Google+

“Centocinquanta” e “Il Senso della vita” fanno flop: la tv è alla frutta?

aprile 8, 2011 Carlo Candiani

Cosa si nasconde dietro i numerosi flop di “Centocinquanta” e “Il senso della vita”? Rai e Mediaset faticano a trovare la formula giusta. Ma poi, esisterà davvero il segreto del successo?

Le cronache e i commenti sulle pagine degli spettacoli sui quotidiani ce lo segnalano impietosamente: la tivu’ generalista italiana sta vivendo una stagione di flop, veramente preoccupante: le ultime vittime del disinteresse del pubblico sono Paolo Bonolis e il suo “Il senso della vita” e  l’improponibile duo Baudo & Vespa de “Centocinquanta”. Certo, sarebbe facile, scrivere pagine di argute ragioni per il mancato successo di pubblico di queste due trasmissioni, ma una domanda ci assale: ma è ancora così importante la televisione nella nostra routine quotidiana?
Se togliamo il calcio, qualche buon reportage giornalistico e le pochissime fiction di qualità, cosa ci può più interessare dell’attuale offerta televisiva?
L’ennesimo talk politico fazioso?
L’abberrante ripetersi dei reality?
Lo stanco avvicendarsi dei comici nei format alla “Zelig”?

Forse è una questione di qualità o forse non è più adeguato decretare il successo di un programma dal numero di milioni di spettatori. Il panorama delle reti e dei canali non si conta più sulle dita di due mani ma, con l’avvento del satellitare e specialmente del digitale free, è aumentata l’offerta a dismisura che ha spezzettato la scelta da casa. Forse non è disaffezione, forse è disorientamento.

 

Eppure uno dei più grandi successi della stagione, il “Vieni via con me” di Fazio & Saviano, ci ha ricordato che, nonostante tutto, la militanza politica in questo benedetto Paese è ancora viva e vegeta ed è capace di terremotare l’auditel anche con prodotti che sono palesemente arruffianati al “politically correct”. E ancora una volta, il successo di una capacità di comunicazione pervasiva e persuasiva è decisamente e inaspettatamente in mano, a quel partito culturale che più sentenzia sull’egemonia del berlusconismo: quello della Sinistra salottiera, che con prosopopea e puzza sotto il naso, pretende di indottrinare il pubblico televisivo, reiterando i soliti luoghi comuni, sordi ad ogni possibile onesto confronto.
E’, ancora una volta, una questione di educazione alla critica, della quale la platea televisiva è stata defraudata e, solo Dio sa, come potrà essere riconquistata.  

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ha la polivalenza nel sangue: grazie all’altezza da terra di 22 cm, alle 4WD e ai sistemi d’assistenza alla guida, off road è più performante della media delle SUV. Brillante su strada, vanta una dotazione di sicurezza raffinata.

Sono pochi i biker che guidano come K-Weed, uno dei più stilosi pro della scena mountain. Uomo immagine di Ibis, il suo nome è di casa sia nelle prime righe delle classifiche delle gare di Enduro Usa, sia nei titoli dei video più cliccati sul web.

Pesa 5.86 kg la Scott più leggera; ha geometrie racing e predilige la salita ma si pedala bene in ogni situazione grazie all’ottimo equilibrio tra rigidità e comfort. Costa 7.299 euro

Svelato il nome della prima SUV Bentley. Adotterà, almeno inizialmente, il maestoso W12 6.0 biturbo a iniezione diretta di benzina di derivazione Audi? Prezzo non inferiore a 180.000 euro.

L’edizione limitata a 50 esemplari della supercar inglese celebra il ventennale della vittoria della mitica F1 GTR alla 24Ore di Le Mans. Al kit aerodinamico dedicato si abbinano interni specifici. Invariata la meccanica.

Speciale Nuovo San Gerardo