Google+

Un istante di luce nel buio infinito dell’inverno

dicembre 19, 2016 Marina Corradi

tram-milano-nebbia-shutterstock_91787942

Pubblichiamo la rubrica di Marina Corradi contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Milano, dicembre. Era il pomeriggio di una giornata fuligginosa. Seduta alla sua scrivania, la signora A. guardava oltre i vetri della finestra il buio che piombava rapido sulla città. Erano passate le quattro. Le giornate continuavano ad accorciarsi, come se nell’Universo la forza del Sole fosse agli sgoccioli. O come, pensava A. nel silenzio della casa vuota, se la Terra fosse uscita dalla sua orbita, e, persa la antica strada, si stesse allontanando verso un buio infinito.

A. si alzò, accese tutte le luci nel piccolo studio. Si sentì leggermente meglio. Da fuori, pensò, la mia finestra deve apparire chiara e lucente, dentro alla notte che cala. Se avesse potuto fare quello che sognava, in quei giorni che precipitavano verso il solstizio di inverno A. si sarebbe barricata nella sua camera da letto, chiudendo gli scuri delle finestre e anzi raggomitolandosi nelle coperte, con la testa sotto al cuscino. Una caverna, era ciò che desiderava in quel momento dell’anno, una caverna in cui cadere in letargo, e dormire, dormire, e nulla sapere del gelo di fuori: per uscirne, infine, ai primi chiari giorni di marzo. Devo avere ancora in me, si disse A., qualcosa della forma mentis dell’uomo primitivo, che si chiudeva nelle sue tane per sopravvivere all’inverno.

Ora, alle cinque, la notte era piena. La signora A. sbuffò: doveva portare giù il cane. Gli mise il guinzaglio, si intabarrò in un cappottone nero e, recalcitrante, uscì di casa. Le luci dei negozi, i fari delle auto la confortarono un poco. Ma stava calando una foschia sottile che impallidiva anche quelle luci urbane. Attorno ai lampioni si allargava una pozza di nebbiolina chiara. Come se la luce facesse fatica a penetrare, nell’aria densa di fumi. A. chinò il capo e accelerò il passo. Il cane, indispettito, tirava per fermarsi ai suoi alberi preferiti.

Si allontanò verso il Parco Sempione, in vie più solitarie e buie. La nebbia andava salendo. Ora A. camminava, camminava in fretta, come in una fuga. Anche i rami ischeletriti degli alberi, lo scricchiolio del tappeto di foglie cadute le facevano male. Sembravano gemiti deboli di vecchie. Come tutto mi pare morto, questa sera, pensò.

Nella nebbia ormai densa le arrivò il tocco di una campana. Ne seguì l’eco e si trovò di fronte a una grande chiesa. Legò il cane alla soglia, spinse la porta. C’era Messa. Le navate erano un grembo ombroso. Il sacerdote sull’altare stava innalzando l’Eucarestia. Il piccolo disco bianco sembrò a A. per un istante candido, splendente. Le sembrò capace, da solo, di colmare tutta la oscurità di quella sera. La signora A. si sedette a un banco, pensierosa e stupita. Uscì, slegò il cane e tornò verso casa. Nel fondo del suo buio, serbando la memoria di un istante di inimmaginabile luce.

Foto tram da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di The Battle of the Kings 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana