Google+

Così la Cina si sta comprando l’Inghilterra

gennaio 18, 2012 Redazione

Prima i cinesi hanno acquistato le case più grandi e belle del Mayfair, dove viveva anche la regina Elisabetta. Ora puntano invece alle campagne e alle terre arabili, comprando 400 ettari alla volta e spendendo ciascuno sui sei milioni di euro. Ma è un investimento saggio: negli ultimi 10 anni il valore della terra in Inghilterra è cresciuto del 193 per cento

Da oltre un anno i cinesi stanno comprando le terre agricole inglesi e anche se la spesa non può ancora essere paragonata alle somme investite in Africa, America Latina e Stati Uniti, secondo Knight Frank, l’agenzia privata di vendita di terreni più grande del mondo, il fenomeno è destinato a crescere. Il 5% dei compratori di terre agricole attraverso l’agenzia sono cinesi che, secondo il capo aziendale nel settore Clive Hopkins, oltre ad investire in negozi, fabbriche e uffici nelle grandi città, ora comprano anche terreni coltivabili nelle campagne per diversificare gli investimenti. Comprano principalmente appezzamenti per un totale di 400 ettari alla volta, nella parte sud-est dell’Inghilterra, spendendo all’incirca 6 milioni di euro ciascuno. «Si concentrano sull’area a sud di Birmingham e a est di Exeter» spiega Hopkins al prestigioso South China Morning Post. «Loro arrivano soprattutto da Londra e quindi si concentrano al sud più che al nord».

Secondo l’agenzia privata Savills i cinesi si concentrano nell’acquisto delle cosiddette “hobby farms”, cioè case circondate da circa 20 ettari di terreno, facilmente affittabili ai contadini vicini. «Hanno comprato le più belle e più grandi case a Mayfair» a Londra, dove viveva la Regina Elisabetta, tanto per capire, «ora invece vogliono acquistare le terre arabili, perché hanno capito che si tratta di un investimento ancora migliore» afferma Simon Grier-Jones, capo della sezione terre per l’agenzia Hamptons International.

I cinesi vedono giusto, almeno a giudicare dall’andamento dei prezzi e dalla rapida impennata del valore della terra coltivabile: secondo i dati in possesso di Knight Frank, il valore della terra è cresciuto del 193 per cento negli ultimi 10 anni, raggiungendo il prezzo di 18 mila euro a ettaro, grazie al clima favorevole e alla vicinanza con il grande mercato europeo. «Il motivo è semplice» spiega Hopkins, «qui, come in Europa centrale il clima è sempre più o meno lo stesso. Non ci sono monsoni, non ci sono mareggiate e il commercio ha uno sbocco naturale su tutta l’Unione Europea». E secondo l’agenzia, il valore arriverà a 30 mila euro all’ettaro entro il 2015.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi