Google+

Una mattina a Milano

aprile 3, 2012 Marina Corradi

 

Milano, le sei del mattino. È ancora buio. Appena fuori dal portone affondo nell’abbraccio della nebbia. Fitta, come da tempo non la vedevo a Milano; è calata sulla città insieme a un freddo nuovo, umido, insinuante. Camminano intabarrati, curvi, i rari viandanti dell’alba. In corso Sempione la luce dei lampioni trema nella cortina lattiginosa. Sui platani allineati dal Parco a piazza Firenze le foglie grigie e avvizzite stanno immobili: non c’è un filo di vento, e loro se ne restano ancora aggrappate ai rami, illuse di esser vive (finché una folata brusca di vento non verrà, a smascherarle). 

La nebbia a Milano ha un impercettibile odore, leggermente acre, pungente – sono forse le polveri sollevate e fluttuanti in quel velo vaporoso? Mi piace stringermi nel cappotto, serrare la sciarpa attorno al mento; incalzata da quella gentile anima di fantasma, che accarezza e raggela. 

L’auto con la radio accesa e le spie familiari del cruscotto questa mattina è una tana tiepida. Fuori scorrono offuscate le luci delle auto e dei semafori; preme la nebbia ai finestrini, malvolentieri si ritira davanti ai vetri serrati. E sì, è proprio un assedio, come di una straniera, quello alla città, stamattina: la vedi che da fuori, sui viali che corrono verso la periferia, preme, cercando un varco. Sbucano dai caselli delle autostrade colonne di auto con i fari come sbarrati occhi lucenti; dietro di loro c’è solo un muro bianco, e sembra che si materializzino dal nulla. E i grattacieli, quelli nuovi, tutti di vetro, a Porta Nuova? Ne vedi i primi piani e poi sotto ai tuoi occhi si dissolvono. (In uno strano gioco di disvelamento: anche ciò che non si vede, dunque, talvolta è reale). E tremi fra te a pensare a quanto freddo deve fare lassù, in cima a quella gru che già in questo primo incerto chiarore ruota il suo lungo braccio metallico sui cantieri; come allo sguardo del manovratore, solo in questa caligine candida, il mondo debba apparire lontano, o forse scomparso. 

Le campane della chiesa di via Farini battono le ore, ma benché siano vicine ne arriva un’eco remota, ovattata. È il mistero della nebbia: nasconde ciò che è accanto, e suggerisce che ciò che è invisibile possa in realtà essere vicino.

Ma qui in città la nebbia in fondo gioca, già sapendo di avere perso la sua sfida. Per incontrare la nebbia, quella vera, bisognerebbe spingersi in giù, verso Pavia, verso Lodi; lungo le strade di campagna affiancate dalle rogge, dove dall’acqua immobile la nebbia come vapore sale e si gonfia e annienta l’orizzonte. Lì sì, nel suo regno, la nebbia trionfa nella sua ineffabile opaca compattezza; se appena la cappa si apre, lascia intravedere un’ombra di sole mortalmente pallido, estenuato. Ma subito la cortina di latte serra le fila; e tutto si fa muro, candore, nulla. Se si tace, si sente solo il lento fiato della nebbia, regina. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Paul Troiani scrive:

    I simply want to say I am newbie to weblog and really liked you’re blog site. Probably I’m likely to bookmark your blog . You actually have beneficial well written articles. Kudos for sharing with us your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana