e Liberazione. Non me ne vergogno. Sono orgoglioso dell’incontro che ho fatto nella mia vita e non volevo nasconderlo. Abbiamo discusso un po’. È stato sincero anche lui nell’espormi le sue critiche. Ma eravamo rimasti che alla fine del primo tempo mi sarei recato sotto il palco e mi avrebbero fatto salire per il mio annuncio». 

«La richiesta – ha spiegato il Corriere della Sera edizione Milano – viene fatta anche in virtù di un accordo con il teatro di Varese, che ogni anno sostiene una diversa associazione benefica: chiede agli artisti più sensibili di fare un annuncio o dare spazio sul palco alle onlus. La scorsa stagione era toccato a un’organizzazione che si occupa dell’Africa».

Ma la storia non ha un lieto fine. «Il direttore del teatro mi ha avvisato che aveva parlato con l’attore – è la versione di Micale (confermata dal teatro) – in sostanza Dario Fo gli ha riferito che preferiva non dare spazio a un’associazione legata a Cl, anche perché forse il suo pubblico di sinistra non avrebbe capito».
Al termine dello spettacolo, l’associazione ha raccolto solo 15 euro. La settimana prima, con l’annuncio, ne aveva presi 270. «Mi è dispiaciuto ma non mi arrabbio – ha detto Micale – certe divisioni pesano ancora. Quando verrà Paolo Rossi, ad esempio, so già che non mi potrò nemmeno avvicinare al camerino». 

C’è da stupirsi di questo atteggiamento di Fo? Purtroppo no. Qui sotto potete leggere le due agenzie che il Nobel dettò in occasione della morte di Giussani. Alla prima («Era una personalità straordinaria») il giullare fece seguire una rapida quanto scomposta smentita («ha esasperato la passione religiosa»).

Milano, 22 feb. (Adnkronos) – “Era una personalità straordinaria”. Così l’attore milanese Dario Fo commenta la scomparsa di Don Giussani, con il quale aveva in cantiere un progetto da proporre nelle scuole per coinvolgere i ragazzi. “Eravamo spesso in contatto –spiega Fo all’ADNKRONOS- mi dispiace tanto, davvero, sono senza parole. Ora proseguirò da solo il progetto che avevamo in mente”.

DON GIUSSANI: DARIO FO, HA ESASPERATO LA PASSIONE RELIGIOSA/RPT
‘NON E’ STATO UOMO DI DIALETTICA NE’ DI APERTURA’
(VERSIONE CON TITOLO E TESTO CORRETTI)
Milano, 22 feb. (Adnkronos) – “Ha esasperato una fede al limite del fanatismo religioso”. Questo il reale commento del premio nobel Dario Fo su Don Giussani. L’attore chiede scusa per essersi confuso, nel precedente commento, con un’altra persona quando lo ha definito “una persona straordinaria” e spiega cosa pensa del fondatore di Cl.
“Non è stato un uomo di dialettica, né di apertura. Riconosco che sia stato un punto di raccolta straordinario per tutto il movimento ma non sono d’accordo sul piano delle sue idee”. Fo critica il “programma politico” che Don Giussani ha portato avanti poiché “è un modo di concepire il legame con le persone collegato alla Dc in maniera esasperata”.

AGGIORNAMENTO: Ieri Dario Fo è tornato sulla vicenda. Riportiamo l’agenzia.
Roma, 21 feb. (Adnkronos) – “Non ho fatto pubblicita’ a Comunione e Liberazione perche’ mi ha boicottato duramente. Non ne voglio sapere di avere rapporti con loro. In parecchie piazze sono stato rifiutato come attore, come interprete e capocomico”. Cosi’ il premio Nobel Dario Fo commenta, con l’Adnkronos, il suo rifiuto di fare pubblicita’, sabato sera al teatro Apollonio di Varese, ad un gruppo di volontari cattolici di Comunione e Liberazione, che raccoglieva fondi per la campagna ‘Banco nonsolopane onlus’, a favore dei non abbienti. Il Nobel, impegnato sul palco del teatro lombardo nel suo spettacolo ‘Mistero buffo’, non ha annunciato l’iniziativa alla fine dello spettacolo per sollecitare le donazioni da parte del pubblico. Richiesta, questa, che gli era stata fatta da un volontario. “Non volevo fare pubblicita’ -spiega Fo- ad un gruppo come Cl. La carita’ viene spesso usata per farsi della pubblicita’ particolare e spesso politica. E poi il volontario -racconta Fo- mi ha fatto capire che era di Cl alla fine del nostro colloquio. Non e’ stata una bella esperienza”. In ogni caso, aggiunge Fo, “non voglio fare da portavoce ad un gruppo come quello, di cui ho peraltro delle memorie orrende. A Padova -ricorda il Nobel- Cl aveva in mano il teatro cittadino. E, per dieci anni, non mi e’ stato permesso di lavorare li’. Ho avuto per tanto tempo dei rapporti pessimi con Comunione e Liberazione. E sono stato boicottato duramente. Non ne voglio sapere di avere rapporti con loro. Ricordo che, in parecchie piazze -ribadisce con forza Fo- sono stato rifiutato perche’ la penso diversamente da loro. Sono stati loro ad aver aperto la diatriba fin dall’inizio della loro attivita’ quando giravo per le piazze. Insomma, sono stato gravemente danneggiato per anni”, conclude il Nobel. (Crm/Col/Adnkronos)
21-FEB-12 15:14

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download