Google+

Cattoliche, irachene, 80 anni. Ma davanti ai jihadisti non hanno tremato: «Per la nostra fede siamo pronte a morire qui e ora»

ottobre 8, 2014 Leone Grotti

La testimonianza di Victoria e Gazella, due anziane finite nelle mani degli uomini del Califfato che hanno intimato loro di convertirsi.

victoria-iraq-cristiani-kurdistan-stato-islamicoQuando lo Stato islamico ha invaso ad agosto il villaggio di Caramles, nella piana di Ninive, tutti i cristiani sono scappati di notte verso il Kurdistan. Invece Victoria (a fianco, © Aid to the Church in Need), 80 anni, non si è accorta di niente. Quando la mattina seguente si è alzata, come ogni giorno si è recata in chiesa e per la prima volta l’ha trovata chiusa. Vedendo le strade deserte, la vedova cattolica si è allora resa conto che i jihadisti erano arrivati.

«SOSTENUTE DALLA FEDE». La storia di Victoria è stata raccolta dal Catholic Herald, che ha incontrato la donna sana e salva ad Ankawa (Kurdistan), dove è rifugiata oggi. La vedova è rimasta chiusa in casa per quattro giorni insieme alla sua vicina, Gazella (foto a destra, © Aid to the Church in Need), «sostenute dalla fede». Una volta finite le scorte di cibo e acqua, sono state costrette ad uscire e si sono imbattute nei soldati del Califfato. I jihadisti hanno subito chiesto loro di convertirsi e davanti a un primo rifiuto le hanno aiutate, distribuendo cibo e acqua.

gazella-iraq-cristiani-kurdistan-stato-islamico«PRONTE A MORIRE». Dopo pochi giorni, i terroristi sono tornati a prenderle e le hanno portate al santuario di santa Barbara, dove si trovavano già un’altra dozzina di persone, gli ultimi cristiani rimasti in città. «Dovete convertirvi – i terroristi hanno detto loro – la nostra fede può promettervi il Paradiso». Victoria e Gazella hanno risposto senza paura: «Noi sappiamo che se mostriamo amore e gentilezza, perdono e misericordia possiamo portare il regno di Dio sulla terra. Il Paradiso riguarda l’amore. Se voi volete ucciderci per la nostra fede, allora siamo pronte a morire qui e ora».

LA LIBERAZIONE. Davanti a questa risposta, lo Stato islamico ha lasciato andare tutti i cristiani, molti dei quali erano malati e infermi. Ora Victoria e Gazella vivono fianco a fianco su due materassi adagiati per terra in una stanza che la Chiesa ha fornito loro in Kurdistan.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. margherita scrive:

    se proprio devo, spero di invecchiare così

  2. TtoTM scrive:

    In ginocchio davanti alle GRANDI VECCHIE: TITANI DELLA FEDE !!!!

    Che Dio vi benedica!

    • Valentina scrive:

      No, s’inginocchi lei. Io porto il massimo rispetto alle persone anziane, ma non m’inginocchio davanti a nessuno, non trasformo nessun essere umano, per quanto grande e coraggioso, in un idolo davanti al quale ci si dovrebbe inginocchiare e umiliare. Il rispetto sì, l’umiliazione no.

      • yoyo scrive:

        Ma tu le metafore di rispetto le capisci? Queste donne meritano altro che un semplice chapeau. Un monumento!!

  3. TtoTM scrive:

    Guardate come sono belle rivestite nella regalita’ delle loro rughe. Con la dignità’ di sovrane cristiane …

    Queste sono vere DONNE … Altro che la sozzeria occidentale !

  4. Valentina scrive:

    Queste donne sono state fortunate, se la sono cavata con poco. Buon per loro. Ma purtroppo non a tutti va altrettanto bene.

    • Orazio Pecci scrive:

      Fortunata è stata Giuliana Sgrena. Queste due signore hanno dimostrato un tale sprezzo della morte da impressionare perfino i terroristi: nel loro caso la fortuna non c’entra nulla.

    • beppe scrive:

      valentina, questi piccoli ” lapsus ” in cui voi liberi pensatori dei miei stivali incappate ogni tanto , svelano il lato veramente miserevole della vostra persona. abbi almeno il buon gusto di non insistere e una buona volta taci.

  5. giuliano scrive:

    quando chiederanno di convertirsi a Filomena essa griderà: “ma io sono già mussulmana, lo sono prima di voi”

  6. EquesFidus scrive:

    Come scrissero Gnocchi e Palmaro: le vecchiette oranti ci salveranno tutti. Altro che quei soloni che si sono riversati al Sinodo convinti di poter cambiare le carte in tavola (e anche che tutti i fedeli staranno zitti dinanzi ai loro magheggi).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana