Google+

I cinque figli tolti alla famiglia Bodnariu per la loro «educazione cristiana»

febbraio 23, 2016 Benedetta Frigerio

Norvegia. Per la prima volta da novembre, i genitori accusati di essere “cristiani radicali” hanno potuto riunirsi per tre ore con i figli. Intanto i nonni parlano di «persecuzione religiosa»

protesta-bodnariu-norvegia-romania

Si sono riuniti per tre ore con i loro cinque figli i coniugi rumeni Bodnariu, accusati di essere “cristiani radicali”, ai quali i servizi sociali norvegesi hanno tolto la custodia dei bambini lo scorso 16 novembre per qualche sculacciata. Da allora al padre, Marius, è stato impedito di vedere e parlare con i figli, mentre sua moglie Ruth ha potuto incontrare solo il piccolo di tre mesi e conversare per pochi minuti al telefono con i maggiori. La famiglia Bodnariu non è l’unica ad avere avuto problemi con i servizi sociali norvegesi, come dimostra una petizione di 38 famiglie ai leader dell’Unione Europea nella quale denunciano un inspiegabile atteggiamento autoritario.

FAMIGLIA RIUNITA. Il 18 febbraio la famiglia si è riunita per la prima volta da novembre. Il sito ufficiale della campagna di sostegno alla famiglia Bodnariu ha raccontato in un articolo che è stato un incontro «gioioso» ma «doloroso», in cui la figlia Naomi «non riusciva a smettere di parlare» e il quartogenito Loan (due anni) «avendo imparato qualche nuova parola, aveva molto da dire. Il piccolo Ezechiele era più felice che mai». Dopo aver giocato, parlato e mangiato, la famiglia ha pregato insieme. Il portavoce del gruppo di sostegno, il pastore protestante Cristian Ionescu, ha anche scritto che Naomi ha lasciato molto perplessi i genitori quando ha affermato che desiderava imparare ancora molto da loro e perciò non voleva che morissero. «Chi ha messo queste cose in testa ai bambini?!», ha aggiunto. «Loro non riescono a capire perché non possono stare con i genitori». I giudici non hanno ancora fissato la data dell’udienza, rifiutando anche la richiesta dei Bodnariu di sottoporsi a periti di psicologia esterni ai servizi sociali, che sembrano accanirsi contro la famiglia.

DISCRIMINAZIONE RELIGIOSA. Alcuni giornali hanno accusato i coniugi di parlare a sproposito di discriminazione religiosa solo per riavere più facilmente i figli. Intervenendo per la prima volta sul caso con un comunicato, i nonni dei bambini venerdì scorso hanno invece ribadito che l’educazione cristiana viene continuamente citata come un elemento che proverebbe la colpevolezza dei genitori. Basta leggere che cosa «ha detto la preside della scuola [parlando] al telefono con i servizi sociali il 13 ottobre scorso, a partire dai documenti sul caso: “La scuola dice che è una famiglia molto cristiana con una fede forte, che crede nei concetti di peccato e punizione divina. Tutti gli zii e le zie condividono questa convinzione. La preside è persuasa che questo inibisca i bambini”. È un’invenzione questa?».

«È UN’INVENZIONE?». I nonni hanno poi ricordato che «durante l’indagine di polizia, al padre di Ruth è stato chiesto se era consapevole del fatto che i bambini fossero esposti ad alcune pressioni (indottrinamento collegato alla fede cristiana)», ma quando lui ha cominciato «a rispondere alla larga, gli è stato vietato, dicendogli di parlare solo di argomenti che riguardano il problema». Questo dimostra che «l’educazione cristiana dei bambini è ciò su cui verte il caso. È anche questa un’invenzione?». Prosegue il comunicato: «Viviamo con la vecchia convinzione che la “piccola e gentile Norvegia” non perseguiti i cristiani, ma ci sono molti modi di farlo». Il responsabile amministrativo della contea di Naustdal ha dichiarato ai giornali che i servizi sociali hanno fatto un buon lavoro. «Siamo quindi autorizzati a chiederci: “Che cos’hanno dentro queste persone se sono capaci di fare una cosa simile?”». Il prossimo 16 aprile migliaia di persone si riuniranno a protestare chiedendo la liberazione dei bambini in centinaia di città rumene, in venti metropoli americane e australiane e in decine di capitali europee.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Se lo stesso trattamento fosse stato riservato a una famiglia musulmana avremmo avuto manifestazioni di piazza in tutta europa. Magari al grido di “Je suis Muhammad”.
    Buffoni

  2. EquesFidus says:

    Non è un caso che la Norvegia sia la nazione in cui è stata inventata, e da cui si è diffusa, la perniciosa ideologia del gender. Un Paese “civilissimo”, come dicono i suoi sostenitori nostrani, la cui cultura può tranquillamente andare a nascondersi dinanzi a quella italiana, uno Stato che è sempre stato pseudo-cristiano e pagano nell’anima, frutto di conversioni fasulle che in realtà covavano soltanto risentimento ed odio nei confronti prima di Roma (a cui si ribellò aderendo con entusiasmo all’eresia protestante), vista come sede del potere imperiale, poi del cristianesimo tutto. Questi sono soltanto gli ultimi colpi di coda di nazioni che sono state fintamente cristiane ma che, tra gli spasmi di ideologie mortifere ed il profondo odio per le nazioni cattoliche e mediterranee (le quali sono avvantaggiate rispetto a loro su tutto, dal clima alla cultura passando proprio per la religione, e per questo hanno interesse a presentare come “arretrate”, “bigotte” ed “incivili”), stanno solo rivelando la loro vera natura; natura che non ritornerà in auge, bensì è realmente (e finalmente) alla frutta dopo secoli e secoli. Queste tragicomiche persecuzioni di cristiani (veri) ne sono l’esempio lampante, così come pure il sostegno schizofrenico contemporaneamente all’Islam e a tutte le ideologie della sinistra più radicale.

    • SAMUELE says:

      Vabbè, caro Equesfidus, mi hai convinto….sulla scorta della tua filippica annullerò la mia crociera lungo i fiordi e rinuncerò al sole di mezzanotte.

      • EquesFidus says:

        Non capisci niente, stai zitto e smettila di trollare i miei interventi! Moderazione, intervenite, per favore.

        • Giannino Stoppani says:

          E’ pur vero che non capisce niente, ma la mordacchia lasciala a loro Eques.

        • Samuele says:

          Sei uno spasso Equesfidus, te lo dico senza ironia …..sei proprio uno spasso, un pezzo da museo (degli orrori!)…..
          PS: in subordine alla Norvegia è consentito andare in Islanda??? O l’elevata percentuale di atei vichinghi rende il placido isolotto una terra demoniaca e perversa ??

  3. Susanna Rolli says:

    Vedo che il mio non compare. Meglio così, va!

  4. Mario Gallo says:

    È il Papa dove è ? Il Pastore della Chiesa ?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi