Google+

“Chiesa e pedofilia”: ecco il libro di Agnoli (scaricabile qui) che spiega cosa c’è dietro agli attacchi alla Chiesa

febbraio 8, 2014 Redazione

«Dietro l’enfatizzazione degli abusi su minori compiuti da preti cattolici c’è di tutto: preti spretati, teologi eretici, lotte interne dei modernisti contro il papa, radicali che suonano la tromba, movimenti gay o pro choice»

La Chiesa cattolica è la madre di tutti i pedofili? Da anni c’è chi si impegna a diffondere questo teorema. La propaganda contro il clero cattolico è sembrata intiepidirsi soltanto dopo l’elezione di papa Francesco, ma proprio in questi giorni è tornato alla ribalta l’equazione “prete uguale pedofilo”, grazie a un documento della Commissione Onu per i diritti dei minori. Che cosa c’è dietro a questo ennesimo attacco? Per sapere come la propaganda contemporanea ha usato uno dei crimini più immorali e infamanti al solo scopo di attaccare la Chiesa cattolica, è utile la lettura di Chiesa e pedofilia, di Francesco Agnoli (il libro è scaricabile qui, per gentile concessione dell’autore).

CHIESA E PEDOFILIA. «Dietro l’enfatizzazione degli abusi su minori compiuti da preti cattolici c’è di tutto – scrive Agnoli -: preti spretati, teologi eretici come Hans Küng, lotte interne dei modernisti contro il papa, radicali che suonano la tromba, movimenti gay o pro choice, che vogliono far pagare alla chiesa le sue posizioni in materia etica». Nel suo libro, pubblicato da Cantagalli editore nel 2011, Agnoli spiega come i casi di pedofilia di cui si è occupata la giustizia penale e civile «risalgono per lo più agli anni sessanta e settanta, e si sono verificati soprattutto negli stati Uniti». Agnoli ricorda che l’aumento generalizzato di abusi sessuali contro minori avviene proprio in quegli anni e «interessa la società tutta, famiglia, single, preti, laici, nessuna categoria esclusa». Non solo. Agnoli ricorda come furono proprio gli intellettuali di sinistra, che ora attaccano la Chiesa, a propagandare negli anni Sessanta la «liberazione sessuale di donne e bambini». Fu un personaggio del calibro di Daniel Cohn-Bendit, leader sessantottino francese, e non un prete a scrivere, «su Liberation, insieme ad altri notissimi intellettuali francesi di sinistra, da Jean Paul Sartre a Jack Lang, da Simone de Beauvoir a Michel Foucault, da Andrè Glucksman a Bernard Kouchner, un manifesto in difesa della pedofilia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

53 Commenti

  1. giuliano says:

    conosco i rossi dal ’68 e ho imparato a classificarli come vermi, perchè così sono, Spero che finiscano tutti all’inferno

  2. luca says:

    sapete cosa c’è dietro le dichiarazioni dell’ONU?
    la pedofilia di moltissimi preti e smettetevela di mettere la testa sotto la sabbia e cercarvi 1000 stupide giustificazioni o dire queste e quello sono peggiori!
    il problema c’è e si vede ed è sotto gli occhi di tutti.
    basta con l’omertà, basta con la difesa a prescindere dei preti… se un prete ha sbagliato deve pagare e deve essere consegnato alla legge!

    • VivalItalia says:

      Embhe? Ce mancherebbe!
      Qui se parla de pija un caso per infamà na categoria.. e mo se me venite a dì de le insabbiature ecc sono qui ascoltarve: nomi, date, e fatti circostanziati.

      Se no ziti.

    • francesco taddei says:

      in europa si tenta di depenalizzare il reato di pedofilia, secondo te per favorire i preti? vatti a vedere quanti omosessuali sono pedofili.

      • luca says:

        in europa si è solo parlato di mettere in tutti glòi stati pari pene per pedofilia etero e gay, e non è mai stato chiesto di abbassare le pene più alte, si potevano benissimo alzare le più basse… e questo da parte vostra è stato tradotto depenalizziamo la pedofilia? ammazza che geni!

  3. Bifocale says:

    Ennesimo patetico tentativo di cercare di scaricare la colpa su altri (gli omosessuali, i “rossi”, i 68ini… ora pure l’ONU) pur di negare la realtà provata e non assumersi le proprie responsabilità.

    • emanuele says:

      Mio caro signore,
      già il precedente Papa aveva ammesso una sottovalutazione del problema e una sostanziale responsabilità. Esattamente in che forma l’assunzione di responsabilità sarebbe soddisfacente? Perché il Papa che chiede scusa in generale si è già visto. Nuove misure a tutela, già viste. Il Papa che riceve le vittime di abusi, già visto.
      Esattamente cosa si aspetta più di questo? Sono curioso.

  4. Toni says:

    Luca , Bifocale ed altri
    Volete giungere a sostenete che la Chiesa è a favore della pedofilia?
    Io , personalmente, sono convinto che lo scandalo di tanti sia espressione del risentimento verso la chiesa perché non benedice i tanti nuovi diritti che si producono quotidianamente. Intendo dire che i bambini violati sono solo un mezzo. Se ho ragione … è da vili.
    I bambini sono violati in tutto il mondo , a tutte le latitudini in tutte le categorie sociali. Ma non vedo e sento alcun furore eroico da parte di Onu ed altri sgherri.
    Io di una cosa sono sicuro: non c’è una parola nella Chiesa, ne ci sarà nei millenni a venire, che farà diventare la pedofilia giusta. Questo anche se ci sono e saranno preti pedofili. Ci sono solo perché siamo in una società malata.
    Tanti scandalizzati di oggi, invece, vorrei sentirli tra qualche anno, quando verranno convinti che ci può essere una pedofilia giusta, che occorre distinguere le varianti, che solo alcune sono patologiche, che in fondo oggi si priva i bambini della loro sessualità, che la fanciullezza è una creazione borghese sconosciuta un tempo, che esiste in natura. Già oggi ci sono dei Vermilingue (il viscido e dolciastro personaggio del Signore degli anelli) che sono all’opera. Ed io questa storia l’ho già vista!

    • luca says:

      toni voglio giungere che pur di non ammettere che si sono dei problemi nella chiesa finite involontariamente per favorire i pedofili tutto qui. la pedofilia nella chiesa c’è e grazie al vostro atteggiamento rimane spessissimo impunita!

      • toni says:

        “Vostro atteggiamento” ? Credi che milioni di persone, decine di migliaia di suore e frati, migliaia di preti, centinaia di vescovi, hanno saputo è taciuto? Credi che non ci indigna e ferisce quello che è successo?
        Io credo che … c’è una lobby! Punto! Spero che venga distrutta. E che si faccia di tutto per questo fine.
        Ma credo , di contro, che se anche in tutta la Chiesa ci fossero, per dire, da un lato una ventina di pedofili e dall’altro migliaia di esempi di vera generosità altruismo, pietà coraggio … martirio e santità, la chiesa rimarrebbe …, per questo potere “maligno” che impera, …pedofila. E tu in un post (di qualche tempo fa) hai intuito , in maniera perfetta , anche il perché!

        • Toni says:

          “Vostro atteggiamento” ? Credi che milioni di persone, decine di migliaia di suore e frati, migliaia di preti, centinaia di vescovi, hanno saputo e taciuto? Credi che non ci indigna e ferisce quello che è successo?
          Io lo credo che … c’è una lobby! Spero che venga distrutta. E che si faccia di tutto per questo.
          Ma credo , di contro, che se anche in tutta la Chiesa ci fossero da un lato una ventina di pedofili e dall’altro migliaia di esempi di vera generosità altruismo, pietà coraggio … martirio e santità, la chiesa rimarrebbe …, per questo potere “maligno” che impera, …pedofila. E tu in un post passato hai intuito , in maniera perfetta , anche il perché.

          • Toni says:

            “Vostro atteggiamento” ? Credi che milioni di persone, decine di migliaia di suore e frati, migliaia di preti, centinaia di vescovi, hanno saputo e taciuto? Credi che non ci indigna e ferisce quello che è successo?
            Io credo che … c’è una lobby! Punto! Spero che venga distrutta. E che si faccia di tutto per questo fine.
            Ma credo , di contro, che se anche in tutta la Chiesa ci fossero, per dire, da un lato una ventina di pedofili e dall’altro migliaia di esempi di vera generosità altruismo, pietà coraggio … martirio e santità, la chiesa rimarrebbe …, per questo potere “maligno” che impera, …pedofila. E tu in un post (di qualche tempo fa) hai intuito , in maniera perfetta , anche il perché!

        • luca says:

          toni quelli che non hanno taciuto sono stati isolati da gente o sorda o in malafede come te!

          • toni says:

            Mi vuoi portare, sull’insulto e la menzogna, il tuo terreno preferito? Peccato .. eri andato così bene fino a questo punto! E’ qualcosa di pruriginoso che ti spinge a farlo?

            Tu sei la prova che certe leggi è meglio non farle!

            • Fran'cesco says:

              Getta l’amo, quando abbocchi provoca e maldice… assomiglia a uno rosso con le corna…

            • luca says:

              ha ha ha solo un cattolico come te poteva dire una cosa così superficiale, odio tale gruppo perchè una volta ho conosciuto uno di loro che….
              ripeto pensa a stare vicino e and ascoltare chi parla e chi denuncia certe cose invece di isolarlo e punirlo

    • Bifocale says:

      Toni il vero scandalo non è che si sia scoperto che ci sono dei pedofili all’interno della Chiesa, lo li sapeva. La vera vergogna sta nel fatto che la gerarchia ecclesiastica per decenni (o forse secoli) cercato di negare l’evidenza, lasciato correre, di fatto non abbia fatto niente per porre un freno a questo andazzo. E’ stata diciamo silenziosa complice per paura di vedere danneggiata e compromessa la propria immagine. Ormai sono tantissime e ben documentate violenze di tutti i generi su bambini/e avvenute per DECENNI in strutture ecclesiastiche in tutto il mondo senza che nessuno muovesse un dito (leggere tutta la sezione D del recente rapporto dell’ONU riguardante gli abusi e le violenze su minori), il semplice ‘trasferire’ i preti da un posto all’altro quando venivano segnalati possibili abusi (mettendo così a rischio altri bambini in altri luoghi), il muro di silenzio (code of silence) sotto il quale si è cercato di nascondere lo scandalo, arrivando persino a ostracizzare, degradare e allontanare quei preti e suore che osavano parlare di quanto stava succedendo senza che nessuno, per anni e anni, ai piani alti della gerarchia cattolica facesse assolutamente niente. Invece di collaborare con le autorità che investigavano su questi fatti la cosiddetta “Santa” Sede ha cercato di ostacolare le indagini delle autorità competenti. Basti ricordare un esempio clamoroso del comportamento del Vaticano nelle commissioni d’inchiesta create dal governo irlandese, paese cattolicissimo, di fronte all’ondata di denunce di violenze e abusi sessuali che non poteva più essere ignorata. È ben noto che il Vaticano non ha mai voluto collaborare in alcun modo alle indagini irlandesi. La Congregazione della Chiesa per la Dottrina della Fede non ha mai risposto alle richieste di informazioni degli investigatori della Commissione, adducendo la scusa che la Commissione avrebbe dovuto passare per i canali diplomatici per ottenere tali informazioni. Ma quando le commisioni hanno provato a percorrere tale strada anche il Nunzio Apostolico, rappresentante diplomatico del papa, ha risposto di no a una richiesta di fornire tutte le informazioni in suo possesso in riguardo a questa vicenda. Da qui le accuse, a mio avviso più che giustificate, che la gerarchia ecclesiatica fosse più interessata a cercare di difendere la propria sempre più appannata reputazione piuttosto che preoccuparsi sinceramente e attivamente del bene dei bambini. Nel corso degli anni in Irlanda varie commissioni si sono succedute e i risultati di tutti i rapporti (rapporto Rapporto Ryan, rapporto Murphy e rapporto Cloyne) concordavano nel denunciare che la Chiesa cattolica coprì per decenni casi di abusi sessuali. Un andazzo purtroppo verificatosi non solo in Irlanda ma, per decenni, in tutte le parti del mondo. Per anni i vertici della Chiesa cattolica hanno negato, tutto cercando di far credere che non era vero niente e che si trattava di una campagna stampa atta a screditarla, invece era tutto vero eccome e a pagarne il prezzo più alto sono stati proprio quei bambini che così spesso la chiesa pretendende di essere la sola a voler difendere.

  5. VivalItalia says:

    Me so scaricato er libbro e mr ne so letto metà..chiaro esempio che se vai a gratta n tantino sotto gli strali de sti invasati contro er Papa er Magistero petrino, se scopre la verità dei fatti (riportati da ansa corriere ecc mica da avvenire, …così per capisse).

    BUONA LETTURA .. POI NE RIPARLIAMO

  6. filomena says:

    Ragazzi rilassatevi……non è poi così grave,si può benissimo vivere senza santa madre chiesa e i suoi preti.
    Lasciamo che ci pensi la giustizia…ma quella terrena dei giudici.

  7. Busti Renzo says:

    2000 anni fa Gesu’ era presente ad una situazione di grande difficolta’. Una donna vedeva mille dita accusatrici puntate su di se’. Il Conoscitore dei cuori riusci’ a risolvere la situazione, con una semplice frase: ” chi e’ senza peccato scagli la prima pietra. ” Svicolamento generale. Succederebbe anche ora, se fosse presente il Conoscitore dei cuori. Conclusione? Non do’ nessun valore alla presa di posizione dll’ONU. E’ falsa, perche’ ripetuta continuamente, perche’ si presenta con dito puntato finalizzata a battaglie culturali completamente errate. E’ giusto combattere la pedofilia, come e’giusto combattere tutti i comportamenti prevaricatori dei potenti di turno. Datori di lavoro con dipendenti deboli, professori con promesse a studentesse … medici con pazienti … Si potrebbe continuare, stancando chi legge.Combattiamo giorno per giorno contro queste miserie umane, Preghiamo anche e ritiriamo il dito puntato, pensandoci giusti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download