Google+

Cina, si fanno il segno di croce: 15 cristiani arrestati

maggio 10, 2011 Benedetta Frigerio

Da un mese nel mirino della polizia cinese, che ne ha già arrestati 260, i cristiani di Shouwang, che non sono riconosciuti dal governo, sono costretti a pregare all’aperto e per questo arrestati. Alcuni dei fedeli dichiarano «di sentirsi felici» perché il carcere è stata la possibilità di mostrare che la fede è irriducibile al potere

Colti in flagrante mentre si facevano il segno di croce, altri 15 cristiani sono stati arrestati l’8 maggio dalla polizia cinese. Le autorità di Pechino, dopo i 260 arresti dell’ultimo mese (alcuni sono stati rilasciati, altri si trovano agli arresti domiciliari), continuano a minacciare la comunità protestante di Shouwang. Questo succede da tempo senza alcun richiamo da parte della comunità internazionale e nonostante le proteste di attivisti democratici, che anzi vengono a loro volta arrestati.

La comunità di Shouwang, che possedeva edifici e luoghi di culto espropriati dallo Stato, ha iniziato a pregare all’aperto nell’attesa di essere riconosciuta dal governo come chiesa ufficiale. In Cina, infatti, non è concesso a nessuno di vivere la propria fede, sia privatamente sia pubblicamente, se non in chiese ufficialmente riconosciute dal Partito. Nel caso specifico le autorità pechinesi chiedono che tutti i protestanti si riuniscano in un solo gruppo, il Movimento delle tre autonomie, l’organizzazione ufficiale controllata dal governo.

Ma i Cristiani di Shouwang si sono sempre rifiutati di aderire a un Movimento che ritengono «troppo sottomesso al partito e non a Dio». Per questo il governo non prende in considerazione la richiesta di riconoscimento della comunità, che non è disposta a vivere la fede secondo i dettami statali. Anzi. Con i numerosi sfratti, che hanno lasciato molti cristiani senza casa, gli arresti, le angherie, le minacce e i fermi domiciliari, la convinzione e la forza di questa comunità sembrano irrobustirsi. Alcuni dei fedeli hanno addirittura dichiarato «di sentirsi felici» perché il carcere è stata la possibilità di mostrare che la fede è irriducibile a qualsiasi potere. Anche in prigione infatti hanno pregato e cantato insieme, «contenti di annunciare il Vangelo alle guardie della prigione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.