Google+

Buttafuoco: «Se Ingroia va ad Aosta scopre che dietro il delitto di Cogne c’è Dell’Utri»

aprile 12, 2013 Chiara Rizzo

Intervista allo scrittore siciliano su ciò che si agita nell’animo dell’inquieto pm. «Ingroia incarna solo lo sceriffo di Nottingham, altro che Robin Hood»

Ad Antonio Ingroia piace il caldo. In Guatemala è andato con entusiasmo, a Roma si sarebbe diretto molto volentieri, dopo l’insuccesso delle ultime elezioni voleva restare in Sicilia a fare l’esattore delle tasse. In Valle d’Aosta non ci vuole andare, se non «in vacanza». Essendo difficile capire cosa si agita nell’animo di Ingroia, tempi.it ha chiesto l’aiuto dello scrittore Pietrangelo Buttafuoco, sensibile interprete dello spirito siciliano.

Buttafuoco, è forse antropologicamente inaccettabile per un siciliano finire in Valle d’Aosta?
No. Bisogna ribaltare questo luogo comune, i siciliani al Nord si trovano bene. Tant’è vero che si sentono più a loro agio a Milano che non a Roma, che trovano un po’ provinciale data la scarsa capacità della capitale di accogliere le presenze stravaganti. Il Nord ha più uso di mondo, più charme, più vicino a ciò a cui è abituato un siciliano. L’altra grande città del nord è Napoli.

Napoli?
Sì perché non è vero che è meridionale. Napoli è una città cosmopolita, e anche lei ha charme. È culturalmente elevata.

Però Ingroia va ad Aosta. Cosa c’è che non va lì?
Arrivo al punto. La Sicilia contiene tutti i paesaggi, da quelli elvetici a quelli occidentali. A Capizzi, sui Nebrodi, ci si sente ad esempio subito in un’atmosfera perfetta per gli stambecchi. Tra i canneti della costa ragusana invece ci si sente dall’altra parte dell’emisfero, come ai Caraibi. La Sicilia è terra adatta a tutte le storie, le culture e i destini universali che infatti qui si sono dati appuntamento. Non a caso il più grande rappresentante dello spirito siciliano è Federico II di Svevia, il grande imperatore che era allo stesso tempo sultano islamico, könig germanico, spirito greco, imperatore romano. Ingroia non ha nulla di questo spirito umano ed è solo fedele alla caricatura che gli ha costruito Crozza.

Quello che dice «Non c’ho voja».
Ingroia mi ricorda la storia di un grande e famoso scrittore, che aveva un fratello a cui tutti dicevano: “«Ma lei è bravo, lo scriva lei un libro, anziché lasciarlo fare a suo fratello». E quello alzava le spalle, e poi sbottava: «Mi siddia».

Per un pm antimafia al centro del battage mediatico come Ingroia sarà forse duro lavorare ad Aosta.
Ma come, proprio lui si perde l’occasione di dimostrare che dietro il delitto di Cogne ci sta Marcello Dell’Utri?

Da siciliano come l’avrebbe visto nelle vesti di grande esattore, dopo quelli di grande accusatore?
Ah, perfetto. Da Robin Hood qual voleva porsi con Rivoluzione civile, saremmo passati dritti allo Sceriffo di Nottigham. Ma così il fato non volle.

A proposito dell’ambizione di essere Robin Hood. Secondo lei perché uno come Antonio Di Pietro, un altro che si sentiva come l’eroe, è durato 20 anni prima di uscire dalla politica, e Ingroia appena due mesi? È cambiato qualcosa nella percezione politica?
Non lo so. però è certo che Ingroia incarna solo lo sceriffo di Nottingham, altro che Robin Hood. Ma ormai tutti noi italiani aspettiamo già Re Riccardo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.