Google+

“Ciò che non parte unito non si unisce più”. Cosa distingueva Giussani da Lazzati

gennaio 19, 2013 Antonio Simone

“L’unità dei distinti” di Lazzati. L’insistenza sull’unità di don Giussani. Una bella paginetta di storia (Massimo Camisasca, “Comunione e Liberazione”)

Caro direttore, a proposito del bel dibattito sull’unità e diversità, mi permetto segnalare una bella paginetta di storia (Massimo Camisasca, “Comunione e Liberazione”, vol. III, pp.163-164, 2006) che evidenzia bene la novità della concezione giussaniana.

«In Lazzati troviamo in primo piano l’ascesi, la volontà, la battaglia, l’idea gemelliana del Regno. “Nel suo parlare e nella sua vita spirituale si coglieva certamente la sua formazione di matrice ignaziana”, ha scritto il cardinale Attilio Nicora. In Giussani invece in primo piano è sempre l’ontologia nuova realizzata dall’Incarnazione. Si comprende meglio tutto ciò se lo si approfondisce anche in rapporto all’incontro di Lazzati con Umanesimo integrale di Maritain.
È Pietro Zerbi a testimoniare quale cambiamento provocò in Lazzati questa lettura, assieme all’esperienza del campo di concentramento. “Ebbi [nel 1947-1948] l’impressione di trovarmi di fronte a un uomo sensibilmente diverso da quello del 1943. Avvertii che egli aveva fatto nuovi incontri, nuove esperienze: la frequentazione di forti personalità come Dossetti, la lettura e lo studio di Maritain”.
Su questo riferimento a Maritain, da tutti accettato e sottolineato, occorrerà soffermarsi. È proprio qui che si radica la divaricazione tra il cristocentrismo di Giussani, ereditato dalla scuola di Venegono, e il “distinguere per unire” di Lazzati o “l’unità dei distinti”, come è stato detto altrimenti, unità che si realizzerà soltanto nell’escatologia, alla fine dei tempi. Per Giussani invece l’unità è già realizzata, seppure non ancora pienamente espressa, nell’uomo nuovo, la nuova creatura che Cristo ha portato nel mondo attraverso la Sua incarnazione, morte e resurrezione, donata col battesimo ai “suoi”, come li chiama il Vangelo di San Giovanni. (…) Ciò che distingueva Giussani da Lazzati non fu in realtà mai la negazione delle necessarie distinzioni, ma l’insistenza sull’unità come condizione necessaria per capire le distinzioni. Il fondatore di CL ripeteva spesso: ciò che non parte unito non si unisce più».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download