Google+

Conclave al via martedì 12 marzo. Si eleggerà il 266esimo Papa

marzo 8, 2013 Redazione

Le porte della Cappella Sistina si chiuderanno martedì 12 marzo, al pomeriggio, dopo che in mattinata si sarà svolta una messa “pro eligendo”: così avrà inizio ufficialmente il Conclave

Le porte della Cappella Sistina si chiuderanno martedì 12 marzo, al pomeriggio, dopo che in mattinata si sarà svolta una messa “pro eligendo”: così avrà inizio ufficialmente il Conclave che porterà alla nomina del 266esimo Papa. Lo ha annunciato oggi la Sala Stampa Vaticana, riferendo in merito alla votazione della congregazione cardinalizia tenutasi nel pomeriggio. Come sembrava probabile si è deciso così di anticipare l’inizio dei lavori, cosa che per altro lo stesso Lombardi aveva anticipato oggi in mattinata.
Per quanto riguarda, la cadenza delle elezioni il primo giorno di Conclave, dopo la “Missa pro eligendo Pontifice”, questa prevede già un primo scritinio nel pomeriggio. I giorni seguenti saranno cadenzati da due scrutinii il mattino e due il pomeriggio.

Con l’arrivo ieri del cardinale vietnamita Jean-Baptiste Phan Minh Man e di Adam Joseph Maida, Arcivescovo emerito di Detroit, i porporati sono tutti arrivati in Vaticano, e aspettano di entrare nella Cappella, che intanto è stata arredata con 115 sedie di ciliegio e tavoli in legno grezzo. Una per ognuno dei cardinali elettori, numero inferiore però rispetto al totale dei cardinali che prenderanno parte al Conclave, 153: dalle votazioni saranno esclusi tutti gli ultraottantenni, presenti solo in funzione spirituale. Il Collegio Cardinalizio ha poi accolto le motivazioni di due porporati assenti: si tratta dello scozzese Keith O’Brien, assente per «motivi personali», e dell’indonesiano Julius Riyadi Darmaatmadia, per infermità. Per essere eletto Papa il nome del Cardinale (o della persona scelta, che non per forza deve essere un porporato) deve comparire su due terzi delle schede dei Padri elettori, con un quorum fissato quindi a 77 voti. Dal 34esimo scrutinio in avanti si votano i due cardinali che hanno ottenuto più preferenze all’ultima votazione, escludendo entrambi dal diritto di voto. Una volta ottenuti i voti sufficienti, il Cardinale Decano Angelo Sodano chiede al Cardinale eletto se intende accettare l’incarico e quale nome sceglie per il suo pontificato. Quindi si procede con il bruciare le schede nella stufa, montata proprio nei giorni scorsi all’interno della cappella: dalla canna fumaria istallata sul tetto dell’edificio proverrà la famosa fumata, nera per indicare che lo scrutinio ha avuto esito negativo, bianca per comunicare che l’avvenuta elezione del Pontefice.

L’attesa è ormai agli sgoccioli. Domani mattina verranno sorteggiati gli alloggi presso il Palazzo di Santa Marta, l’edificio dove i porporati staranno durante tutto il periodo Conclave: «Nessun Cardinale sceglie quale sarà il suo vicino, né quale camera preferisce», ha spiegato oggi padre Lombardi. Domenica invece è probabile che i cardinali si rechino nelle chiese romane di cui sono titolari, a pregare in vista della decisione cruciale che dovranno prendere. Infine, misure severe anche per evitare fughe di notizie e indiscrezioni: la gendarmeria procederà ogni giorno a controlli e perquisizioni sui porporati, cui sarà vietato comunicare con l’esterno in ogni modo, anche usando Twitter, pena la scomunica istantanea. Un sofisticato sistema elettrico creerà poi una gabbia che isolerà da qualsiasi campo elettrostatico gli ambienti del Conclave.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Chi si permette di critiare sempre, e a sproposito, la Chiesa perchè non al “passo coi tempi”, dovrebbe imparare proprio da lei le regole e la serietà.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana