Google+

“Centocinquanta” e “Il Senso della vita” fanno flop: la tv è alla frutta?

aprile 8, 2011 Carlo Candiani

Cosa si nasconde dietro i numerosi flop di “Centocinquanta” e “Il senso della vita”? Rai e Mediaset faticano a trovare la formula giusta. Ma poi, esisterà davvero il segreto del successo?

Le cronache e i commenti sulle pagine degli spettacoli sui quotidiani ce lo segnalano impietosamente: la tivu’ generalista italiana sta vivendo una stagione di flop, veramente preoccupante: le ultime vittime del disinteresse del pubblico sono Paolo Bonolis e il suo “Il senso della vita” e  l’improponibile duo Baudo & Vespa de “Centocinquanta”. Certo, sarebbe facile, scrivere pagine di argute ragioni per il mancato successo di pubblico di queste due trasmissioni, ma una domanda ci assale: ma è ancora così importante la televisione nella nostra routine quotidiana?
Se togliamo il calcio, qualche buon reportage giornalistico e le pochissime fiction di qualità, cosa ci può più interessare dell’attuale offerta televisiva?
L’ennesimo talk politico fazioso?
L’abberrante ripetersi dei reality?
Lo stanco avvicendarsi dei comici nei format alla “Zelig”?

Forse è una questione di qualità o forse non è più adeguato decretare il successo di un programma dal numero di milioni di spettatori. Il panorama delle reti e dei canali non si conta più sulle dita di due mani ma, con l’avvento del satellitare e specialmente del digitale free, è aumentata l’offerta a dismisura che ha spezzettato la scelta da casa. Forse non è disaffezione, forse è disorientamento.

 

Eppure uno dei più grandi successi della stagione, il “Vieni via con me” di Fazio & Saviano, ci ha ricordato che, nonostante tutto, la militanza politica in questo benedetto Paese è ancora viva e vegeta ed è capace di terremotare l’auditel anche con prodotti che sono palesemente arruffianati al “politically correct”. E ancora una volta, il successo di una capacità di comunicazione pervasiva e persuasiva è decisamente e inaspettatamente in mano, a quel partito culturale che più sentenzia sull’egemonia del berlusconismo: quello della Sinistra salottiera, che con prosopopea e puzza sotto il naso, pretende di indottrinare il pubblico televisivo, reiterando i soliti luoghi comuni, sordi ad ogni possibile onesto confronto.
E’, ancora una volta, una questione di educazione alla critica, della quale la platea televisiva è stata defraudata e, solo Dio sa, come potrà essere riconquistata.  

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il restyling della SUV compatta tedesca porta in dote lo step da 110 cv del 1.6 td e la versione potenziata a 152 cv del 1.4 turbo benzina. Trazione anteriore o integrale. Ricca dotazione di sicurezza.

L’attuale Focus RS da 350 cv, considerata da molti la miglior hatchback sportiva di sempre, è il modello più recente dell’Ovale Blu a beneficiare del logo Rallye Sport. Ripercorriamo quasi 50 anni di RS attraverso le 10 vetture più significative.

Quattro posti, quattro ruote motrici e ora anche quattro ruote sterzanti: l’erede della granturismo FF vede il V12 6.3 passare da 660 a 690 cv di potenza massima, così da scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi. Costerà 270.000 euro.

Vi presentiamo le 5 bike su base Scrambler in finale per il concorso che, a luglio, premierà la più originale. A farle belle la creatività dei dealer Ducati

Pietra angolare di Piaggio, il nuovo Liberty condivide con il vecchio il nome e poco più. Rivisti motore, ciclistica e linea ma è sempre lui ed è pronto al passaggio dello scettro.

Speciale Nuovo San Gerardo