Google+

Un’indagine istruttiva sulle superlobby che controllano tutto, compreso l’Isis

aprile 12, 2015 Pippo Corigliano

++ Isis, chiese e simboli cristiani distrutti in Iraq ++

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Consiglio la lettura di un libro scritto sciattamente che però apre visioni storiche, utili per le anime belle che credono che il mondo sia quello rappresentato dai giornali. S’intitola Massoni ed è fresco di stampa. Il libro spiega come sono avvenuti i cambiamenti di alcuni “paradigmi” di pensiero ad opera delle lobby internazionali: la politica degli ultimi secoli (da quando la borghesia regge il mondo), l’eclissi dell’autorità, il libero amore e la droga, l’esaltazione del movimento omosessuale, la teoria del gender.

Si alternano schieramenti contrari: da una parte progressisti keynesiani, dall’altra conservatori militaristi (scatenati negli ultimi anni). Non accade nulla d’importante che non sia voluto da una superlobby. Esempi sono gli attentati a Kennedy, Reagan e Giovanni Paolo II, l’11 settembre, fino all’Isis che ci tormenta in questi giorni. Si spiega così perché tanti occidentali (dei servizi) si affiliano all’Isis (che non è di sola marca musulmana), le donne bionde che parlano inglese (come raccontano le profughe che hanno vissuto con loro) e lo stile mediatico di marca occidentale.

Attentati clamorosi messi in scena come in un film hollywoodiano e la scelta del nemico: il cristianesimo. Stavolta l’obiettivo non è più New York ma Roma. È il tentativo da parte delle lobby atee e guerrafondaie di coinvolgere la Chiesa in quello scontro di civiltà che i Papi non hanno accettato (vedi Assisi). È bene che i cattolici siano concordi, meno ingenui, e preghino.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Paolo scrive:

    Anche se non esistesse una supercupola che controlla il mondo, esiste pur sempre un nemico implacabile, Satana, che perderà il potere, forse nel centenario di Fatima, tra poco, ma sarà dura, alleluia!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana