Google+

Coi soldi delle bombe si compra l’Albania

giugno 9, 1999 Tempi

Il grafico della settimana

Ci saranno pure fattori economici che spiegano la guerra del Kosovo e i bombardamenti sulla Serbia, ma certamente si fa fatica a vederli se ci si mette dal punto di vista dei paesi confinanti con la Repubblica federale jugoslava e le sue turbolente province. Un rapido raffronto fra i costi di due mesi di incursioni Nato sul regno di Slobodan Milosevic (basati su stime del Financial Times) e il prodotto interno lordo (pil) dei paesi vicini, cioè la ricchezza prodotta annualmente da ciascuno di essi, mostra squilibri abissali e l’assurdità economica di uno sforzo militare sproporzionato alle potenzialità attuali della regione: rispetto ai 6 miliardi di dollari che sono costati i primi 60 giorni dell’intervento Nato, il pil albanese è meno della metà della spesa attuale per la guerra, quello macedone è poco più di un terzo, quello boosniaco poco meno di un terzo, mentre quello bulgaro è pari a poco più di una volta e mezzo.

Insomma, per realizzare la cifra equivalente a quella finora spesa per bombardare Belgrado e gli obiettivi serbi in Kosovo gli albanesi dovrebbero lavorare per quasi due anni e mezzo senza consumare nulla, i macedoni quasi tre, i bosniaci, poveretti, più di tre; più fortunati croati, rumeni e ungheresi (anche perché più numerosi): a loro bastano rispettivamente quattro mesi, due mesi e mezzo e meno di quaranta giorni. Oppure, se vogliamo guardare la cosa da un altro punto di vista, potremmo dire che coi soldi della bombe si può “comprare” per due anni di seguito l’Albania, e avanzare 1 miliardo di dollari, oppure “affittare” la Macedonia e la Bosnia insieme, la prima per due anni e la seconda per uno. Del resto, se diamo retta alle stime di un inserto economico di Le Monde dell’aprile scorso, che valutava a 1 miliardo di dollari circa il pil del Kosovo, a quest’ora coi soldi spesi per la guerra la piccola regione della Repubblica federale jugoslava si poteva acquistare sei volte di seguito! Merita infine di essere menzionato il fatto che l’attuale guerra Nato-Serbia è già costata più della guerra arabo-israeliana dei Sei Giorni (conto finale:
3 miliardi di dollari) e di quella delle Falklands/Malvinas (5 miliardi). I conflitti di questo secolo che hanno bruciato più risorse sono la guerra del Vietnam (720 miliardi di dollari), la Prima Guerra mondiale (2.850 miliardi) e la Seconda Guerra mondiale (4.000 miliardi).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana