Google+

Daniel, violato da un prete. Grandiosa storia di male che diventa il suo contrario

febbraio 20, 2017 Renato Farina

Scrive il Papa: «Testimonianze come la sua aprono la strada alla grazia della riconciliazione, e aiutano i pedofili a prendere coscienza delle terribili conseguenze dei loro atti»

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Lultima parola scritta sette giorni fa da Boris Godunov è stata perdono. È un po’ che torna sul tema. Forse perché ha molto da farsi perdonare e non riesce a credere che davvero il perdono esista, sia più forte del male commesso. Dico e scrivo che è vero, ma è una follia. Esempio: la pedofilia. Come si fa a perdonare? Se la Chiesa dicesse che perdona sarebbe travolta dalle cascate del Niagara delle accuse. E allora?

Boris sa molto bene come lo scandalo della pedofilia nella Chiesa, con atti immondi perpetrati da sacerdoti e vescovi, sia tuttora usato da chi se ne frega dei bambini feriti, ma usa il male per renderlo parte di una strategia diabolica. Boris ha notizie, da bravo hacker russo, di un disegno covato in ambienti massonici americani e ordito con mano sicura in agenzie federali. Il tutto per demolire la Rocca (Eliot), l’unico posto dove è promessa da Dio la pienezza dell’amore senza fine per i più piccoli. «Sugli spalti delle tue mura ho posto come presidio la salvezza», dice la Bibbia. Si trattava allora di minare persino il soglio di Pietro. Sono ancora arciconvinto di questa strategia maligna. Ho avuto evidenze di come talune accuse corali contro sacerdoti siano state manipolate e abbiano determinato condanne ingiuste.

Però in questi giorni Boris ha avuto il cuore spezzato. Ha un cuore piccolo, Boris, minuscolo, ma la freccia scagliata da Daniel Pittet lo ha centrato in pieno. Questo signore, di 57 anni, svizzero di Friburgo, è stato stuprato a 8 anni, per 4 anni, da un sacerdote gioviale, simpatico, alla mano. Era chierichetto con i capelli lunghi, preda perfetta: il padre se n’era andato dopo aver pugnalato la madre mentre aspettava lui, Daniel. Daniel ha raccontato in un libro la sua vicenda. Ma la sua vicenda non finisce con l’abuso, ma con il perdono. Un perdono toto corde, assoluto, senza rancore. Un perdono totale non vuol dire fuga dalla responsabilità della denuncia. Nel suo libro chiede alla Chiesa di non mentire più, di non cercare di occultare l’odiosità del male per sopire lo scandalo.

Papa Francesco ha scritto la prefazione del libro. L’ha meritoriamente pubblicata Repubblica. Francesco piange con la vittima, ma la cosa che più stritola lui e noi non è lo schifo della malvagità (che bisogna dire in questo caso è “una malattia”, ma questo non nega che esista la libertà di dire di no, di lasciarsi curare, di fuggire dai luoghi dove si possa depredare l’innocenza), ma l’impossibile realtà del perdono, che invece c’è. C’è!

Quando ha visto Daniel nel 2015, il Papa non sapeva fosse stato violato da un prete, ma la sua testimonianza di missionario in un libro lo aveva colpito, e gli ha chiesto in quale mare ricco pescasse questa forza. Nel perdono del male subìto! Il male suo malgrado diventa il suo contrario. Così persino il disegno perverso di sporcare la Chiesa per ucciderla, rivela che la Chiesa è davvero sporca, una vecchia storia. Ma è il luogo dove il male, non per meriti suoi, ma di Cristo e di Sua Madre, viene annichilito.

Le ferite di Cristo risorto
Scrive il Papa: «Il bambino ferito è oggi un uomo in piedi, fragile ma in piedi. Sono molto colpito dalle sue parole: “Molte persone non riescono a capire che io non lo odii. L’ho perdonato e ho costruito la mia vita su quel perdono”. Ringrazio Daniel perché le testimonianze come la sua abbattono il muro di silenzio che soffocava gli scandali e le sofferenze, fanno luce su una terribile zona d’ombra nella vita della Chiesa. Aprono la strada a una giusta riparazione e alla grazia della riconciliazione, e aiutano anche i pedofili a prendere coscienza delle terribili conseguenze delle loro azioni. Prego per Daniel e per tutti coloro che, come lui, sono stati feriti nella loro innocenza, perché Dio li risollevi e li guarisca, e dia a noi tutti il suo perdono e la sua misericordia».
Severità assoluta e perdono assoluto. A Boris viene in mente quando Gesù risorto si palesò: non aveva cancellato le ferite, specie quella nel costato, sotto cui c’è il cuore, ferito e risorto.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download