Google+

Dalle banche all’Alitalia: illusione Pantalone

luglio 4, 2017 Alan Patarga

Dalle banche all’Alitalia, siamo ormai assuefatti all’idea che di fronte a una crisi, basti attaccarsi alla tetta di Stato per risolverla. Ma «alla fine il sistema collasserà»

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Carlo Lottieri, filosofo libertario e sostenitore dell’indipendentismo veneto (e non solo), ha pochi dubbi: «Per capire cosa accade oggi in Italia – dice a Tempi – basterebbe rileggere maestri dimenticati come Amilcare Puviani». Il riferimento non è dei più immediati, ma vale la pena approfondire. Nel 1903, Puviani pubblica il suo lavoro più importante, la Teoria dell’illusione finanziaria. Secondo l’economista modenese, i governanti destinano abitualmente una larga parte delle risorse finanziarie dello Stato a favore della “classe dominante” a insaputa degli altri cittadini, i quali verrebbero illusi con l’inganno di avere vantaggi dal sistema che in realtà non hanno oppure indotti a versare una tassa, magari di scopo, facendo leva sui sentimenti, come un’emergenza cui fare fronte (Puviani cita anche il prelievo fiscale per riparare i danni dei terremoti) o un pericolo che con l’impiego di quelle risorse può essere sventato. «Il punto è che solitamente il singolo cittadino vede più facilmente quel che è a suo favore, rispetto a quanto invece va a suo danno. E anche se lo vede, difficilmente interviene: il cosiddetto salvataggio di Alitalia o di una banca finisce sulle spalle del contribuente? Sì, e infatti a parole tutti si indignano. Poi però nessuno si mette a fare la rivoluzione per quei 20 euro di Irpef in più che quell’operazione gli costa. Questo i politici lo sanno, e non è un caso che il modus operandi sia sostanzialmente sempre lo stesso: si attinge alle risorse pubbliche, aumentando tasse e debito, ma con costi largamente distribuiti, non (o poco) visibili e posticipati».

Puviani allora e Lottieri oggi dicono tutto sommato la stessa cosa. Che l’abitudine a risolvere tutto con i soldi pubblici si è fatta assuefazione. E che a quello, tutto sommato, puntano un po’ tutti: attaccarsi alla tetta dello Stato per succhiare la propria quota di spesa pubblica. La vicenda delle banche venete sta lì a dimostrarlo: in poco più di un anno e mezzo, il paradigma è completamente cambiato. Nel novembre del 2015 per le cosiddette “quattro banche” – Etruria, Carichieti, Cariferrara e Banca Marche – il governo anticipò addirittura di quasi un mese e mezzo le regole del bail-in, il salvataggio bancario con risorse “interne”, attingendo cioè alle risorse di azionisti, titolari di obbligazioni subordinate e (ipoteticamente) anche per i correntisti, per i depositi eccedenti i 100 mila euro. Un incubo per i risparmiatori travolti dalla malagestione degli istituti cui avevano affidato i propri investimenti, piccoli o grandi, ma un sollievo per i contribuenti, perché la logica della norma voluta a livello comunitario era che dovesse finire l’epoca degli utili privati a fronte di perdite sempre socializzate. Con Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca si torna, in qualche modo, all’antico: non al bail-out, il salvataggio tutto con fondi pubblici, ma a qualcosa di molto simile, sia pure più sofisticato (eufemismo).

Ci sono voluti 20 minuti, ma un giorno e mezzo di suspence, per arrivare al decreto. «Un intervento a favore di correntisti e risparmiatori» e «delle economie del territorio» per «evitare un fallimento disordinato», secondo il premier Paolo Gentiloni. Via libera dalla Commissione europea a un’operazione così strutturata: BpVi e Veneto Banca si fanno in quattro: le due good bank che nascono dalle ceneri degli istituti saranno acquistate per un solo euro da Intesa Sanpaolo, che quindi incorporerà depositi, filiali e dipendenti (ma una quota sarà dichiarata in esubero). Un affare? Anche di più: il gruppo guidato dall’amministratore delegato Carlo Messina riceverà dal governo 5,2 miliardi di euro (prelevati dal cosiddetto “fondo salvabanche”) per non peggiorare i “ratios patrimoniali” e la politica dei dividendi di Ca’ de Sass, mentre – i conti li ha fatti lo stesso Messina, commentando il decreto – Intesa metterà le mani su «50 miliardi di euro di risparmi di 2 milioni di clienti, di cui 200 mila aziende operanti in aree tra le più dinamiche del paese». Salvi correntisti e obbligazionisti senior, saranno ben tutelati anche i titolari di obbligazioni subordinate, che avranno un “ristoro” pari all’80 per cento del loro investimento, a carico dello Stato. A fine operazione, per ammissione dello stesso ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, il conto da pagare per i contribuenti sarà di circa 17 miliardi di euro, che sommati ai circa 6 e mezzo necessari per Monte dei Paschi di Siena fanno più del budget già stanziato con il Salvabanche.

«Ci perderanno i clienti, che al posto di tre linee di credito (…) se ne troveranno solo una di gran lunga inferiore alla somma delle tre. Ci perderanno i dipendenti che negli ultimi 18 mesi hanno visto scappare i depositanti, i clienti e le opportunità di mercato e che presto saranno “efficientati” nel nome del consolidamento. Ma soprattutto ci ha perso la credibilità delle istituzioni italiane ed europee, per come l’intera vicenda è stata gestita». Così Luigi Zingales, sul Sole 24 Ore, ha commentato l’esito della vicenda, rilevando come dal caso delle banche venete a uscire compromesso è il progetto di unione bancaria, che a fronte di una tale disinvoltura nell’interpretazione delle regole (da parte dei singoli paesi e della stessa Unione Europea) troverà pochi disposti a sacrificarvi consenso nazionale e risorse.

Diritti per tutti?
E insomma, il dato è che è (anche) il vizio italiano di pensare che alla fine pagherà Pantalone (che poi siamo noi) a minare le basi stesse dell’integrazione europea. Vizio che non riguarda soltanto le banche. Anzi. «Nell’Ottocento si temeva che la democrazia rappresentativa potesse degenerare nella dittatura della maggioranza – dice Lottieri – la verità è che oggi ci rendiamo conto che a influenzare la politica, e quindi la spesa pubblica, sono le minoranze organizzate». Vale per i tassisti, ma anche per le coppie dello stesso sesso. Storie diverse, diritti di vario genere rivendicati, libertà sventolate ma alla fine sempre là si va a parare: all’incasso. Con le unioni civili sponsorizzate dal governo Renzi, si è determinato un aggravio – che comunque il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha definito «sostenibile» – di alcune centinaia di milioni di euro, relativo alle pensioni di reversibilità.

E anche altri diritti, come quello di cittadinanza da riconoscere con lo Ius soli ai ragazzi nati in Italia da genitori stranieri, hanno un costo per le casse pubbliche: come in altri casi, Puviani insegna, si può scegliere di sostenere. Tanti diritti, tante minoranze organizzate, tante emergenze, altrettante mammelle cui attaccarsi e una domanda: ce ne sarà sempre per tutti? Risponde Lottieri: «No, i costi sono altissimi e alla fine il sistema crollerà. Finirà come l’Impero romano, collassato per le clientele e il parassitismo dopo essere stato la più grande potenza commerciale e militare del mondo».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download