Google+

Via “padre” e “madre” dal libretto delle giustificazioni. Ora firmeranno genitore 1 e 2

novembre 13, 2013 Redazione

Si torna a parlare di genitore 1 e genitore 2, espressioni che dovrebbero sostituire le ormai antiche padre e madre. Questa volta, dopo Venezia, Bologna e il ministro Kienge, tocca a Roma. «Padre e madre scompaiono e fanno posto a “genitore 1″ e “genitore 2″. Accade al liceo Mamiani di Roma dove, sul libretto delle giustificazioni degli studenti, la dicitura “firma del padre” e “firma della madre” o “firma del genitore o di chi ne fa le veci” lascia il posto a “genitore 1″ e “genitore 2″ come la lotta alle discriminazioni verso tutte quelle forme di famiglia che esistono nella società».

Lo scrive il sito di Repubblica dando notizia di una novità che, secondo la preside del liceo è «una cosa assolutamente normale. D’altro canto genitore è chi si occupa del ragazzo. Bisogna essere pratici e adeguarsi ai cambiamenti. In una società in cui sono sempre più le famiglie allargate o ricomposte non ho visto nulla di strano in questa dicitura».

Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, plaude all’idea della preside: «La decisione del liceo Mamiani di sostituire sui libretti degli studenti la dicitura “genitore 1″ e “genitore 2″ invece di padre e madre è molto positiva e va nella direzione giusta anche per non discriminare i genitori gay e lesbiche. Ora questa decisione deve essere d’esempio affinché diventi una regola a livello nazionale valida per tutte le scuole e serva per lottare contro le discriminazioni verso tutte quelle forme di famiglia che esistono nella società».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

17 Commenti

  1. Francesco scrive:

    Mah, arrivando da Repubblica… non e’ che e’ una balla come tutte le altre notiziole (scuola bruciata perche’ pro-gay, gay picchiato perche’ gay…)

  2. laura scrive:

    Mi viene quasi da ridere, con tutti i problemi seri e urgenti che il processo educativo ci propone come sfida, perdono tempo (e soldi nostri) in queste cavolate !

    • giovanna scrive:

      mah, io sono sbalordita, ci rompono da anni con la legalità e in un liceo fanno firmare sotto a genitore 1 uno che non è in nessun modo legalmente il genitore di quel ragazzo?
      almeno è quello che l’entusiastico commento del portavoce fa intendere, che uno si autoproclama genitore, per gentile concessione di non si sa chi, se del preside, del vero genitore, se del genitore 1 oppure 2, oppure alla faccia del genitore vero, e può firmare un documento ufficiale !
      ma può essere ?

  3. Anonimo scrive:

    Già una trentina di anni fa sui libretti scolastici che ho visto c’era scritto solo “firma del genitore o di chi ne fa le veci”. Già vittime, allora, della cosiddetta “ideologia gender”? Suvvia…

    • Picchus scrive:

      <>

      basterebbe leggere…

    • giovanna scrive:

      anonimo, svegliaaaa, è proprio l’ideologia gender che vuole contrabbandare il genitore per qualsiasi persona, per qualcuno che magari abbia comprato il bambino…certo padrone 1 e padrone 2 sarebbe più appropriato in certi casi !

      • Anonimo scrive:

        C’è Anonimo e Anonimo.
        Io sostengo, ad esempio, che urge costituire un’associazione di avvocati che provveda al patrocinio gratuito di chi verrà accusato di “omofobia”.

  4. Livio scrive:

    Ma al genitore 2 non gireranno gli zebbedei di essere secondo?

  5. Luca scrive:

    Dopo le scuse di Barilla, ora stiamo arrivando veramente al capolinea, tra non molto prevedo azioni ancora più forti.
    Se la nostra fosse una società sana, queste azioni dovrebbero essere un boomerang, ma dato che la nostra società è latitante di valori etici e morali, ho la sensazione che sarà una guerra persa su tutti i fronti, e chi ha valori diversi, si dovrà accontentare di diventare una nicchia valoriale a se stante, avulsa dal contesto che gestirà la nazione, almeno apparentemente.
    Non dico un ritorno alle catacombe, assolutamente no, ma chi pone tra i suoi valori famiglia, figli, monogamia, fedeltà, cristianesimo, e l’inviolabilità della vita umana(da non confondere con accanimento terapeutico e su questo tanti dovrebbero farsi un esame di coscienza, in quanto l’esagerazione poi produce effetti opposti), si dovrà riorganizzare mentalmente accettando il fatto di essere stato messo in minoranza, non tanto da questi afabulatori da quattro soldi, ma bensì dalla indifferenza ed apatia della maggioranza, che praticamente ora come ora hanno una funzione di tacito consenso al rovesciamento dei concetti valoriali sia di quelli “cristiani” che di quelli secondo “natura”, in quanto basterebbe osservare gli animali più evoluti, ad esempio i rapaci, per capire che i genitori non sono 1 e 2, ma sono padre e madre.
    Purtroppo anche tra chi si dichiara cristiano a tutto tondo, i don Abbondio abbondano un pò troppo, e senza la presenza di tanti Fra Cristoforo, si fa poca strada.

  6. Giacomo scrive:

    Ho un unico commento: io voglio diventare padre, non un genitore numerato…

  7. ErikaT blog scrive:

    Un atto di civiltà

    • Picchus scrive:

      Un atto di stupidità, piuttosto. Io comunque firmerò come genitore 3, non vedo come possano impedirmelo.

    • Su Connottu scrive:

      Un atto di maggiore civiltà:
      – firma del genitale 1
      – firma del genitale 2

      – firma del genitale n-1
      – firma del genitale n
      – firma del genitale n+1

      – firma del genitale biologico (gb)
      – firma dell’utero in affitto (gu)
      – firma del genitale finale (gf, detto anche grande fratello)

    • giuliano scrive:

      un atto di inciviltà, un sopruso che va anche contro la Costituzione. Mal lei la Costituzione la legge qualche volta, oppure la Legge deve essere violata perché a voi rossi così piace ??

    • Antonio scrive:

      si, di pseudo-civiltà progressista che ha devastato tutto quello che c’era di bello in pochi decenni.

  8. ILITHYA scrive:

    Sul mio libretto delle giustificazioni c’era scritto: firma di un genitore o di chi esercita la potestà. Non ho mai letto padre o madre sui documenti burocratici.

  9. mik scrive:

    Dove sta lo scandalo?Sui libretti di giustificazione delle scuole non è scritto il padre-la madre, controllate, ma il genitore o chi ne fa le veci.
    Quindi polemica inutile su 1° genitore e 2° genitore così è scritto sul libretto del Mamiani.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana